Dettagli Recensione

 
L'estate dell'incanto
 
L'estate dell'incanto 2020-02-10 14:52:56 Lonely
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Lonely Opinione inserita da Lonely    10 Febbraio, 2020
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La bolla di sapone

Miranda ha quasi 90 anni e ogni giovedi mattina alle 10, a Firenze, si incontra per la colazione insieme alle sue amiche Nives di 92 e Carolina di 86.
Il loro presente è carico di ricordi, perchè inevitabilmente ciò che sono oggi è frutto del loro passato.
Ed è nel passato che si svolge gran parte del romanzo e precisamente nell'estate del 1939
Quell'estate che per Miranda fu come un sogno, dove la realtà arrivava appena, e dove si percepivano vagamente, da echi lontani, il regime fascista e le leggi razziali.
Nulla fu così tangibile per Miranda finchè quel sogno non svanì di colpo e tutto all'improvviso cambiò e divenne così crudamente reale.
Miranda nel 1939 ha 10 anni e si trasferisce da Firenze in un paesino sull'abetone, nella villa del nonno paterno, un uomo solitario e poco loquace che vive con la governante Elda.
Per Danda la mamma è l'unico punto di riferimento e di affetto, perchè il papà è lontano e non passerà l'estate insieme a loro, e la sua più cara amica Rachele si è allontanata dalla città e non risponde alle sue lettere.
Qui però conosce Lapo, un ragazzino di 11 anni, figlio del mezzadro. Con lui vive ed esplora il mondo: Il mondo di due bambini in vacanza in montagna, e dunque scopre il bosco, la foresta, il torrente ghacciato, la lince Luana, la disobbedienza e il primo amore, quello che non si scorda mai.
Disorientata e confusa Danda si abbandona alla sua curiosità e sfida le sue paure, lasciandosi andare ad un'estate spensierata,. Quando la mamma è costretta a tornare a Firenze per sbrigare delle commissioni, Miranda rimane sola con suo nonno Ugo e in qualche modo i due iniziano a conoscersi. Il nonno è un famoso pittore e lei disegna molto bene, così imparano a comunicare e ad esprimere le proprie emozioni e le paure più profonde attraverso un mondo fatto di gessetti, pennelli e colori.
Ma Settembre è alle porte e l'estate finisce anzitempo, il sogno svanirà riportando alla dura realtà due bambini innocenti, vittime di un mondo più grande,violento e crudele.
Un libro quasi onirico, intriso di una profonda armonia, dove tutto torna, come un cerchio, ogni singola parola e ogni singolo gesto.
L'unico modo per il lettore è lasciarsi trasportare in questo viaggio e immergersi in questa bolla di sapone, così effimera che durerà giusto il tempo di un'estate, calda breve e colorata.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri