Dettagli Recensione

 
Questa storia
 
Questa storia 2012-06-03 12:33:03 C.U.B.
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    03 Giugno, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

QUESTA STORIA. Che meravigliosa storia.

Lo so, Baricco non piace a tutti. C'e' chi ritiene che sia troppo pieno di sè e che dalla sua scrittura trapeli il suo presunto narcisismo letterario.
Io che lo amo come scrittore non convengo, ma ognuno la pensa a modo suo ovviamente.
Questa premessa per dire che QUESTA STORIA e' - pur essendo palesemente marchiato dall' inconfondibile penna dell'autore - uno dei suoi romanzi in cui la forma, quella scrittura immaginifica ed eccentrica, passa in secondo piano rispetto al contenuto.
C'e' tanto in questo splendido libro. Questa storia, non e' solo una storia. Tante storie, in una storia.
A PARTIRE DALL'ANNO 1904 .
Ultimo Parri, figlio di Libero Parri e Florence, anni sette.
Un ragazzino magro, gracile, occhi grigio cenere, grandi orecchie. Un'ombra d'oro.
Perche' Ultimo e' un bambino cui la gente non sa resistere, e' speciale, si distingue, stare accanto a lui e’ qualcosa di diverso, qualcosa in piu’.
Ultimo e la sua strada. Ultimo ed il suo sogno.
Libero, suo padre. Uomo di fatica che vende il suo tesoro, le sue mucche, per comprare le radici di un sogno. Perche' lui e' nato per quello e la gente e' davvero viva quando riesce a a fare cio' per cui e' nata.
Florence, bella nei suoi abiti da contadina asseconda il suo uomo, perche' amare non e' distruggere i sogni degli altri.
FRONTE ITALIANO, 1917- Caporetto.
Trincea. Baionette. Granate. Freddo. Fame. Terra. Morti. Tanti. Giovani.
Una lettere in tasca che verra' consegnata da qualcun altro , forse macchiata di chiazze porpora : " Padre vi ringrazio. Grazie per avermi accompagnato al treno, il mio primo giorno di guerra. Grazie per non avere mai pianto. Grazie dell'odore di castagne, quando tornavo dal collegio. Grazie per i giorni e gli anni. Mille volte grazie. Per sempre ".
Giovani uomini ingoiati dalla morte pur uscendo vivi dalla trincea, pur sopravvivendo alla guerra, pur salvandosi dalla prigionia.
2 APRILE 1923 - ELIZAVETA.
Ultimo ed Elizaveta. L'amore, visto dalla peculiare prospettiva di Baricco.
Vi sentirete eccitati, contrariati, inteneriti, scandalizzati da questa donna.
La strada di Ultimo e' una strada con curve e colline che non lascia indifferenti, bisogna viverla a tutta velocita', volare, alzarsi da terra, farsi strattonare dalla forza centrifuga pur mantenendo i piedi ben appoggiati al suolo.

Un libro bellissimo, da un autore che ha voluto unire storia e fantasia, sogni e vita, passato e immaginazione in un racconto intenso, che lascia inevitabilmente il segno.
Mi sono stupita che questo titolo non fosse inserito nel network. Inspiegabile. Un sito cosi' bello non puo' essere che vetrina per un romanzo come questo.

Buona lettura

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Bella rece, Cub!!!!
non conoscevo questo titolo....
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
04 Giugno, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
grazie Silvia !
Effettivamente non c'era nemmeno la scheda. Che strano.
Bella recensione. Mi vergogno un pò ma devo dire che non ho mai letto niente di Baricco.
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
04 Giugno, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
NIENTE ?
Come mai !
Dai , prova con Novecento... E' breve, lì capisci subito se sei un tipo Baricco o no.
Io sono un tipo MOLTO Baricco.
Proverò ho visto che in biblioteca hanno molti libri di Baricco.
Bella recensione, soprattutto perché io il libro l'ho trovato davvero poco attraente, qualche anno dopo avere letto Seta, che trovai banale e noioso, provai a leggere questo, ma l'impressione fu quasi peggiore del precedente tentativo. Non ricordo bene, son passati degli anni, ma so che non mi ha lasciato niente, nessuna emozione, nessuna vibrazione, con la sapienza del bravo artigiano ma con la freddezza e il virtuosismo tipico di chi non ha emozioni da trasmettere ha finito per lasciarmi come mi aveva trovata, cioè molto dubbiosa su suo autore.
Per questo la tua recensione mi incuriosisce ancora una volta, deve esserci e se c'è voglio trovarla, la chiave per capirlo e non avere sempre quella sensazione di già letto e di già sperimentato. Grazie C.U.B
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
05 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
@ Silvia
Sai, io credo che su un autore come Baricco ci sia poco da discutere , nel senso che e' un insieme di emozioni piu' che altro, o si e' predisposti a lui oppure no, per questo si trovano pareri opposti.
Io mi sciolgo come la neve aprendo a caso un suo libro qualunque- ne ho letti parecchi - credo quindi che se Seta e Questa storia non ti sono piaciuti ci sia poco da fare, non sei portata per Baricco.
E' possibile, io lo capisco, non credo ci sia una chiave di lettura.
E' come - per assurdo - l'effetto di un quadro di Picasso. C'e' chi ne vive l'estasi e chi (come me) resta indifferente .
In risposta ad un precedente commento
silvia t
05 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Forse hai ragione, anche per me Picasso era un enigma, non riuscivo a capirlo, non mi piaceva (neanche Giotto per assurdo), poi ho cominciato a cercare di capire cosa Picasso stesse facendo, cosa rappresentassero quello figure strane che metteva su tela e ho alla fine capito che dovevo attraversare il suo percorso, il fugurativo e poi la scomposizione della figura stessa e ho infine imparato ad apprezzare quelle immagini che sono il tutto in una dimensione, tutto lo sguardo che si può avere intorno ad elemento tridimensionale riportato in due dimensioni, tutte le emozioni che suscitano e tutto si è colorato di luce e di bellezza, continuo ad amare molto di più gli impressionisti, ma almeno ora lo apprezzo ( così successo per Giotto) Allora ho imparato a vedere con i suoi occhi e a sentire con il suo cuore....vorrei fosse così anche per Baricco... ma forse non c'è speranza davvero....:-(
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri