Dettagli Recensione

 
Il treno dei bambini
 
Il treno dei bambini 2020-02-13 16:17:16 lapis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
lapis Opinione inserita da lapis    13 Febbraio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il sapore della solidarietà

Un romanzo al gusto di solidarietà.
Ma qual è il sapore della solidarietà?

La solidarietà sa di gioia. È qualcosa da cantare, come fanno le donne e gli uomini dell’Alta Italia, nel primo dopoguerra, accogliendo migliaia di bambini in difficoltà, provenienti dal Meridione. Cantano, col sorriso sulle labbra e le braccia aperte. Donano, cibi appetitosi, vestiti caldi e affetto famigliare.
Perché dare non significa solo privarsi, ma arricchirsi.

La solidarietà sa di amarezza. Essere messi su un treno a sette anni, essere accolti come figli in una famiglia che non è la propria, conoscere un nuovo modo di vivere, tutto questo ha un suo prezzo. Lo sradicamento, la vergogna del diverso, la sofferenza di sentirsi spezzati definitivamente in due.
Perché ricevere non significa solo prendere, ma rinunciare.

“Ho avuto molto, ma il prezzo l'ho pagato per intero, ho rinunciato a tanto”.

È un freddo mattino di novembre quando il piccolo Amerigo sale sul treno dei bambini, diretto al nord. Sulla banchina, non ci sono baci e lacrime per lui, solo una mela. Gli abbracci e i sentimenti non sono arte di mamma Antonietta, una donna dura, segnata dalla quotidiana lotta alla sopravvivenza. A Napoli, Amerigo non va a scuola, mangia pane secco e cammina scalzo. A Modena troverà invece una casa, carezze, la passione per la musica e persino un uomo da chiamare babbo, per lui che un padre non l’ha avuto mai. La mela in tasca gli ricorda però quella mamma mai sorridente, che forse lo ha abbandonato, che forse non lo ama abbastanza.
Ma attenzione Amerigo, le mele se non le mangi avvizziscono. E così anche gli affetti, se lasci che il tempo sedimenti equivoci, rancori e malintesi.

“Amerì, a volte ti ama di più chi ti lascia andare che chi ti trattiene”.

Riscoprendo una pagina importante della storia del nostro paese, Viola Ardone emoziona e coinvolge con un racconto vero, intenso, struggente. Commuove e fa sorridere la tenera e scanzonata voce di Amerigo, alle prese con il dialetto emiliano, la mortadella e, soprattutto, una dimensione emotiva nuova, dove l’urgenza del bisogno lascia spazio ai sentimenti, all’altruismo, alle idee. Addolora, nell’ultima parte, la voce adulta di Amerigo, con le sue ferite mai del tutto rimarginate. A ciascun lettore il compito di riflettere sulle molteplici sfaccettature di questo bellissimo esempio di solidarietà. Per chi ha scelto dolorosamente di lasciar partire. Per chi ha accolto con una generosità oggi non comune. Per chi è stato costretto, ancora bambino, a lanciarsi in un salto nel buio.
Tante le lacrime eppure tanta delicatezza in questa narrazione, che evita sempre i toni patetici per lasciare spazio alla genuinità, alla dignità, alla speranza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

siti
14 Febbraio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Molto ben accolto su Qlibri, questo titolo! Sei l'ennesima conferma, lo segno.
In risposta ad un precedente commento
lapis
15 Febbraio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Laura. Spero ti piacerà, si tratta di un libro che pone tematiche interessanti, e che mi ha lasciato davvero tante emozioni. Io poi ho vissuto molti anni a Modena, per cui questa lettura è stata per me ancor più speciale!
Ciao Manuela, questo è un libro che leggerò a breve e la tua bella recensione mi sprona ancora di più a farlo :)
In risposta ad un precedente commento
lapis
16 Febbraio, 2020
Ultimo aggiornamento:
16 Febbraio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie mille, Luana! È un romanzo davvero ricco di sentimenti, capace di arrivare al cuore. Spero piacerà anche a te :)
Ciao Manuela, l’ho iniziato proprio oggi. Prima impressione sulle prime pagine: concordo con te, l’autrice è molto brava a calarsi nella mente del piccolo protagonista e parlare con la sua voce. Ciao
In risposta ad un precedente commento
lapis
17 Febbraio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Bruno. Sì, a me ha colpito subito la tenerezza della voce di Amerigo, sempre delicata nonostante la durezza della vita. E proprio a proposito di "voluptas flendi", qui di lacrime ne ho versate!
Aspetto allora la tua opinione finale :)
Grazie, Manu
Bellissimo commento, complimenti veramente!
In risposta ad un precedente commento
lapis
24 Febbraio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie mille, Vincenzo!
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Mare di pietra
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Qualcun altro
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un millimetro di meraviglia
Nannina
Chiudi gli occhi, Nina
Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio