Dettagli Recensione

 
L'anonima fine di radice quadrata
 
L'anonima fine di radice quadrata 2015-03-06 15:57:54 Mian88
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    06 Marzo, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sei una radice quadrata senza il numero dentro.

Una storia tra i banchi di scuola è quella che ci viene narrata dalla moderna penna di Alessandro Mari. La diciassettenne Sofia frequenta le terza superiore, nonché egocentrica si ritiene ironica e quel tanto che basta cinica. Le parole però di quel compagno di classe la mettono spalle al muro, non comprende nemmeno quella che dovrebbe essere l’offesa, eppure quell’espressione le riecheggia dentro. Si è nascosta in un angolino della sua mente e quando meno se lo aspetta zacchete ecco che torna a farsi sentire:-“ Sei una radice quadrata senza il numero dentro!”- ed ancora:-“ Sei una radice quadrata senza il numero dentro!”-. –“Maledizione”- si ripete la protagonista –“ma cosa diavolo vuol dire? Dov’è l’insulto!?”-.
“L’Orrido”, supplente di storia e filosofia stravolge le carte in tavola. Ritenendo inopportuna la sistemazione dei banchi singoli li ridispone a coppie estraendo a sorte gli abitanti di quei nuovi mondi doppi. E non solo Sofia si ritrova accanto a Radice Quadrata – l’insulto si è poi trasformato nel miglior soprannome per quel giovane sfrontato accusatore – ma il voto di ogni singolo studente sarà determinato dal rendimento di entrambe. Se dunque uno dei due giovani non si impegna, non studia le conseguenze si ripercuoteranno doppiamente. Primo compito? Leggere “Cuore” di Edmondo De Amicis e dopo aver fatto proprie le virtù civili per le nuove generazioni e le moralità insite nel testo, estrapolare un proprio pensiero da mettere su carta con il proprio compagno, partendo da questo presupposto ogni coppia avrebbe così costruito un racconto con una sua morale, propri valori e modelli di comportamento da esporre alla classe. Un componimento simile dunque, ma da una prospettiva rovesciata. Imparare ad ascoltare è il lascito del docente ai giovani.
Inizia così la “convivenza” forzata di due individualità apparentemente distanti e parallele. E più i giorni passano e più Sofia è attratta dalla personalità che viene a conoscere. Nota sempre più peculiarità in Radice Quadra tanto da arrivare a seguirlo; molteplici suoi comportamenti gli sono oscuri, uno tra tanti il taccuino con l’elastico che si porta dietro e su cui meticolosamente riporta frasi, pensieri, quotidianità. Lo trascrive in due modi diversi. Dall’inizio verso il centro e dalla fine sempre verso questo. Nella parte iniziale riporta informazioni utilizzando la forma del diario, nella finale annota le sue osservazioni redigendole come una telecronaca.
Ed è osservando Radice Quadrata che Sofia si riscopre, che impara a leggere tra le righe, a guardare con occhi aperti tanto se stessa quanto il mondo che la circonda. Perché entrando nella sua dimensione ha dovuto rimettere in gioco la sua, ha dovuto imparare ad scrutare con la prospettiva altrui tanto da arrivare a realizzare che quel ragazzo la conosce meglio di quanto ella stessa pensava di sapere di sé.
Quella di Alessandro Mari non è una storia per ragazzi ma una storia di ragazzi, adatta a tutte le età. Ti entra dentro sin dalle prime pagine e ti porta a fare i conti con quelli che sono gli interrogativi e gli imprevisti della vita. Una volta iniziato non puoi staccartene fino a quando non lo hai concluso. E se da un lato i sentimenti del lettore verso Sofia sono contrastanti, questo resta totalmente affascinato da Radice Quadrata al punto da voler scoprire – come la protagonista – cosa si nasconde dietro quella faccia trista.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Commento fantastico, che riesce nell'obbiettivo principale: voglio leggere questo libro.
... A proposito del romanzo Cuore mi piace citare una canzone non famosa di un cantante che ora va orrendamente di moda "del libro cuore ricordi soltanto Franti"...

09 Marzo, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Sono d'accordo con l'opinione di Mian88. Ho letto tutto quanto pubblicato da Alessandro Mari (Troppo umana speranza, Banduna, Gli alberi hanno il tuo nome e quest'ultimo romanzo). Quello che impressiona, oltre alla capacità di inventarsi storie inaspettate, è l'estrema duttilità dello stile, che cambia di romanzo in romanzo a seconda della vicenda narrata.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
11 Marzo, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Luca, mi fa tanto piacere sapere che il mio commento ti è piaciuto, quanto hai ragione, cantante orrendamente di moda - fin quando durerà?- eppure attinentissima citazione :-)
In risposta ad un precedente commento
Mian88
11 Marzo, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Massimo, in primo luogo grazie di aver letto il mio commento, a mia volta concordo pienamente con te poiché sono stata sinceramente colpita tanto dalla versatilità dell'autore quanto dal suo stile. Nello specifico sono stata subito affascinata da "l'anonima fine di radice quadrata "poiché ero curiosissima di conoscere il mistero che si celava dietro questa personalità così ben costruita che altro non è - almeno secondo la mia modesta opinione - la colonna portante, il fulcro del componimento. :-) grazie ancora
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lo splendore del niente e altre storie
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri