Dettagli Recensione

 
Come Dio comanda
 
Come Dio comanda 2014-01-15 23:00:57 mariaangela
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
mariaangela Opinione inserita da mariaangela    16 Gennaio, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una grande storia d’amore: un figlio e un padre.

Sono sorpresa, commossa, perplessa… il cuore colmo di triste gioia per i sentimenti di infinito, incommensurabile amore, ma anche stima, fiducia, paura, rispetto, che questo ragazzino di tredici anni, Cristiano Zena, nutre nei confronti di suo padre Rino Zena.
Un trasporto talmente incondizionato che Cristiano smetterà gli abiti in verità mai indossati, di adolescente bisognoso di cure e protezione, e diventerà egli stesso genitore protettivo, sfidando le sue stesse forze, fisiche e psicologiche, spinto da quel legame che è il nostro stesso sangue, che siamo noi stessi....che è questo padre, che non è solo l’unica persona al mondo che gli resta, è la sua stessa vita e il suo stesso mondo. E’ il suo riflesso e la sua immagine.
Ma tutto sommato, anche Rino che inizialmente mi fa soffrire, per come tratta questo figlio, per quanto pretende da lui, per quanto lo spinge a mettersi alla prova, per quanto lo obbliga a sfidare e pretendere sempre più da se stesso, in fondo lo stringe sempre in un abbraccio, da lontano, affinchè il figlio impari a saper vivere e difendersi da sé e dagli altri in questo difficile mondo.

Intorno un clima cupo e schizofrenico, tenebroso e piovoso, una bufera non solo atmosferica si abbatte su questi e altri personaggi, ognuno con la sua storia e i propri orrori. Una pioggia che invece che lavare e portare via le malvagità, scarica buio, fulmini e freddo su queste anime già così tormentate. E quando le nuvole torneranno ad aprirsi e il cielo a riaffiorare, nulla sarà più come prima, tutto andrà sanato e risolto.
Il non più piccolo Cristiano, -ma lo è mai stato?- spinge tra il fango una carriola, tra lacrime non versate e sudore.

“Io non ho paura di morire. Solo chi ha paura muore facendo stronzate come camminare su un ponte. Se a te di morire non te ne frega niente puoi stare tranquillo che non cadi. La morte se la piglia con i paurosi. E poi io non posso morire. Almeno fino a quando non lo deciderà il Signore. Non ti preoccupare, il Signore non vuole che ti lascio solo.
Io e te siamo una cosa sola. Io ho te e tu hai me.
Non c’è nessun altro. E quindi Dio non ci dividerà mai.”

“Io non ti ho abbandonato. Ti sto solo aspettando.
Ti voglio bene.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Ammaniti
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

10 risultati - visualizzati 1 - 10
Ordina 
Dai che bello quando si sente cosi' fortemente un libro :-)
SARY
16 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Bravissima! Un romanzo crudo e ingiusto, anche a me è piaciuto molto.
In risposta ad un precedente commento
gracy
16 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Mi associo alle altre...che trasporto :))
Bella recensione Mariangela! :)
In risposta ad un precedente commento
mariaangela
17 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
ciao C.U.B. si, Ammaniti mi fa questo effetto. Leggerlo non mi fa propriamente piacere, ma mi strappa il cuore.
Mariangela
In risposta ad un precedente commento
mariaangela
17 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
ciao Sary grazie, crudo e ingiusto è una definizione che sposo pienamente :)
Mariangela
In risposta ad un precedente commento
mariaangela
17 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Gracy è un trasporto contro la mia volontà, come dicevo a C.U.B. Ammaniti esercita su di me una violenza durante la lettura, mi dico sempre non lo leggerò mai più....
un caro saluto Mariangela
In risposta ad un precedente commento
mariaangela
17 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Robbie grazie. Con questo chiudo con Ammaniti!!!! .... L'ho detto anche con "Fango" e "Ti prendo e ti porto via".... non mi fa benissimo leggerlo...forse mi coinvolge troppo e non me ne rendo conto....
Un abbraccio Mariangela :))))
Un grande libro, forse il miglior Ammaniti...il tuo commento è bellissimo e molto sentito, mi ha fatto rivivere le stesse emozioni del romanzo che, come dici giustamente tu, strappa il cuore...
In risposta ad un precedente commento
mariaangela
17 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
ciao Enrico, anche questo tuo commento è molto bello e sentito...si capisce che ti ha dato grandi emozioni.
Grazie
Mariangela
10 risultati - visualizzati 1 - 10

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Ritratto di donna