Dettagli Recensione

 
Devozione
 
Devozione 2010-11-17 16:05:30 faye valentine
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
faye valentine Opinione inserita da faye valentine    17 Novembre, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Toxicity

Ho provato molti sentimenti diversi, anche contrastanti, leggendo questo libro. Mi sono chiesta se fosse autobiografico (e non lo è), mi sono chiesta come si potesse arrivare a tanto, mi sono chiesta tante cose... cose che prima nemmeno pensavo esistessero...
La dipendenza è una forma di devozione? La devozione è trasfigurazione della realtà, del desiderio, dell'angoscia di vivere?
Vera cresce con il mito di Christiane F, diventa eroinomane, diventa Nikita. Conduce la sua esistenza tra sert e caccia alle dosi con Pablo, il suo ragazzo, e Clara, la sua amica più cara. Una sera, in piena trance, decide di rapire Annette, compagna di pera conosciuta da qualche ora, e coinvolge anche Pablo. Annette è francese, piena di soldi e sprovveduta. La chiudono nel bagagliaio della 500 e qui "cominciano" i loro problemi.
Sembrerebbe la trama di un thriller come altri, ma non lo è. E' la triste storia di una fetta di vita di Nikita, è l'avvicendarsi delle varie situazioni ed esperienze che la ragazza si trova a vivere, una guerra continua dove non ha mai pace, dove non riesce mai a vincere, perchè l'unica vittoria è sempre quella della droga. Vive solo per avere un momento di sbandamento totale e il lettore vive con lei, con pena, paura, speranza; speranza che viene sempre delusa da ogni sua azione, ogni suo gesto, ogni suo pensiero.
La cosa che ho apprezzato di più del personaggio di Nikita è la sua concretezza: la Lattanzi la descrive facendo numerosi riferimenti a fatti di cronaca, personaggi famosi, canzoni... tutte cose che la rendono una ragazza normale, una semplice ragazza della mia età, a cui piacciono le cose che piacciono anche a me... e questo è il particolare che mi ha toccata maggiormente; molto spesso noi pensiamo ai tossicodipendenti come a persone lontane anni luce da noi, dal nostro impeccabile modo di vivere, di amare, dalle nostre passioni... e invece Nikita è lì, umana e palpitante come noi, eppure così distante, così assente, così alterata.
Lo stile dell'autrice è diretto (scrive anche in dialetto a volte), estremamente realistico, crudo, violento. Racconta le vicende di questo clan di tossicodipendenti con estrema lucidità e forte di anni di studio e ricerca maturati sul campo. E' un romanzo che si sente, che penetra dentro, che non avrei mai immaginato mi potesse sconvolgere tanto. Io non trovo sia una mera esposizione di luoghi comuni sulla droga, come leggevo in una recensione che mi ha preceduta, anzi, tutto ciò che mi aspettavo di trovare non c'è. Ho conosciuto qualcosa di diverso, proprio grazie allo stile dell'autrice, originale e spietato: sarebbe stato facile scriverlo sotto forma di diario, ad esempio. Invece è stato scelto di farne un romanzo, con una trama sovrapposta alla mera storia di droga. E non trovo nemmeno manchi d'introspezione: Nikita pensa spesso a sè, esprime i suoi sentimenti, ma logicamente lo fa da tossicomane, non possiamo pretendere che abbia la lucidità di esprimere un discorso coerente sulla propria personalità e sinceramente, non se ne sente neanche il bisogno, perchè non ci troviamo di fronte a un trattato di sociologia della tossicodipendenza.
E' un romanzo duro, molto significativo, che vuole far riflettere, trasfigurando la vicenda particolare di Nikita verso una realtà più ampia e mettendo in luce quella devozione perversa insita nell'animo umano, che caratterizza ogni tipo di dipendenza, ogni tipo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
è bello quanto fa star male... fate voi...
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Ritratto di donna