Dettagli Recensione

 
Giorni di neve, giorni di sole
 
Giorni di neve, giorni di sole 2012-03-18 22:56:35 peucezia
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
peucezia Opinione inserita da peucezia    19 Marzo, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quando la storia si incontra con la Storia

Periodi brevi e asciutti, quasi come battute musicali o versi di una lunga poesia, quella della vita (e una poesia di Mario Luzi, di fatto, conclude il libro): Giorni di neve, giorni di sole scritto a quattro mani dai gemelli Valsecchi, narra delle vicende di vita di un uomo che ha avuto la ventura di vedere la sua storia personale incontrare la Storia (con la maiuscola), cosa spesso sconvolgente.
Con una prefazione affidata volutamente al premio Nobel per la pace 1980 Adolfo Perez Esquivel, a sottolineare il senso racchiuso nell’intero volume, il libro, scritto in prima persona e con uso continuo dell’analessi, quasi a rimarcare che il racconto sgorghi vivo dal flusso di coscienza del protagonista, narra dell'italiano Alfonso Mario Dell’Orto che, a causa di sconvolgimenti finanziari, si trova a emigrare con la sua famiglia dalla natìa Piazza Santo Stefano alla remota Argentina.
Giorni di neve, tristi e bui, si susseguono a giorni di sole, felici e spensierati: il protagonista incontra Pocha, anch’ella di origini italiane, e la sposa; vive l’Argentina come tutti i suoi abitanti passando dalle speranze perdute della presidenza Pèron all’incessante susseguirsi di dittature. Tuttavia la sua vita è serena arricchita dai suoi figli.
L’eterna neve giunge da una tragedia vissuta da molti, troppi, e il libro è totalmente impregnato da questo dolore senza fine, fatto di incubi e di ricerche (che forse porteranno a uno spiraglio di giustizia): Patricia Dell’Orto e suo marito Ambrosio, genitori da soli venticinque giorni, scompaiono nel nulla un giorno del 1976, per entrare nella grande tragedia dei desaparecidos.
La storia diventa denuncia, angoscia, commemorazione nel nome di Patricia per sempre legato a una targhetta di una Cooperativa di Piazza Santo Stefano.
Tutto cambia, anche "Piazza": ora visi ambrati passeggiano e abitano nel paese... la storia continua.
E a sottolineare il vincolo indissolubile tra storie piccole e Grande Storia, la postfazione spiega asciuttamente le grandi tragedie del mondo, dal massacro armeno ai desaparecidos in Guatemala, in Argentina, alle tante e troppe repressioni di questo mondo non ancora civile.
Non romanzo ma libro di denuncia e di una piccola e grande storia. Per non dimenticare

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
storia contemporanea, storia dell'America latina
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Del nostro meglio
La vita intima
Ombre
Sarò breve
La vita in tasca
Tasmania
Erosione
La città e la casa
Sangue di Giuda
La sottile differenza
Cosa è mai una firmetta
L'altra linea della vita
Ufo 78
Avere tutto
La cosa buffa
Le perfezioni