Dettagli Recensione

 
Scherzetto
 
Scherzetto 2018-02-10 09:39:02 lapis
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
lapis Opinione inserita da lapis    10 Febbraio, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

“I fantasmi fanno il nido nel futuro”

Un anziano illustratore di successo in crisi di creatività, misantropo di lunga data. Un bambino di quattro anni saccente e petulante, che conosce un unico gioco, quello di fare l’adulto. Nonno e nipotino vivono in città lontane e di fatto non si conoscono, ma una forzata convivenza li costringerà a trascorrere qualche giorno insieme, soli. Ma chi si aspetta teneri sentimenti e facili buonismi rimarrà deluso, perché sarà una lotta feroce e a tratti dolente, tutta giocata tra passato e futuro.

Perché per l’uno la vita è ormai arrivata alla fase dei bilanci, dei dubbi e degli interrogativi, mentre per l’altro la vita deve ancora cominciare. Daniele Mallarico ha vissuto la propria esistenza sentendosi unico ed eccezionale mentre ora ogni certezza sembra sbriciolarsi davanti a un mondo in cui fatica a ritrovarsi, ad addetti ai lavori che non gli riconoscono più una posizione di privilegio nel panorama artistico, a un bambino a cui le proprie illustrazioni sembrano non dire più nulla. E proprio quel bambino che crede di sapere tutto, costantemente lodato e adulato dai genitori, riporterà alla memoria un se stesso bambino, costringendolo a fare i conti con i fantasmi del passato, con i propri ricordi famigliari e con tutte le possibilità bruciate nell’inconsapevolezza delle proprie scelte. A complicare ulteriormente le cose sarà un disegno, così inconsapevolmente talentuoso, fatto da Mario per gioco, che squarcerà la pienezza di anni di lodi e successo, lasciando una scia di dolorosi interrogativi.

Con straordinaria eleganza stilistica e spietata coerenza, Domenico Starnone mette in scena i nostri difetti, le nostre paure, le nostre cattiverie. Al centro è lo scontro tra un nonno vanitoso e concentrato su se stesso, che prova a fare il nonno ma fatica a sopportare quel bimbo saputello, a tratti mefistofelicamente ostile, ma anche tenero nella sua ingenuità e semplice ricerca d’affetto.

“Scherzetto” è un romanzo stratificato, che sotto alla piacevole lettura di una divertente e originalissima competizione generazionale, offre profondi spunti di riflessione. Sull’umanità, alle prese con lo sgretolarsi delle proprie certezze e della propria identità. E sull’arte, a interrogarsi sull’eccezionalità, il talento e i propri stessi limiti.

“Sentirci unici c'era venuto facile. […] Col tempo però l'eccezionalità era dilagata. Adesso l'eccezionalità è diventata un vocio disperato di massa lungo le infinite rotte delle televisioni e di internet, un'eccellenza diffusa, mal pagata, spesso disoccupata.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Io sono il castigo
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Eredità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il senso della mia vita
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Primavera
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Ohio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La selva degli impiccati
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La locanda del Gatto nero
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Come un respiro
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Predatori e prede
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
La pista. La prima indagine di Selma Falck
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo scarafaggio
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Se scorre il sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri