Dettagli Recensione

 
Branchie
 
Branchie 2015-07-07 13:10:05 Kaonashi
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Kaonashi Opinione inserita da Kaonashi    07 Luglio, 2015
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il delirio di un universitario

Branchie è il primo libro scritto da Niccolò Ammaniti, realizzato nel corso dei suoi studi universitari. Ci viene narrato di Marco, un giovane malato di cancro che intraprende un viaggio verso l'India per costruire un acquario, ed è li che vive una serie di avventure sempre più tendenti verso il surreale.

Branchie, forse non l'ho ancora precisato, è delirio puro. Ammaniti non si cura di piacere al lettore, di risultare credibile ai suoi occhi o di proporre qualcosa che possa intrattenere in modo sensato: il suo è un puro viaggio visionario in un mondo tanto improbabile quanto instabile nelle sue fondamenta, permeato di ironia nera e di uno stile noncurante di essere politically correct. La graduale trasformazione da romanzo con una premessa del tutto normale - quella precisata all'inizio - verso un concentrato di storie al limite dell'assurdo è posto con naturalezza da Ammaniti, che non si sente in dovere di giudicare il suo viaggio.

E seppur sia da applaudire la sua noncuranza nei confronti di norme stilistiche canonizzate o ad una trama che debba necessariamente rispettare dei modelli già affrontati, non si può d'altra parte ignorare che Branchie è fondamentalmente un'opera estremamente vuota a livello contenutistico, che non propone - e non vuole proporre - nulla che colpisca il lettore a livello emotivo o che lo porti a riflettere su qualcosa.
Trattasi dunque di uno scritto senza pretese, che si fa trascinare dall'onda e si evolve in sé stesso risultando quasi un immenso flusso di coscienza riportato in un romanzo. E come tale deve essere affrontato.

Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Ritratto di donna