Dettagli Recensione

 
Almeno il cappello
 
Almeno il cappello 2016-04-03 21:04:46 Gerbera
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Gerbera Opinione inserita da Gerbera    03 Aprile, 2016
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una banda veramente speciale

Nel libro che recensisco si parla della gloriosa avventura di una banda quella di Bellano.
L'autore Andrea Vitali è un medico che ha una grande capacità di affabulatore. Nelle storie, per lo più ambientate sul lago di Como, ci sono tanti ricordi, personaggi ben descritti, riviviamo la vita di paese di una volta. Ha scritto molti libri ricordiamo La Figlia del Podestà (premio Bancarella 2005, Olive Comprese, Le tre minestre, Zia Antonia sapeva di menta, gli è stato conferito anche il premio Boccaccio per l'opera omnia.
Le opere più particolari ed intriganti sono quelle che hanno come cornice il periodo fascista. Non viene affrontata la critica politica e la descrizione di un regime totalitaro, ma la vita di tutti i giorni fra piccoli gerarchi, podestà, segretari comunali, segretari di partito,il parroco, notabili, guardie municipali, famiglie numerose, belle donne. Apprendiamo segreti che si svelano a poco a poco e rendono accattivanti le vicende, il tutto descritto con grande ironia ed indulgenza.
I personaggi sono molti e le storie si accavallano. L'Autore ci prende per mano e ci accompagna in un piacevolissimo viaggio, siamo anche noi spettatori, partecipi di tutte le intricate vicende,fra i suoi libri ho apprezzato molto questo e riaprendolo, mi sono resa conto del perché: è stato scritto con molto trasporto in quanto apprendiamo dalla dedica, che Andrea Vitali ha partecipato, suonando il trombone, alla banda di Bellano.
Parliamo di qualche personaggio importante nella vicenda, dobbiamo premettere che l'Autore sceglie con cura e con fantasia, in modo da suscitare il nostro sorriso, i nomi veramente unici, ne citeremo alcuni di questo libro e di altri: Onorato e sua mogli Estenuata Geminazzi, Evelindo Nasazzi, Gemmo Parpaiola, Aloe Segregnola, Firmato Bicicli, Evangelia Priola,, Leone Centocchi, Ausonia Carrè, Addolorata detta Dulù De grandi, Camelia Sirtori, Cornelia dall'Aghi e Ofelio Mencioni, Claudio Mazzagrossa. Eutrice Pochezza Romeo Gargassa, Porfirio Detonati.Bisognerebbe creare un nominario con tutte queste perle di nomi e cognomi.
Il protagonista della storia è il Ragionere Onorato Geminazzi, è sposato con Estenuata di nome e di fatto in quanto, oppressa dalle voglie del marito, ha già cinque figli ed è incinta del sesto. Nella difficoltà di gestire la famiglia, Estenuata chiede aiuto al Podestà Detonati, per un ottenere posto migliore per il marito, impiegato presso la ditta Varichini Distillati. Per un caso fortunato il Podestà sistema il Ragioniere, che ha un'ottima fama, oggi si direbbe curriculum, nell'ospedale di Bellano. Assistiamo all'arrivo a Bellano del Ragioniere che non vorrebbe trasferirsi e che viene così descritto: "Uomo dall'occhio lustro e dal ventre prominente faceva Onorato di nome di cognome Geminazzi: Aveva cinquant'anni e cinque figli. Di busto corto con le mani in tasca l'avambraccio vi affondava fino al gomito e dalla camminata larga, per non sfregare le cosce una contro l'altra, giungeva a Bellano per la prima volta nella sua vita" Ad accogliere Onorato c'è una fanfara scalcinata che ricorda gli asini in amore, mentre lui vanta un passato musicale di seconda cornetta nell'importante banda di Loveno. Così una volta insediato nel nuovo lavoro il Ragioniere decide di costituire, fra mille difficoltà, un importante corpo musicale.
Un personaggio di rilievo che conosciamo sin dalla prima pagina del libro, al funerale di sua moglie Animella Carlini, è Evelindo Nasazzi valente bombardino. Evelindo decide di prendere una moglie che accudisca lui e il figlio malaticcio, dopo un'accurata analisi, la scelta cade su una donna molto più giovane di lui: Noemi Castrozzi. La scelta non è delle più felici perché la fresca sposa picchia il marito quando è ubriaco e ritira tutto il suo stipendio, inoltre proprio per il timore che beva, molte volte gli impedisce di andare alle prove della banda. La vicenda continua, conosciamo così tutti gli altri componenti della banda ed entriamo in complicate vicende che coinvolgono il Geminazzi e gli altri personaggi. Ci sono gli intrighi, i pettegolezzi, le storie di amore, le ripicche che ci fanno sorridere e riflettere su percorsi di vita.
I romanzi di Vitali sono scritti per un lettore che apprezza il piacere di leggere un libro divertente con tante vicende che si incrociano

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Libri umoristici e gli altri di libri di Vitali
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri