Dettagli Recensione

 
Maruzza Musumeci
 
Maruzza Musumeci 2013-12-27 16:59:05 Cristina72
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Cristina72 Opinione inserita da Cristina72    27 Dicembre, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il canto delle sirene

Basta che Camilleri chiuda gli occhi “pi vidiri le cose fatate”, ed è così che la storia del contadino che sposa la sirena, ricordo della sua infanzia, diventa un racconto dal sapore arcaico, condito di ironia e sensualità.
Gnazio Manisco, contadino e muratore, torna a Vigàta, suo paese natale, dopo venticinque anni passati in America. Lo attende un destino insolito, perché insolite sono le due principali scelte della sua vita: la terra che acquista e la donna che sposa.
La prima, lo capisce al primo assaggio (“...pigliava ’na pizzicata di terra tra il pollice e l’indice e se la mittiva supra la lingua”), è terra buona, ma nessuno la vuole comprare: l'ultimo proprietario, svegliato una notte da un lamento, impazzì dopo un incontro ravvicinato con un mostro marino.
La seconda cruciale scelta si chiama Maruzza Musumeci, e forse perché nata su una barca in mezzo al mare ogni tanto crede di essere una sirena e sente forte il richiamo dell'acqua.
Glielo spiega la gnà Pina, vecchia un po' strega e sensale del paese, dopo mesi di proposte andate a vuoto ed un divertente siparietto di candidate.
“Stavota la cosa mi pare seria”.
Quelle dedicate alla gnà Pina, personaggio chiave del romanzo, sono pagine spassose e cesellate alla perfezione, tra battute salaci, proverbi antichi e cantilene magiche.
Le titubanze di Gnazio, che oltre ad odiare da sempre il mare teme di ritrovarsi per sposa una matta, svaniscono di fronte alla rara bellezza di Maruzza: “Era meglio di tutte le fimmine che aveva vidute nella Merica”.
E soprattutto: “Da sutta la gonna spuntavano i piduzzi che addimostravano che era fimmina e no sirena”.
Sirena o no, dal momento che l'amore si impossessa di lui nessun ostacolo gli sembra insuperabile e l'aura di stranezza che circonda la sua amata sembra accecarlo deliziosamente: “La vogliu”.
Maruzza canta in greco antico e la sua voce è un vento caldo che ammalia, annusa il suo pretendente e gli lecca la punta dell'orecchio: “Bono”, sentenzia, e ricomincia a cantare.
A certe sue stravaganze Gnazio si adatta facilmente grazie ad un matrimonio felice e alle gioie dei sensi: “Fimmina era, eccome se era fimmina! La natura fimminina era indove doviva essiri. Che minchiate gli contava Maruzza?”
Del resto, dal canto di una sirena che ama non c'è nulla da temere (la sua passionalità è anzi illimitata), ma da una che serba rancore è meglio stare alla larga.
Lo capiranno a loro spese due uomini, due “Aulissi” (lo scrittore strizza l'occhio al mito di Omero), contro cui occorre vendicarsi per un torto subito nella notte dei tempi...
La guerra e i bombardamenti arrivano alla fine della storia e turbano la quiete terrena, ma nulla possono contro quella ultraterrena. Basta accostare l'orecchio a una certa conchiglia per dimenticare il trambusto di mitragliatrici e cannoni, ascoltando un canto melodioso...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

9 risultati - visualizzati 1 - 9
Ordina 
gracy
27 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Sublime recensione che esprime appieno l'essenza di Maruzza, non è grandioso il Sommo nel raccontare il "cunto"? Il casellante...è il secondo...perché ho la pelle d'oca quando si parla della trilogia della metamorfosi?
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
28 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie a te per avermi segnalato la Trilogia! La prossima volta tocca al Casellante, 'nca certo :-)
BEPUZ
28 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Gran bella recensione, del Camilleri penso che non si debba dire nulla del gran Maestro qual'è...Posso suggerirti "La mossa del cavallo" sempre di Andrea Camilleri?
Bellissima recensione Cristina, mi intriga molto questa trilogia...
Bellissimo commento ! Il libro e' in ld da un po', devo darmi una mossa...
@Giuseppe: grazie dell'apprezzamento e del suggerimento, la trama sembra molto originale! Leggerei volentieri la tua recensione, puoi chiedere alla Redazione l'inserimento del titolo.
@Enrico e @Cub: vi ringrazio e ve ne consiglio senz'altro la lettura, che soprattutto nella prima parte è anche molto divertente! :-)
In risposta ad un precedente commento
BEPUZ
29 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Non so come si faccia a comunicare con la Redazione per l'inserimento del titolo. Il libro l'ho letto tanti anni fa..Attendo volentieri una Tua recensione se la trama ti ha intrigato....poi ti rivelero' un particolare sul finale ;-)
In risposta ad un precedente commento
gracy
30 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Il Sommo sa essere straordinario...e quelli che scrive una volta letto non lo dimentichi più, compreso le decine di Montalbano
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
30 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Allora lo metto fra i primi della lista! Comunque per inserire un titolo basta contattare la Redazione o cliccare “Per i lettori”(in altro a sinistra), dove trovi l'apposito modulo. Buone letture!
9 risultati - visualizzati 1 - 9

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Ritratto di donna