Dettagli Recensione

 
Il nero e l'argento
 
Il nero e l'argento 2014-05-15 11:26:46 silvia71
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    15 Mag, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il nero e l'argento

Paolo Giordano utilizza due colori per battezzare il suo nuovo romanzo: il nero e l'argento.
Due colori molto diversi, simboli muti di due cuori, due anime, due modi di essere.

Questa terza pubblicazione vede la penna dell'autore cimentarsi in un lavoro breve, ma non privo di intensità e di contenuto.
Il flusso narrativo è concentrato prevalentemente nella voce di uno solo dei protagonisti, la quale voce raccoglie e rielabora un insieme di ricordi e di immagini slegati da continuità temporale.
Al di là dei nomi e dei volti, appositamente sfocati, i protagonisti della storia sono i complessi meccanismi di coppia e familiari, la loro solidità o fragilità; insomma quel micro-mondo che si crea tra le mura di casa, con regole, consuetudini, equilibri.
Una famiglia giovane, la gestione della quotidianità, la ricerca della completezza dell'uno nell'altro, le mancanze, i silenzi; eppoi le finestre si aprono ed entra una ventata d'aria fresca tra quelle mura, che come una scossa elettrica riporta il riappropriarsi della vita, divenendo collante tra particelle oramai alla deriva.
Paolo Giordano in pochissime pagine riesce a far parlare i sentimenti, portando in superficie tutti i colori dell'anima; ci sono le tinte fosche dell'incomprensione e della chiusura, le sfumature nebulose dell'evanescenza e della superficialità, eppoi i colori più accesi sprigionati dai momenti più intensi della vita.
Si intrecciano prepotentemente l'amore ed il dolore, la vita e la morte, come due facce alterne di un'unica medaglia.
La vita raccontata da Giordano non fa sconti a nessuno, scorre tra dolcezze e amarezze, scandita da un'alternanza di momenti chiari e scuri.
E' palpabile una vena di pessimismo che scorre lenta e sotterranea, indugiando sotto le maschere dei ruoli ricoperti in famiglia e nella società.

Ritorna anche in questo romanzo il tema della solitudine già emerso e scandagliato ne “La solitudine dei numeri primi” e ne “Il corpo umano”; è una solitudine amara come veleno ed insidiosa, camuffata dapprima dal desiderio di condivisione e realizzazione attraverso la coppia eppoi esplosa nel luogo più intimo, come il focolare domestico, luogo che dovrebbe unire e cementare gli animi.
“Il nero e l'argento” è un'ottima prova di scrittura, che mette in luce la crescita stilistica dell'autore; il linguaggio è diventato più raffinato, l'espressività è potenziata.
Giordano si conferma un autore capace di indagare l'uomo, senza scivolare nella banalità e nello stucchevole, infondendo ai propri scritti un'emozionalità forte, fotografando situazioni figlie del quotidiano e della società attuale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La solitudine dei numeri primi
Il corpo umano
Trovi utile questa opinione? 
350
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

9 risultati - visualizzati 1 - 9
Ordina 
Bellissimo commento, Silvia. Mi sembra molto interessante. Lo leggerò.
Bella recensione, Silvia. Da essa emerge un libro che merita di essere letto. A me, l'opera prima dell'autore è piaciuta solo 'a metà' (in senso letterale: valida solamente la prima parte). Dal tuo commento, il nuovo romanzo risulta migliore.
Bravissima Silvia! Questo autore è interessante....hai ragione nel dire che non cade nella banalità. :)
Bello (libro e commento)!!! :-)
Interessante segnalazione Silvia e bellissima opinione. A me purtroppo la solitudine dei numeri primi non era piaciuto molto...anche lì aveva scandagliato per bene l'animo dei protagonisti
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
16 Mag, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Cinque su cinque !
Mannaggia e mentre tu te la godevi io mi strappavo i capelli con quella canadese...
In risposta ad un precedente commento
Robbie
16 Mag, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
@ Cub: va mica ben così, anche se di solito le tue letture sono molto soddisfacenti e quindi i capelli possono rigenerarsi tranquillamente...altrimenti ci toccherà regalarti una cuffia antistrappo o al limite una parrucca (col vantaggio di poter eseguire una gran moltitudine di strappi) :-P
@ Cub e Silvia: a questo riguardo vi rimando al commento a "vecchi a mezzanotte" di Marika (e intanto io penso al bicromatismo di Giordano e me la rido per la tricologia di Robbie) :-)

06 Giugno, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
delicato... come il nostro precario equilibrio.
9 risultati - visualizzati 1 - 9

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il senso della mia vita
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Primavera
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Ohio
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
La selva degli impiccati
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La locanda del Gatto nero
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La pista. La prima indagine di Selma Falck
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo scarafaggio
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Se scorre il sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il copista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dove crollano i sogni
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cerchi nell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri