Dettagli Recensione

 
María
 
María 2019-04-25 08:30:52 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    25 Aprile, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una donna di nome Maria

Nadia Fusini scrive Maria, un libro che lascia a bocca aperta, stupefatti. Una scrittura asciutta, scarna, che tuttavia colpisce al cuore e nell’anima. Una:
“novella intensa ed implacabile, che racconta come tra bene e male esistano stagioni sospese, sfumature che solo alcuni accettano di vedere.”
Maria è una donna. Tante donne. Una, nessuna, centomila. E’ una donna ferita, usata, abusata, annullata. In lei tutto urla disperazione e sopraffazione. Ma lo fa in religioso silenzio. Un silenzio che colpisce e stupisce chi ascolta. A cominciare dalla sua voce:
“La voce di Maria suonava monotona, insistente. Ma non querula. Quello che sentivo era piuttosto il tono implacabile di chi non si perdona. E cerca la verità, non si discolpa. E’ diverso, ho notato, quando chi parla non pronuncia parole vive, ma ripete frasi che ha già concepito e stacca da sé come fossero squame.”
Per lei è giunto il momento della confessione. Ma quale? E di cosa?
“In realtà ci stava raccontando la storia della sua vita. (…) Maria, che s’era evidentemente persa nella massa confusa di ricordi e sensazioni che l’opprimevano, si riprese, frugò nella memoria. E tornò a quella notte.”
Già, quella notte. Quella notte in cui Maria assiste, impotente, ad un omicidio, compiuto dal marito, quell’uomo che lei ha amato sopra ogni cosa, più di se stessa.
Il racconto di una figura di una donna che ammalia e conquista. Una donna destinata a rimanere impressa nella mente di ogni lettore. Un racconto dove si respira violenza, in cui:
“avrei conosciuto presto alla perfezione lo strazio dell’anima che s’aggira stordita in vicoli ciechi, infernali.”
Un testo psicologico, intimo ed intimistico, scritto con una perfezione profonda ed assoluta. Un libro per imparare la cultura del rispetto, dove la violenza cieca e bruta non conduce a nulla se non all’annientamento di se stesso e degli altri. Una lettura colta e profonda.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Il mantello
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri