Dettagli Recensione

 
Paese d'ombre
 
Paese d'ombre 2016-04-23 04:14:32 siti
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    23 Aprile, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lascito

È un libro d’amore, fondamentalmente d’amore.
L’amore è quello di Giuseppe Dessì per Villacidro, il paese dietro il quale si cela il toponimo Norbio. È l’amore dell’autore per la sua terra e per la sua storia misto ad un disappunto che inframmezza lo scritto con severi rimproveri ad una certa sardità, quella fatta di rassegnazione passiva rispetto ad un destino di popolo colonizzato.
Sardegna, colonia d’Italia; Sardegna, terra da sfruttare; Sardegna, eterno fanalino di coda.
Eppure traspare in tutto lo scritto la necessità impellente di credere in un futuro migliore per la sua terra. Ripercorrendone la storia a cavallo dei secoli XIX e il XX ,si assiste ad una “focalizzazione sarda” della storia nazionale e di alcuni scenari internazionali che irrompono in una terra magicamente statica in balia di un destino severo, cupo, disgraziato ed ineluttabile.
Chi può dunque garantire quel messaggio di speranza?
È il piccolo Angelo Uras che sia affaccia alla vita e al cancelletto di legno di Don Francesco Fulghieri. È orfano di padre, povero, legatissimo alla madre Sofia. Diventerà il destinatario di un’immensa fortuna: possedimenti, terre, frutteti e oliveti che gli garantiranno un’insperata mobilità sociale . Il romanzo narra di lui, l’homo novus, il contadino povero, il povero che ha uno spirito grande, un’intelligenza viva, una sensibilità d’animo che nessun rango può eguagliare. Viene spontaneo crescere con lui, amare, soffrire, evolversi in un’empatia continua che ogni evento nodale riesce a suscitare destando viva commozione grazie all’uso sapiente di una prosa che va dritta al cuore.
I numerosi pregi del romanzo non sono però solo riconducibili all’impianto narrativo, alla trama, allo stile intriso di forte soggettivismo. Il testo oltre ad avere il pregio di rappresentare un messaggio di speranza, pienamente avallato dalla bellissima frase finale, ha il potere di restituire un vissuto che ancora perdura. Scrive chi vede una mamma ancora oggi segnarsi, dopo uno spavento umettandosi la gola con un dito bagnato di saliva, chi sente il proprio genitore rispondere al telefono con un “Commandi” se all’altro capo c’è una persona che viene percepita importante o tante altre piccole sfumature culturali che ancora resistono nel tempo.
Oggi la modernità ha cambiato l’aspetto del paese, un mantello orripilante per alcuni versi lo ha tradito camuffandolo di intonaco, la storia ha inflitto nuove violenze ma non ha modificato il ciclo della vita né lo ha incrinato. Prosegue inesorabile in altri destini percorrendo nuove traiettorie storiche, sociali, culturali, consapevole di un tempo che fu.
Dessì è riuscito a restituirci il nostro passato dosando storia e fantasia, rappresentando l’anima di un territorio che amava profondamente, consegnandocelo in dono come solo un padre può fare. Un’opera per soli sardi? Affatto!Un’opera per tutti perché “ogni punto dell’universo è anche il centro dell’universo”(introduzione a I passeri, 1955): uguale è la vita, l’amore, la morte.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Concordo in toto, Ci troviamo di fronte a un grande narratore, senz'altro uno fra i maggiori della letteratura italiana.
Grazie Renzo per il commento. Lascio volutamente il comandi con due m...per rendere meglio la cadenza, il piglio e il tono di quell'espressione che indica ancora asservimento.
Ciao Laura.
Una recensione molto interessante . Dell'autore ho sentito esclusivamente lodi. Evidentemente nella letteratura italiana ci sono scrittori di valore ingiustamente un po' dimenticati. Fortunatamente ogni tanto qualche lettore ce li ricorda.
In risposta ad un precedente commento
siti
23 Aprile, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Leggilo Emilio, sarei davvero curiosa di sapere il tuo parere. Il valore di Dessì è indubbio.
Di Dessì ho trovato qualcosa in pdf su Internet, essendo un autore poco "gettonato". Lo terrò presente!
Anche a me piacque moltissimo. Vorrei rileggerlo. Bel commento, Laura.
In risposta ad un precedente commento
siti
23 Aprile, 2016
Ultimo aggiornamento:
24 Aprile, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Curiosa, Cristina, di leggere qualche tuo contributo su Dessì.
In risposta ad un precedente commento
siti
23 Aprile, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Anna Maria, erano passati quindici anni dalla mia ultima lettura e devo dire che, seppur restia alle riletture (sono sempre in disavanzo rispetto a quello che vorrei conoscere), rileggere mi ha permesso di gustare l'opera con una sensibilità diversa, migliorandone sicuramente la comprensione. Rimane comunque tra i miei preferiti; è naturale...
Bella recensione, Laura, davvero completa. Dessì è un autore di cui ho sentito spesso parlare in modo lusinghiero, ma non ho avuto modo di leggerlo. Spesso si parla proprio di questo libro, che - spero di non sbagliarmi - dovrebbe aver vinto anche qualche premio. Dovrò colmare la lacuna.
In risposta ad un precedente commento
siti
24 Aprile, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Rollo, sì vinse il Premio Strega nel 1972.
Te ne consiglio sicuramente la lettura.
11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un millimetro di meraviglia
Nannina
Chiudi gli occhi, Nina
Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio