Dettagli Recensione

 
Il sergente nella neve
 
Il sergente nella neve 2015-04-21 18:56:01 siti
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    21 Aprile, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Acqua di neve e latte di malga

Scritto nato in tempo di prigionia quando Mario Rigoni Stern, internato in un lager nazista in Austria, fissa i suoi “ricordi della ritirata di Russia”: anno 1944.
Un rotolo di fogli ritrovato nello zaino è sufficiente per scrivere e per ricordare. Gli eventi , quelli del ’43, vengono ricostruiti con precisione e con una ricchezza di dettagli tali da impressionare per la loro esattezza.
Le rive del Don vedono combattere due eserciti, sono separati dal fiume ghiacciato, la guerra è di posizione e la narrazione si focalizza sulla quotidianità del combattere. La prosa è limpida, la sintassi essenziale, il linguaggio rasenta la poesia. Le similitudini viaggiano all’ombra dei ricordi: il nero della notte è “come il fondo esterno del paiolo della polenta”, la felicità è paragonata alla gioia che rimandano i saltelli di un capretto quando è primavera, un attacco armato e la successiva calma richiamano il frastuono di una sagra e l’acquietarsi degli animi quando la festa è finita.
La rappresentazione della quotidianità fatta di piccoli gesti è nel caffè, nella polenta, nel misto di bresciani e piemontesi, nei canti dialettali, nelle sigarette Macedonia, le Popolari te le sogni.
È uno spirito positivo quello che ricorda : “c’era la guerra, proprio la guerra più vera dove sono io, ma io non la vivevo la guerra, vivevo intensamente cose che sognavo, che ricordavo e che erano più vere della guerra.”
Iniziano poi manovre silenziose, gli attacchi si fanno più frequenti , giunge l’ordine di ripiegare.
Con la seconda parte del racconto inizia la ritirata, quella vera: neve , freddo, una tormenta, un capitano inflessibile. Il ritmo della narrazione diventa serrato e inizia il pellegrinaggio di isba in isba , di villaggio in villaggio. La raccomandazione è una :stare uniti, ma già qualcuno cede e si abbandona là,sulla neve.
La natura benevola nel tempo e nei luoghi del ricordo nostalgico è ora selvaggia e fredda, costringe al silenzio. Basta il caldo di un rifugio, la compassione umana di una donna russa, un bicchiere di latte a risvegliare il ricordo di malga.
La ritirata può riprendere...lascio a voi la lettura.
Non c’è retorica, non c’è condanna della follia dei vertici militari: i fatti parlano da soli, il sergente maggiore del battaglione Vestone, con la sua carica umana, attraversa tutti gli stadi dell’animo che una simile esperienza scatena e ce li restituisce onestamente, semplicemente come l’armonia del suo cuore che spera e vagheggia un possibile mondo di pace.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Lussu
Remarque
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Recensione molto bella con cui hai saputo cogliere la straordinaria umanità di Mario Rigoni Stern, una umanità che si ritrova in tutti i suoi libri, di cui il Sergente nella neve é solo il primo di una serie di autentici capolavori.
Bella recensione, come sempre!
Laura, il tuo commento è molto bello. Anche a me il libro è piaciuto parecchio, come anche un altro testo dell'autore, in qualche modo legato a questo : "Ritorno sul Don".
In risposta ad un precedente commento
siti
22 Aprile, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Renzo,
questa umanità è proprio ciò che mi spinge ad una conoscenza più approfondita dell'autore. Devo dire che la sua prosa è veramente ristoratrice dell'animo.
Ciao
In risposta ad un precedente commento
siti
22 Aprile, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Anna Maria. Un saluto
In risposta ad un precedente commento
siti
22 Aprile, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio, lo sto proprio leggendo come naturale proseguimento e anche per riprendermi da una lettura più complessa e ombrosa che mi ha lasciato delusa.
Conto però di scoprirlo, a piccolo passi, tutto l'autore, nella sua produzione: mi è proprio piaciuto lo spirito.
Bella recensione.
L'atmosfera che vi si ritrova mi ha ricordato un film molto particolare sull'insensatezza della guerra: "Orizzonti di gloria". La storia è nettamente diversa, ma anche lì Kubrick ha fatto sì che i fatti parlassero da soli.
In risposta ad un precedente commento
siti
22 Aprile, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Rollo, grazie per il commento sempre gradito soprattutto quando offre nuovi spunti di riflessione.
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Ritratto di donna