Dettagli Recensione

 
Una gran voglia di vivere
 
Una gran voglia di vivere 2020-01-07 07:56:59 Pelizzari
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    07 Gennaio, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una distanza densa

I suoi libri sanno sempre di leggerezza, sia nel senso di semplicità, sia nel senso di spensieratezza. Non per questo però leggerezza deve essere necessariamente sinonimo di superficialità. Anzi. Il tema trattato è quello di una crisi di una coppia giovane, ed è una fase in cui tanti si possono riconoscere. Il tutto è affrontato senza dubbio con pizzichi sparsi di autobiografia, nonché di ironia, nonché di sentimenti buoni. Che è cosa molto diversa, e molto più positiva, rispetto all’irritante buonismo. Lo stile è scorrevole e fluido, semplice da leggere, ma nel complesso abbastanza scialbo. Fra Anna e Marco c’è una distanza densa. Ognuno è come se fosse chiuso nella propria bolla. Entrambi incapaci di essere felici come prima, senza sapere nemmeno loro il perché. Hanno tutto per essere felici e non sono più capaci di esserlo e questo è per entrambi molto frustrante. Si riscoprono, e si riperdono, in un viaggio che li porta lontano dal loro mondo, ma forse un po’ più vicini a loro stessi. L’aspetto che mi ha maggiormente interessato è stato quello degli incontri casuali che fanno durante queste settimane in Nuova Zelanda e in Australia. Sarà perché è forse un po’ vero che ci si riesce ad aprire di più con persone del tutto sconosciute, forse proprio perché si sa che con loro c’è un breve contatto e poi non li si reincrocerà più. Questo permette di aprirsi quel tanto da lasciar entrare dentro di sé un pezzetto della vita dell’altro, la sensazione che non si gli unici ad affrontare i problemi della vita, il calore di un consiglio di una persona che a modo suo ci dà forza. Viaggiare è la felicità per gli inquieti. E la parte più bella è sempre ritornare a casa. Non per niente la copertina raffigura una casa che ricorda le case tipiche di New York. I toni sono il rosso, complice il periodo dell’anno in cui il libro è uscito, e l’oro, perché la luce dorata all’interno della casa, così come le luci degli addobbi sulle piante attorno, stanno a simboleggiare il calore di una famiglia, che è tutto ciò che Anna e Marco hanno e di cui sono contemporaneamente alla ricerca.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri