Dettagli Recensione

 
Il futuro di una volta
 
Il futuro di una volta 2015-10-04 14:13:59 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    04 Ottobre, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La paura che attanaglia il vivere.

Elena ha trentasette anni, lavora alla Softy, la più grande azienda di distribuzione di software in Italia con il beneficio ed il tanto auspicato nonché raro “contratto a tempo indeterminato”, e vive anestetizzando le emozioni. Si sente come un astronauta che vaga nello spazio aperto, legato alla sua navetta solo tramite quel tubo bianco e sottile tanto noto grazie alle pellicole cinematografiche. Ha paura di disperdersi in una galassia sconosciuta dove il primo buco nero disponibile è pronto ad ingurgitarla. Nemmeno lei sa come e quando ha iniziato a sentirsi così ne tanto meno come e quando ha deciso che schermarsi con la sua muraglia invisibile di meticolosità, precisione, ordine, praticità, linearità e assoluto distacco dall'empatia sarebbe stato meglio di rischiare, di buttarsi, di vivere ogni giorno come se fosse l'ultimo senza il timore di quel che sarebbe potuto succedere o delle ferite che avrebbe di poi dovuto e potuto leccarsi.
Laury, è esattamente l'opposto della nostra impiegata modello, e pensare che non è altro che sua madre. Settant'anni, tanta voglia di vivere, di non privarsi di niente ma soprattutto di non crescere. Perché la donna non ci riesce proprio a vestirli questi panni dell'adulta, lei che nella sua parentesi di vita sulla Terra non ha fatto altro che godersi tutto, fare di testa propria, circondarsi di amici bio, veg, e hippy persin nel midollo. Anche quando quella sentenza giunge inesorabile l'eclettica anziana non riesce ad abbattere quel muro che si è costruita, si perché anche lei esattamente come la figlia, ha eretto una barriera silenziosa di parole non dette, legami perduti, incomprensioni maturate. Quanti lemmi vorrebbe dire ad Elena, quante emozioni vorrebbe confidarle, quanto ancora vorrebbe condividere con lei, eppure la discendente si comporta esattamente come lei si atteggiava con la sua di madre, controcorrente e testarda sino alla fine; assolutamente incapace di ascoltare, immedesimarsi, di capire la non assurdità di quegli universi poi non così paralleli..
L'uomo delle caverne Yves Chalup, sessantacinque anni, domicilio la Berthe imbarcazione classe 1935 sita in quel della Senna, coppia di fatto con il cagnolino Chien, per tempo immemore si è rifugiato nella solitudine, nella sua brontolosità, scudo e corazza di un uomo ricco di essere ma pur sempre intimorito da quell'inequivocabile ed ipotetico “no”. Quanto ci ha messo per farsi coraggio con la cara e vecchia amica Béatrice, un passo avanti e tre indietro, un passo avanti e cinque indietro, alla ricerca di quell'ardimento che avrebbe potuto donargli quella felicità tanto sperata ma mai timorosamente auspicata.
Tre storie sono quelle che ci presenta Serena Dandini, tre avventure apparentemente disconnesse l'una dall'altra ma in realtà necessariamente ed inevitabilmente interconnesse ed avvalorate dalla presenza di tanti amici e coprotagonisti dell'opera nonché ambasciatori di quella morale che si articola dietro queste pagine scritte sotto la falsariga di un tono leggero e fluente che, tra una parola e l'altra, sussurra al lettore di non aver paura della vita, di non temere quel che sarà, di non preoccuparsi del dover crescere.
Nella vita si procede a strappi e ricucite, perdite si alternano a nuovi incontri, il tutto in un mix di colori ed avvenimenti dove alcuno è in grado di calcolare in anticipo la dose di dolore che gli spetta né tanto meno quella della felicità perché non c'è logica e non c'è matematica a cui attenersi.
Un romanzo che è fotocopia della quotidianità, dell'attualità, dove vi è spazio per il superfluo della vita (twittare, taggare, smaltarsi le unghie) nonché per riflettere sulle nostre paure, sui nostri dubbi, sulle nostre incertezze, sul nostro io. Un testo dove con semplicità l'autrice ci invita ad interrogarci, a guardarci intorno, a crescere, ad imparare a volerci bene e ad accettare noi stessi, così come gli altri, per quel che siamo e per quel che sono. Un componimento dove il futuro di oggi ed il futuro di una volta si scontrano con inesorabile crudeltà nonché realtà.

“La causalità era una categoria vergognosa che toglieva spessore e importanza al nostro viaggio sulla Terra. Se la partita era truccata allora tanto valeva buttare le carte all'aria. Ma la beffa più grande per chi rimane è accorgersi che il mondo andrà avanti incurante di chi si è perso per strada e ci ha lasciato per sempre. Tutto verrà impastato di nuovo, come se uno schiacciasassi divino passasse sopra ai tuoi ricordi e alla tua sofferenza, frullando il passato in piccoli pezzi inafferrabili. Un lavoro minuzioso e implacabile che trasforma le persone amate in particelle infinitesimali di memoria, che si mischiano al nuovo ossigeno che sei costretto a respirare. “Tutto passa” e altre frasi irritanti come “il tempo è la medicina migliore la facevano infuriare. [..] Se la sarebbe cavata, non c'era altra possibilità. Lo sapeva ed era proprio questo a farla impazzire di rabbia”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempi duri
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
La seconda spada. Una storia di maggio
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La morte è il mio mestiere
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri