Dettagli Recensione

 
Diecipercento e la gran signora dei tonti
 
Diecipercento e la gran signora dei tonti 2013-04-05 10:10:39 gracy
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
gracy Opinione inserita da gracy    05 Aprile, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Centopercento…autentico

Questa è la storia di una famiglia che non abbraccia un microcosmo bensì una società intera.
La bellezza di questo piccolo romanzo è sicuramente legato ai suoi contenuti, parte da una storiella semplice e quasi insignificante per spiccare il volo man mano che si sviluppa la trama di questa famiglia così legata a quei principi atavici che quasi prepotentemente fanno capolino nelle famiglie: il rispetto, la tenacia, l’orgoglio e i soldi.
Margherita (che per qualche aspetto mi ha ricordato quella famosa “bulgakoviana”) è una donna matura, che da molti anni non intrattiene i rapporti con la sua famiglia di origine, solo dopo aver appreso che lo zio è morto in seguito a una fucilata in pieno viso, si rimette in gioco e va al suo funerale con tutte le intenzioni di dare un seguito a quel passato che sembrava chiuso e sepolto. Ma chi può dare voce agli interrogativi se non chi ha creato le pentole e non ha creato i coperchi? Il diavolo certamente! Ecco che compare lo zio Gianni detto "Diecipercento", sottoforma di alito di vento, di spirito buono, ormai innocuo e desideroso di conoscenze finora a lui sconosciute e lo fa con pensieri e gesti che finora non aveva conosciuto in vita, assaporando lievemente squarci di felicità finora mai provate.
Dare voce a tanti interrogativi nella vita è molto difficile e lo è altrettanto quando siamo noi in prima persona che ci rifiutiamo di colmare le mancanze e sottoforma di dispetti o di veri e propri inciuci creiamo dissapori che solo col buon senso non sarebbero mai esistiti.
Il male c’è e lo tastiamo tutti i giorni, in tutte le sue forme e in tutte le sue sembianze, non sempre esiste un omicida, non sempre la colpa è degli altri e non sempre tutto è come lo disegniamo noi, facile eh….già, basta poco e il male imperniato anche tra un ossicino e un interstizio all’occorrenza salta fuori per creare danni e infelicità.
Antonella è stata brava a creare queste condizioni di dispiegamento di forze, sotto forma di un requiem non accorato, nel senso che in poche pagine ha racchiuso la vita autentica e più vicina al pensare comune, mettendoci molto della sua persona di donna e scrittrice: dall’amore per la natura e gli animali, dai viaggi in terre lontane fino ad arrivare alla destinazione più vicina, quella della bellezza dei rapporti umani ….anche quelli infarciti di presenze vuote e di assenze invadenti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Aimee Bender, Claudiléia Lemes Dias
Trovi utile questa opinione? 
280
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

7 risultati - visualizzati 1 - 7
Ordina 
Grazie mille Gracy! Recensione ben scritta e molto "sentita":-) Tra poco la condividerò anche su Fb. Un abbraccio.
MagicalRobert
05 Aprile, 2013
Ultimo aggiornamento:
05 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Scusa Gracy, in cosa ti ricorda la Margherita di Bulgakov?
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
05 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Quoto Magical: in che cosa?
Bella e interessante recensione!Brava!
In risposta ad un precedente commento
petra
05 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
" presenze vuote e di assenze invadenti "....splendida recensione , invitante e partecipata. Bravissima:)
L'ho letto anch'io!!! :)
In risposta ad un precedente commento
gracy
06 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
@Magical e Cristina
La Margherita del libro e la Margherita di Bulgakov oltre ad avere le stesso nome (che a me piace tanto) li accomuna l’amore, la prima ama incondizionatamente il suo uomo e Maestro e lo preserva da ogni attacco esterno , la seconda ama il suo Maestro anche quando l’ha lasciata e accetta compromessi pur di riconquistare e preservare il suo amore….donne che amano e che conquistano la felicità grazie all’amore autentico e alla tenacia, donne pure.

@Sharma, Fede, Bruno, Antonella

:)))
7 risultati - visualizzati 1 - 7

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempi duri
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri