Dettagli Recensione

 
Anna
 
Anna 2016-04-04 10:22:25 C.U.B.
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    04 Aprile, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tre

Non so cosa abbia causato l’epidemia, ma l’epidemia ha cambiato tutto.
Il mondo di Anna si chiama Sicilia, una Terra ormai ricoperta di ruderi e rifiuti, dove la natura torna ad avere il sopravvento avvolgendo con vigorose radici le distese di cemento umane.
Anna e’ una bambina piccola, che nel soffio di pochi giorni si rende conto di dovere essere grande. E il buio non fa piu’ paura, il cibo un problema inevitabile, il quaderno scritto da mamma una Sacra Bibbia, il fratellino un obbligo un impegno tutto quello che le resta.
Anna e’ la forza bruta nel corpo esile, e’ la battaglia fino all’ultimo morso , fino all’ultima bastonata . E poi quell’istante in cui si avvicina al corpo martoriato del nemico, non un colpo di grazia, Anna unisce le manine a coppa e offre l’acqua e la vita.
Intorno ad Anna i sipari si tingono di ruggine e grottesco, ma in fondo umana e’ l’esagerazione, la cattiveria, la prevaricazione di cui nemmeno i bambini sono immuni, quando crescono troppo velocemente.

Di ritmo serrato e ipnotico, vivace e verace e’ la Bic di Ammaniti che compie il suo mestiere narrativo donando all’autore un’aura di ubiquita’. Che ci sia e’ indubbio, ma in realta’ e' altrove, l’unica presenza concreta sta nella storia e nei suoi protagonisti.
L’ambientazione post apocalittica che di norma istiga al paragone, in questo caso non mi ha toccata se non in questa fase di riflessione. Di tutt’altro genere dalla scrittura raffinata e dal clima cupo del famoso McCarthy, piu’ sentimentale e intimo delle piacevoli fiction alla Justin Cronin, trovo che Anna sia fine a stesso e non emulando non tema paragoni .

Anna stringe una stella nella mano fino ad escoriarsi, non sapeva cosa volesse dire amare, ma in quei graffi pulsa la consapevolezza del dolore di perdere l’amore.
Il bambino in fondo le vuol bene, il grosso maremmano e’ un pazzo, un fenomeno, un indomito.
“Quasi quasi me lo sposo.”

Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Si tratta quindi di un libro molto bello! E io che pensavo fosse robetta ...
Mi hai fatto ricordare Cronin, grande romanziere un po' dimenticato.
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
05 Aprile, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio, nel suo genere per me e' bellissimo. Inoltre c'e' stata molta empatia .

Cristina, mi fa piacere ma temo si tratti di un caso di omonimia del cognome. Io mi riferivo a Justin Cronin, che ho la sensazione non sia il tuo autore...Forse tu ti riferisci a Joseph ?
Comunque ora vado ad integrare il commento :)
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
05 Aprile, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Sì, mi riferivo ad Archibald Joseph. Conservo gelosamente le edizioni anni Settanta dei suoi romanzi migliori :-)
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri