Dettagli Recensione

 
Il libro dell'amore proibito
 
Il libro dell'amore proibito 2014-03-13 17:00:50 mia77
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
mia77 Opinione inserita da mia77    13 Marzo, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il libro dell'amore proibito di Mario Desiati

Mi è piaciuto questo libro, che parla di un amore impossibile ai più e possibile per Veleno e Donatella, costretti a stare lontani a causa dell’età anagrafica (13 anni lui e 30 lei) e per questo considerati “anormali”.
In questo libro l’attrazione di Veleno per la sua professoressa di educazione tecnica diventa ossessione. Veleno ha visto per anni lo zio, padrino di cresima e fedele adoratore della Maria Addolorata, in adorazione durante la vestizione della stessa ( “la sua dedizione sfocia quasi nella mania che hanno i solitari, i puri di cuore, i pazzi”) e da questo zio ha assorbito la devozione verso l’oggetto d’amore (“quando ero un bambino ho imparato che esistono amori impossibili, ma talmente grandi e innominabili che non si possono spiegare”). Per lui la devozione per Donatella (che agli occhi altrui sembra deviazione) è l’unico possibile modo di amarla. Qui si intravede, quindi, l’unione e l’intreccio della sfera religiosa con quella della sensualità, che si confondono e gli fanno vedere l’amore come sacrificio e devozione.
Il loro amore, nato in sordina, si nutre della distanza che li divide per quasi dieci anni e da questa prende la sua forza vitale.
Le frasi che mi hanno maggiormente colpita sono le seguenti:
“mia nonna Comasia, dopo avermi condotto innanzi a un muro, mi confidò che se volevo conoscere fino in fondo cos’era la gioia, avrei dovuto trovare un ostacolo da scavalcare”;
“c’era un’ora ogni settimana che mi sentivo un ragazzo come gli altri. E questo era merito della professoressa di educazione tecnica, l’insegnante che in un cambio d’ora alle soglie dell’aula dei professori, era rea di “entrare nel recinto” con le belve”;
“…la verità era che uno è davvero in famiglia quando è se stesso. Non ero me stesso quando ero a casa, lo ero con le mie vite immaginarie… ero me stesso nel mondo che gli altri definivano un mondo di fantasia. Soltanto lì”;
“Per la saliva di quella bocca sarei morto”;
“La bellezza è nell’istante, ma la grazia nel tempo”;
“E’ saggio il silenzio”;
“Ponetemi un divieto e lo infrangerò. Solo quando oltrepassi l’impedimento assapori la conquista”;
“Nessuno mi ha mai proibito di amare qualcun altro, ma me lo sono proibita io stessa, è l’unico amore che si può vietare…forse…” ( glie la dice la nonna Comasia);
“Ho imparato a tollerare le persone convinte d stare nel girone dei retti. Uomini e donne persuasi di essere stati investiti di una missione moralizzatrice dell’umanità”;
“Proibitemi d’amarla e l’amerò per sempre”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Ma quale amore? Si fa davvero uso ed abuso di questa parola, spesso per giustificare aberrazioni.
In risposta ad un precedente commento
mia77
14 Marzo, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Nemmeno io sono dell'idea di una unione tra un bambino di 13 anni e una donna di 30. Ciò non toglie che da parte sua sia amore, visto che dopo 10 anni lui non si è innamorato più di nessun' altra, perchè è ancora innamorato di lei e i due decidono di trascorrere la loro vita insieme. L'autore scrive il libro cercando di non giudicare i protagonisti e io l'ho letto con questa intenzione. Anche se non condivido la loro scelta, ho letto un bel libro e non mi sento di giudicare le scelte dei protagonisti. Chi siamo noi per giudicarli?
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
15 Marzo, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
E' facile plagiare un tredicenne. Io mi riferivo alla prof trentenne, che avrebbe fatto bene a tenere per sé il suo grande “amore”. Esiste un codice penale per certe cose e a giudicare ci stanno i giudici.
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Io sono il castigo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Eredità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il senso della mia vita
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Primavera
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Ohio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La selva degli impiccati
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La locanda del Gatto nero
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una lettera per Sara
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Come un respiro
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Predatori e prede
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
La pista. La prima indagine di Selma Falck
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo scarafaggio
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri