Dettagli Recensione

 
La vita accanto
 
La vita accanto 2013-04-22 13:07:53 gracy
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
gracy Opinione inserita da gracy    22 Aprile, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quando la vita accanto è anche un bell’anatroccolo

Ho iniziato a leggere questo libro un po’ per caso, ne avevo sentito parlare molto qualche anno fa e poi l’avevo lasciato nel dimenticatoio fino a quando ieri sera sfogliandolo iniziai a leggere il primo capitolo e non l’ho più mollato fino alla parola fine.

“Una donna brutta non ha a disposizione nessun punto di vista superiore da cui poter raccontare la propria storia. Non c’è prospettiva d’insieme.”

Rapita….ecco cosa ha fatto la storia e la pungente penna della Veladiano, mi ha rapita e tenuta ostaggio assieme a quella figura orripilante che nessuno voleva, che nessuno amava, che suscitava pena e sconcerto a tal punto da causare morte e far insediare la tristezza. Si, il dolore a volte è così potente che può spingere gli uomini dove non si vuole davvero andare.
Brutta…è brutta Rebecca è di una bruttezza rivoltante, una bruttezza innata, sbrecciata, indicibile. E’ il Belfagor, è l’Elephant man che solo pochi amano e che gli altri rigettano con l’atteggiamento dell’indifferenza, come consueto modus operandi della società che desidera avere accanto solo quello che fa bene alla percezione dei sensi e dove la bellezza è visibile e godibile.
Per Rebecca era una grazia l’invisibilità.
Una presenza ingombrante quando si parlava dell’inserimento a scuola e invece Rebecca silenziosamente era una bambina intelligente, o quando doveva fare le prove per entrare al Conservatorio, Rebecca suonava il piano meravigliosamente, ma solo per pochi, solo nelle quattro mura domestiche. Crescere incompresa e schivata era il punto di partenza del suo amore per la vita, fatta di silenzi e di ampi spazi, come quelli che immaginava tutte le volte che apriva le finestre per respirare l’aria pura, che era l’ unica cosa che rigenerava la sua triste vita. L’aria che era capace di entrare nei polmoni e a fare attecchire l’edera più insidiosa e incontrollata, che copriva il male di vivere che non vedeva dentro di se, ma dentro gli altri. Crescendo, Rebecca matura l’idea che finora ha abitato in una casa che sembrava un sacchetto di bonbon scaduti, che le cose andavano capite diversamente e che le risposte puntualmente arrivavano dall'esterno di quella cappa familiare che le aveva inculcato il concetto che nascere brutta è come nascere con una malattia cronica che può solo peggiorare con l’età.
Rebecca pensa, Rebecca si ama e Rebecca sceglie di vivere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...

Trovi utile questa opinione? 
310
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Come si fa ad essere innatamente brutti..? ^.^
La 'bruttezza' non esiste :D Almeno non fisicamente
In risposta ad un precedente commento
gracy
22 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Bella domanda Rondi! Povera Rebecca....i nonni pensavano che la colpa fosse del DNA!
lo devo leggere da tempo!
E' triste constatarlo, ma sono soprattutto gli uomini a colpevolizzare le donne brutte, trattandole con disprezzo o ignorandole.
In risposta ad un precedente commento
Sharma
22 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Gracy metto in lista lunghissima dei miei libri d'acquisto, da qui hai prossimi dieci anni! Baci!
Grazie ragazze...ancora più brutto se a colpevolizzare un individuo delle sue fattezze è la famiglia!
In risposta ad un precedente commento
petra
22 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Gracy, commento magnetico....si percepisce tutta la tua sensibilità. Bravissima, davvero....
In risposta ad un precedente commento
rondinella
23 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
È vero verissimo *.*
Io ne so qualcosa, ma per fortuna il mio anonimato è un vantaggio dato che i ragazzi dalle mie parti sono tutti un po' (un bel po') sempliciotti.

Secondo me il termine 'bruttezza' può essere riferito solo a ciò che riguarda il carattere, i modi di fare, il comportamento... una 'innata' bruttezza fisica non credo esiste, anche a tratti non proprio gradevoli ci si abitua e con un po' di osservazione si trova qualcosa di grazioso... o no?

A me piace osservare la gente (è utile per disegnare ;P).
Comunque si parla molto bene di questo libro, brava gracy!
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
23 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Bellissima rece Gracy, lo leggero' !
In risposta ad un precedente commento
gracy
23 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Rondinella il tuo feedback è importante...grazie
11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno di vetro
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
In silenzio si uccide
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La congiura dei suicidi
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il sogno di Ryosuke
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Lepanto nel cuore
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Mordi e fuggi. Il romanzo delle BR
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro