Dettagli Recensione

 
La donna della cabina numero 10
 
La donna della cabina numero 10 2020-08-08 21:11:32 ALI77
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    08 Agosto, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

NON MI HA CONVINTA

ALL'INTERNO DEL TESTO E' SEGNALATO UNO SPOILER
Devo ammettere che avevo delle aspettative molto alte su questo libro che in parte sono state disattese, Ruth Ware è una scrittrice che riesce a creare delle scene di alta tensione e di suspense, ma qualcosa non ha funzionato.
La protagonista del romanzo è Laura Blackwood, detta Lo, una giornalista che lavora per "Velocity", che si sta preparando a partire per una crociera tra i fiordi norvegesi in uno yacht di lusso chiamato l'Aurora Borealis. Questo viaggio non è di piacere ma lavorativo infatti deve scrivere un articolo per il giornale in cui lavora.
Lo deve sostituire il suo capo Rowan, che è in maternità, questo viaggio calza a pennello in un periodo un po' così della vita della ragazza: è in crisi con il fidanzato e ha da poco subito un furto che l'ha veramente spaventata.
"Tuttavia era il ladro ad aver commesso il crimine. E allora perchè mi sentivo come se fossi io a essere interrogata?"
Lo, nonostante sia ancora scossa da quello che è successo a casa sua, decide di partire ugualmente, inizialmente tutto sembra perfetto fino a che una notte la ragazza vede un corpo finire in mare e trova del sangue sul separé del balcone della cabina affianco alla sua, la numero 10.
Il capo della polizia sulla nave, non crede a Lo, perché la cabina numero 10 è vuota e non c'è mai stato nessuno, eppure la protagonista la sera precedente a quella incriminata, ha visto nella stanza una donna con dei lunghi capelli neri che le ha anche prestato un mascara.
Laura ha dei problemi personali, è molto ansiosa e soffre di attacchi di panico, beve molti superalcolici e prende anche degli antidepressivi.
Questo sicuramente non aiuta molto la sua credibilità, tutto sembra essere contro di lei, tutti, o quasi, all'interno della nave pensano che Lo si sia inventata questa storia, per attirare su di sé l'attenzione.
L'autrice riesce a creare delle scene di alta tensione, il prologo come anche il primo capitolo sicuramente hanno suscitato il mio interesse, poi però ci sono alcuni passaggi del romanzo in cui narrazione si ferma, poi riprende e dalla seconda metà ho trovato che il climax fosse più costante.
Però credo che a questo thriller manchi qualcosa.
In primis, la protagonista non mi ha conquistata, Lo si lamenta troppo di tutto soprattutto nella prima parte, ma in realtà nessuno dei personaggi è stato convincente, forse verso la fine Laura si riscatta un po' e l'ho trovata più coerente.
La trama non è molto originale, leggendo molti libri di questo genere, credo che alcuni passaggi della narrazione, siano simili ad altri romanzi che ho già letto.
Ci sono dei momenti in cui l'autrice spiega dei dettagli che non sono fondamentali per la trama e il romanzo perde un po' la scorrevolezza delle prime pagine.
**INIZIO SPOILER **
Non ho capito come mai l'autrice all'inizio si soffermi nel raccontarci il furto che Lo subisce, ma questo fatto non sembra avere un collegamento con quello che succede dopo, come mai l'ha inserito all'inizio? Perché non è collegato al resto del libro? Forse Ruth Ware vuole farci credere che ci sia un legame ma in realtà non c'è?
Lei non ce lo spiega e a me questa cosa non mi è andata molto a genio, mi aspettavo che ci fosse questo nesso al resto della trama, altrimenti perché inserirlo?

**FINE SPOILER**
Si poteva sicuramente sfruttare meglio la situazione che aveva creato, cioè quella di confinare delle persone in uno yacht, che diventa il luogo dove avviene un crimine, non vi ricorda qualcosa? Non lo dico tanto sapete di che scrittrice famosa sto parlando.
Credo che scoprire chi sia il responsabile dell'omicidio prima della fine sia un male e forse intuirlo prima che l'autrice ce lo racconti, sia ancora peggio.
Sicuramente dovrò recuperare altri libri dell'autrice, per capire se effettivamente mi possa piacere come scrittrice di thriller.
Mi aspettavo molto e alla fine sono rimasta un po' delusa, è un vero peccato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Ho in programma di leggere altri libri dell'autrice così capirò se mi possa piacere come autrice
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La mala erba
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Avere tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flashback
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il girotondo delle iene
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)
Fairy Tale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il treno per Istanbul
Agatha Raisin. Campane a morto
Il caso Agatha Christie
Trappola di sangue
Brave ragazze, cattivo sangue
Il verdetto
Ci vediamo stanotte
Quel che la marea nasconde
Il caso della sorella scomparsa
La ragazza di neve
Un delitto avrà luogo
L'abito da sposo
Bersaglio. Alex Cross
La congiura dei suicidi
Il club delle vacche grasse
Il regno di vetro