Dettagli Recensione

 
Il viaggio di Emilia
 
Il viaggio di Emilia 2016-02-14 13:51:17 Mian88
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    14 Febbraio, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Rinascita.

Emilia, non aveva più di sette anni quando faceva ingresso saltellando nell’atrio della grande palazzina dei nonni, luogo dove abitava con mamma Anna e papà Salvatore Cusano. La sua era una vita scandita forse da poche, ma sicuramente incommensurabili, certezze, e mai, si sarebbe aspettata che nel giro di pochi anni quella quotidianità a cui era abituata sarebbe venuta meno per finire con l’essere dissestata da spiacevoli avvenimenti e giorni bui.
Emilia adesso è adulta, ma non può dimenticare. Quel corpo, quelle ferite, quel sopruso, quella amica, Giulia, a cui si è sentita sempre vicina e a cui pian piano è stata sottratta la felicità, il rispetto, l’umanità. E come non può obliare a quegli eventi, non può altresì eludere i ricordi di quella madre a cui ha tanto voluto bene e che tanto ha accudito, supportato, donato il suo amore. Eppure sa, che è giunta l’ora, non può fare altrimenti. Il suo percorso di rinascita, ha avuto inizio.
Complice di una notte di insonnia, “Il viaggio di Emilia” è una perla di rara dolcezza in quella che è una realtà di sconfitta, di amarezza, di giorni che si susseguono gli uni agli altri con l’unico obiettivo di non mollare, di andare avanti, ricordando e mai dimenticando, respirando quella che è stata la nostra vita, la nostra anima.
Nelle sue 85 pagine, il percorso di Emilia si rivela essere il nostro. Le siamo accanto, la sosteniamo, soffriamo con lei, ci rivediamo nella sua persona riscoprendoci tanto in questa quanto in Giulia. Un romanzo che da un cammino porta ad abbracciarne due, quello dell’esistenza della protagonista e quello della compagna di giochi di sempre. Due rette parallele che sfidano le leggi della matematica finendo con l’incontrarsi, l’intersecarsi, l’unificarsi.
Un romanzo come pochi, descritto con quella sensibilità unica all’autrice e propria di chi negli anni ha assaporato attimi di vittoria, periodi di sconfitta, gioie ma anche tanti dolori. Un testo che non si può abbandonare una volta iniziato, uno scritto che sin dalla sua prima pagina cattura chi legge che fino alla sua conclusione non può fare a meno di andare avanti, non per conoscere del suo epilogo ma per farne parte, perché lo scorrere delle parole non rappresenta solo il tragitto di Emilia, ma anche il nostro. La sua rinascita finisce col combaciare con la nostra.
E’ un inno ad andare avanti, a vivere la vita accentandola per come viene, ma senza arrendersi alle difficoltà. E’ un elaborato che dona energia, carica, voglia di fare. Uno scritto che invita il lettore a provare, a superare quegli ostacoli che tanto sembrano insormontabili, quelle avversità che talvolta fanno cadere l’uomo nella depressione, nella abnegazione, nella convinzione che soluzione non vi sia per raggiungere quella tanto agognata felicità.
Ed Emilia, passo dopo passo, rivive il suo passato, ci fa i conti, ma riscopre anche il suo presente consapevole di quel che è stato e pronta ad abbracciare il suo futuro perché il piacere è dietro l’angolo, ed è ora pronta a viverlo, la gioia è arrivata in una giornata qualunque ed ha premiato la sua tenacia, la sua soavità.
Intenso, da leggersi tutto d’un fiato per farsi sconvolgere, mettere in discussione e, di poi, rinnovarsi, crescere, mettersi alla prova.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Grazie Maria, per la sensibilità con cui hai letto il libro! Come sempre sai cogliere la personalità dei personaggi e interpretare gli autori....
Un commento proprio bello, Maria, di un libro che probabilmente sa farsi leggere con dolcezza.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
15 Febbraio, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie a te Anna Maria, di cuore. Non ho meriti, questi sono semplicemente ed unicamente tuoi perché sei riuscita a creare romanzi di grande intensità e di grande empatia. :-)
In risposta ad un precedente commento
Mian88
15 Febbraio, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Emilio, sono felice di essere riuscita a trasmettere le sensazioni che questa opera mi ha trasmesso. Concordo con te con la scelta del termine, non credo ve ne sia uno migliore, pagina dopo pagina le parole accarezzano l'anima del lettore, con delicata dolcezza e grande empatia :-)
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Indipendenza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rinnegata
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La non mamma
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri