Dettagli Recensione

 
Illmitz
 
Illmitz 2014-02-04 06:34:09 LittleDorrit
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
LittleDorrit Opinione inserita da LittleDorrit    04 Febbraio, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ritrovare se stessi

A bordo di una corriera viaggia un ragazzo di venticinque anni.
Ha lasciato il suo appartamento di Roma per raggiungere Illmitz, cittadina di confine tra Austria e Ungheria.
È solo ma gli tengono compagnia pochi oggetti personali chiusi disordinatamente in uno zaino e tanti pensieri che gli affollano la mente e gli pesano sul cuore.
Questo non è un viaggio di piacere.
È una fuga camuffata da una città e da una quotidianità che lo rendono claustrofobico e inadatto.
È l'allontanamento volontario da un amore che riempie la propria solitudine ma che, talvolta, viene percepito come ingombrante ed invalidante.
È l'andare incontro ad un dolore rimasto sepolto troppo a lungo.
Ripartire dalle origini.
Questo è il proposito.
Nella cittadina dove la sua famiglia ha mosso i primi passi verso una vita migliore, vuole ritrovarsi e ritrovare la luce della vita.
Davanti a lui si proiettano pigre giornate e passeggiate in posti senza volti.
In questa nuova routine la mente è investita dai ricordi di un passato recente, da sensazioni visive pulsanti e dal turbamento derivante dal senso di smarrimento e inadeguatezza che si accompagna ad incomprensibili sogni.
Il viaggio dona risposte.
La sua, non si farà attendere.

In questo romanzo breve e introspettivo, deliziati dall'eleganza di una prosa intrisa di malinconica poesia, ci si affaccia nella vita di un giovane di cui non conosciamo nemmeno il nome.
È un viaggio cieco, ripiegati sull'anima distorta dall'inquietudine ma che si mostra senza veli ad un pubblico attonito.
Durante la lettura si viene risucchiati dal vortice dei suoi pensieri che nella quiete di Illmitz prendono forma trovando la loro giusta dimensione. Il lettore, così, diventa abile fruitore di monologhi interiori, amico di vecchia data che partecipa ai ricordi e muto spettatore di strani sogni.
La narrazione in prima persona, ovattata ma fluida, ci racconta un ragazzo che gradatamente diventa un uomo segnato dalla vita. Se dovessi trovare una pecca, direi che la maturità di questo venticinquenne, risulta troppo dilatata, per certi aspetti inverosimile rendendolo, infine, poco credibile.
La prosa è armonica, perfetta.
La Tamaro torna a distribuire emozioni con il suo tocco delicato ed inconfondibile.
Questo romanzo pur essendo un'opera prima, non delude e, inoltre, lascia spazio alle considerazioni.
Una lettura coinvolgente, da compiere immersi nel totale silenzio per percepire ogni minimo moto dell'anima che questa storia regala.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
280
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

10 risultati - visualizzati 1 - 10
Ordina 
bel commento Marcella, incisivo nell'analisi dello stile e dei contenuti!
Hai letto altro della Tamaro?
In risposta ad un precedente commento
LittleDorrit
04 Febbraio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Silvia! Sì, ho letto Va dove ti porta il cuore ero alle superiori ma di quel libro ricordo tutto. Mi piace molto lo stile della Tamaro. Una bella penna che sa scavare nei sentimenti umani. :)
Bella recensione, Marcella!
In risposta ad un precedente commento
LittleDorrit
04 Febbraio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Anna....:)
Invitante, devo riprendere la Tamaro perche' VA COME TI PORTA IL CUORE mi era piaciuto tanto.
In risposta ad un precedente commento
LittleDorrit
04 Febbraio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Sì Cub, la Tamaro non si può né snobbare né accantonare....io l'ho fatto per troppi anni e adesso leggendo questo breve scritto mi sono accorta di quanto mi sia mancata la poesia delle sue parole e delle sue espressioni. Dovrò rimediare anch'io....Grazie per l'apprezzamento. :)
Dritta al punto senza inutili sbavature pseudoculturali. Complimenti Marcy, la Tamaro non mi convince più di tanto ma la tua ottima analisi decisamente sì!
In risposta ad un precedente commento
LittleDorrit
04 Febbraio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Cristina! Cerco di non dilungarmi su cose che spettano ai veri addetti ai lavori...do il mio piccolo contributo con umiltà e sincerità...l'unica cosa che davvero mi appartiene. :)
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
04 Febbraio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Sai trasmettere in modo chiaro le tue emozioni. Ho letto con piacere la tua rece :-)
In risposta ad un precedente commento
LittleDorrit
04 Febbraio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Sei un tesoro....ma questo già lo sai :)
10 risultati - visualizzati 1 - 10

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri