Dettagli Recensione

 
Avrò cura di te
 
Avrò cura di te 2015-01-08 15:00:34 siti
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
siti Opinione inserita da siti    08 Gennaio, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Crescere

A metà strada tra corrispondenza e diario personale, il romanzo presenta una giovane donna in piena crisi esistenziale anche a causa del fallimento del suo matrimonio. Ai suoi dubbi, alle sue incertezze, alla sua immaturità risponde, in via epistolare, un intermediario fra l'al di qua e l'al di là: un angelo. Egli, a sua volta, in un classico espediente circolare, è il ponte tra l'essere e l'essere stato, il sapere e l'intuire, l'esperienza e l'incertezza, la dimensione ultraterrena e la più bieca realtà.
La donna è Gioconda-Chiara Gamberale, l'angelo è Filemone- Massimo Gramellini, novella rivisitazione dell'amato da Bauci.
La trama è essenziale, la riflessione esasperante quanto un percorso di analisi, necessario ma doloroso.
Il limite è il riconoscimento inevitabile, nell'angelo, del Gramellini stile passaggio televisivo, breve ed aneddotico: uno stile troppo personale (al di là dell'apprezzamento più o meno positivo che gli si possa rivolgere), prevedibile e fedele, troppo, a se stesso.
Una lettura a sprazzi alleggerita dalla penna femminile alla quale si può riconoscere la capacità di delineare un tipo psicologico interessante ma nulla più.
Una tematica angelica in uno sfondo di redenzione universale che consiglierei solo come lettura rasserenante per chi attraversa momenti di vera difficoltà. Vi si riconosce tanto buon senso, molto pratico seppur venato di misticismo, un compendio di buoni sentimenti, una storia lieve lieve.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Che bella penna la tua. Non ho letto il libro perche' dopo avere conosciuto la Gamberale in un paio di lavori ora la evito. A me non piace.
In risposta ad un precedente commento
siti
09 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie C.U.B., primo testo che leggo di Gamberale, pensavo meglio, secondo di Gramellini, avevo letto "Fai bei sogni": trattandosi della sua storia vera l'ho trovato sicuramente più edificante di questo.
Me l'hanno regalato per Natale. Non ho avuto il coraggio di dire agli amici che non ho alcuna intenzione di leggerlo: mi sono limitato a un largo (e falso) sorriso ad occhi bassi...
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rinnegata
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La non mamma
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri