Dettagli Recensione

 
Pane e tempesta
 
Pane e tempesta 2013-07-31 17:07:24 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    31 Luglio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quanti nomi!

La vicenda narrata si liquida in due parole: un paesino (“Continuavano a chiamarlo Montelfo, o il Paese del Buon vento, ma non assomigliava più al suo nome”) viene preso d’assalto dalla speculazione edilizia (“… hai sentito i rumori nel bosco? Una ruspa gigante sta aprendo la strada, poi arriveranno le seghe meccaniche. Faranno una strada. E qua, nel belvedere del bar faranno degli appartamenti, un ristorante di lusso e un supermarket e un circolo tennis …”), che si avvale di autentici mostri (“Un meccano sauro Rex taglia-sega-strona e una ruspa Triceratops, che procedevano insieme facendo scempio di castani e faggi”) per sferrare il proprio attacco all’ecosistema.
Intorno a questo elementare filo conduttore Stefano Benni costruisce una girandola di situazioni comico-paradossali e una giostra di personaggi: per citarne una microscopica parte “… il vigile Timoteo, detto Cardellino, da quando aveva ingoiato un fischietto … Bellosguardo, sarta dotata di vista acutissima. Era capace di infilare un ago anche durante una cavalcata amorosa … Carmela Culobia, esperta e fortunatissima giocatrice … Maria Sandokan … donna di leggendario vigore fisico … Frida Fon, la parrucchiera, inventrice del capello supercotonato …”
Tra riflessioni semiserie (“Il passaggio dalle tre azioni fondamentali del pitecantropo alle ventisette dell’umano medio si chiamava civiltà”) e battute umoristiche di varia gradazione (“Tutti devono morire, anche le cose, anche i luoghi, e così le persone – disse solennemente Vitale il becchino”) Benni gioca con le parole, la fantasia e la ricchezza delle immagini. Ne esce un romanzo che è un po’ Gianni Rodari, un po’ farsa, un po’ avanspettacolo.
Personalmente ho avvertito un eccesso nel numero dei personaggi e delle situazioni, che talvolta mi sono sembrate un po’ forzate, e ho percepito un senso di sazietà da abbuffata.
Forse l’autore si è lasciato prendere un po’ troppo la mano, ma come non capire uno scrittore che non si arresta mentre si diverte con pensieri e parole e non resiste al richiamo ancestrale del gioco?

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... Rodari!
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Chi sa giocare, forse sa vivere più spensieratamente... ;))...e io trovo simpatici i giocherelloni...
Pia
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri