Dettagli Recensione

 
Mio caro serial killer
 
Mio caro serial killer 2020-11-25 08:41:16 lapis
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
lapis Opinione inserita da lapis    25 Novembre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Femminicidio a Barcellona

È una Barcellona piena di solitudine quella che fa da sfondo a quest’avventura dell’ispettrice Petra Delicado e del suo inseparabile vice Fermín Garzón, splendida coppia investigativa nata dalla penna di Alicia Giménez Bartlett. Una storia che si snoda attorno al tema quanto mai attuale del femminicidio e che si addentra nell’oscura ragnatela dei siti d’incontri e delle agenzie matrimoniali.

Volti di donne. Fotografie che immortalano pose e sorrisi con cui catturare l’attenzione: la birichina, la pudica, la provocante, l'enigmatica. Fotografie in cui palpita tutta la speranza di trovare finalmente qualcuno con cui dividere la propria giornata, in una città che sa farti sentire davvero solo, avvolgendoti con il suo assordante silenzio.
Volti di donne. Fotografie di cadaveri sfigurati e coperti di tagli profondi, su cui un misterioso assassino seriale si è accanito con singolare violenza. Fotografie di donne che hanno pagato con la morte il bisogno di un po’ di calore, l’ultima illusione di felicità.

Le indagini di Petra e Fermín partono lentamente. Non è una corsa al fulmicotone quanto più un moto ondulatorio, tra errori e false piste, intervallato da esilaranti battibecchi, burrascose sfuriate e immancabili soste al bar. Perché anche di fronte alle più intollerabili brutture, i nostri detective spagnoli rimangono aggrappati all’umorismo, all’amicizia e alla fiducia nel potere ristoratore di tapas e birre.

Come sempre, i gialli della Giménez Bartlett trovano il proprio spunto narrativo nel desiderio di raccontare la complessità delle relazioni più che un’avventura investigativa. I personaggi si interrogano spesso sul senso della vita, sui comportamenti sociali, sulla responsabilità individuale dei colpevoli. Le mostruosità del femminicidio nascono dalla malattia mentale oppure rivelano una crudeltà insita nella natura umana, che vede nell’anonimato del mondo virtuale il terreno ideale in cui operare? Il punto di forza della storia sta dunque non tanto nel risultato o nel colpo di scena, quanto nel cammino e nelle riflessioni che porta con sé.

Per questo, una lettura da consigliare, sebbene non esente da qualche pecca. Il maggior difetto è a mio avviso una certa ripetitività e prolissità, che ne inficiano la piacevolezza complessiva. Devo inoltre ammettere di non riuscire ad apprezzare, per mio gusto personale, l’evoluzione che l’autrice ha disegnato per la propria protagonista negli ultimi lavori. Non riesco proprio a farmi piacere questa Petra più convenzionale, più borghese, più ordinaria, e continuo a rimpiangerne l’esplosiva carica anticonformista dei primi tempi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
siti
26 Novembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Manuela, è proprio la domanda che volevo porti. Ho letto pagine antologizzate del primissimo romanzo con una Petra immersa in un mondo maschilista, molto arrabbiata e critica anche con le donne... mi chiedevo appunto quale evoluzione avesse conosciuto il personaggio.
In risposta ad un precedente commento
lapis
26 Novembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Laura. Non li ho letti tutti, posso però dire che all'inizio il personaggio si connotava sicuramente come ispettrice durissima, cinica, anticonformista, che difende strenuamente la propria solitudine. Negli ultimi romanzi della serie Petra è cambiata molto, si è addolcita - soprattutto nella sfera privata -, ha messo in discussione alcune sue convinzioni, cercando una dimensione familiare diversa. Un'evoluzione positiva, di fatto, con la costruzione di un equilibrio nuovo come donna e poliziotta. Però devo essere sincera, nel bene e ancor più nel male, le caratteristiche originali la rendevano anche unica, molto diversa dalle solite figure investigative femminili rassicuranti, armate di microscopi o di delicata empatia.
Scusa, mi sono dilungata un po' troppo!
Grazie come sempre per l'attenzione,
Manuela
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Gli eredi di Stonehenge
La mappa nera
L'uomo dei sussurri
Gli avversari
In tre contro il delitto
Un sacrificio accettabile
Il castello di Barbablù
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Girl in snow
Avversario segreto
L'ermellino di porpora
Il caso Alaska Sanders
La cameriera
Otto perfetti omicidi
Città in fiamme
Lupa nera