Dettagli Recensione

 
Baci a colazione
 
Baci a colazione 2012-03-08 06:53:44 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    08 Marzo, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Baci a colazione di Gaetano Cappelli - Il commento

Romanzo scanzonato e irridente è “Baci a colazione” di Gaetano Cappelli, già premio Hemingway nel 2008 con “La vedova, il Santo e il segreto del Pacchero estremo.”
Serena Drago è una “scrittrice di grandi best seller d’impostazione spirituale new age”. Tuttavia, la sua vena creativa sembra essersi inaridita dopo che il suo ultimo amore, il navigatore solitario Ciro Tempesta, è scomparso in mare. Di questo calo di creatività si affligge l’editore, Fedele Solmi, deciso a tutto pur di rivitalizzare nella Drago la creatività di un tempo.
L’editore pensa dunque a uno stratagemma: incaricare il più che mediocre scrittore Stefano Refoschi, confidando nelle sue doti virili di conquistatore (“maschio, se non proprio Alfa Dominante, comunque scafato”). Di lui un tempo Stefania era innamorata. Stefano, pertanto, dovrà cercare di riaccendere il sentimento nella delusa scrittrice e, in caso di successo, otterrà la pubblicazione del suo ultimo obbrobrio letterario.
Ecco dunque Stefano partire alla volta del resort new age ove alberga la scrittrice in crisi artistica: in quel di Saturnia, la Quercia del Terzo Salmo – così si chiama il centro benessere insediatosi in una zona termale – è un covo di personaggi in cerca di spiritualità ed é gestito dall’ambigua e teutonica Margaux Tielmann, incrocio (psicologico oltre che anagrafico) tra un gerarca nazista e una prostituta. La virago è peraltro dedita, in ruolo predominante, a un amore saffico con la recessiva Ondina Santilli, suonatrice d’arpa e aspirante scrittrice con la sua opera d’esordio: i “Baci a colazione” del titolo!
Il centro benessere diviene un punto di convergenza di personaggi caricaturali che lì si recano, ciascuno con un proprio interesse: Nicole Violante Telodon, “una mummia incartapecorita”, accompagnata da un aspirante editore, il ruspante Eddo Pirrone; l’assistente di Solmi, Vito Capaldi, assediato dalla moglie ninfomane del suo datore di lavoro …
In tale accumulazione di personaggi, fioriscono le situazioni sulle quali si abbatte l’ironia paradossale di Cappelli. Il romanzo diviene dunque un’occasione di satira di costume, nella quale c’è posto per sorridere di molte situazioni della nostra decadente società, oltre che del mondo editoriale: il ricorso al Viagra per pratiche sessuali non ispirate ma da finalizzare, le surreali mostre d’arte contemporanea e i personaggi che le affollano, la cucina artificiale e sofisticata di certi ristoranti (ove, per dire, trionfano “la preparazione concettuale chiamata Bassa Marea” e “il gelato neorealista al tabacco”), l’ambizione di molte donne a contenere gli effetti distruttivi del tempo (“quelle grottesche bambole gonfiabili che affollano i salotti della capitale e non solo”), il clima spiritual-chic dei centri benessere, la mania dilagante di trascorrere le vacanze in viaggi defatiganti e falsamente avventurosi.
In mezzo a questa pantomima, trova spazio un messaggio. C’è un segreto per la creatività? Sì, forse c’é. Io l’ho trovato condensato in una frase: “La vita … si è messa sulle tracce del romanzo”. E’ come ribadire una priorità: quella della vita sulla letteratura. Non vale il viceversa. Questo, per lo meno, è quel che pensa …

… Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ama divertirsi leggendo e apprezza la scrittura "di costume"
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri