Dettagli Recensione

 
Il veleno dell'oleandro
 
Il veleno dell'oleandro 2014-11-08 12:49:07 LolloP
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
LolloP Opinione inserita da LolloP    08 Novembre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'abito non fa il monaco...

Ho letto questo romanzo di una scrittrice siciliana a me sconosciuta spinto, lo ammetto, dalla bellezza del titolo.
Ho trovato " Il veleno dell'oleandro" un titolo dal grande magnetismo evocativo e , forse in maniera un poco sconsiderata, ho sperato che il contenuto potesse rispecchiarne la forza.
Purtroppo, come di solito accade, tra il talento di un autore e il titolo accattivante attribuito al proprio lavoro vi è un divario abissale.
Questa ne è la conferma.
Voglio prima di tutto delineare brevemente l'unico punto di forza che ho trovato in questa lettura: lo stile dell'autrice.
La Sicilia che fa da sfondo alle vicende della famiglia Carpinteri è descritta superbamente.
La cura e l'eleganza del linguaggio,frutto di un accurato labor limae , e l'amore per i piccoli dettagli descrittivi sono elementi che ho apprezzato e che di certo mi hanno aiutato nel proseguire in una lettura per altri aspetti decisamente poco coinvolgente.
Ad uno stile di scrittura piacevole corrisponde infatti una trama che mostra già dalle prime pagine tutte le proprie fragilità e debolezze.
Tanti personaggi. Tanti temi. Troppi per un piccolo romanzo di appena duecento pagine.
L'autrice tenta di descrivere l'intera vicenda familiare dei Carpinteri in un arco temporale di tre o quattro giorni. L'ambizione è quella di gettare luce su oltre cinquant'anni di storia familiare, legando ad essa le vicende tutte italiane del boom economico, della mafia e della recente immigrazione africana.
Vi è persino spazio per una quantomai ridicola caccia al tesoro ai gioielli di famiglia. Mi sono trovato a sorridere per l'assoluta inutilità di tutto ciò nel calderone della trama.
I personaggi sono giocoforza appena abbozzati; si sottolineano le debolezze e le problematiche di ciascuno , l'anoressia di Viola e la bisessualità di Bede ad esempio, ma che per poter spiccare in una trama così ricca, finiscono con il divenire quasi grotteschi e per nulla credibili.
Le saghe familiari mi hanno sempre catturato per la capacità di unire, con ritmo lento e coinvolgente, esperienze e vissuti che sono comuni a tutti e in cui tutti possono ritrovarsi. Nel " Veleno dell'oleandro" invece si eccede, vi è tutto e troppo di tutto, troppa carne al fuoco e poca capacità di gestire i fili del racconto.
Si giunge alla fine e non rimane nulla di ciò che si è letto, se non una vaga insoddisfazione per essere stato gabbato da una copertina.

Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Ciao Lorenzo.
Bel commento critico. Ci sono libri che contengono più trovate che idee. Personalmente mi annoiano e mi danno parecchio fastidio.
Rollo Tommasi
08 Novembre, 2014
Ultimo aggiornamento:
09 Novembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Complimenti per il coraggio: sono in molti a comprare libri soltanto per il titolo, ma spesso non lo ammettono. Poi, però, si può andare incontro alle delusioni di cui tu dici (va ricordato, tuttavia, che Simonetta Agnello Hornby è un'autrice affermata). Bel commento comunque.
In risposta ad un precedente commento
LolloP
09 Novembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Concordo, qui poi non ci sono nè trovate nè idee!!
In risposta ad un precedente commento
LolloP
09 Novembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Vorrei leggere qualcos'altro di lei, le voglio dare una seconda chance per lo stile...spero però di essere più fortunato!
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Ritratto di donna