Dettagli Recensione

 
Ragazzi di vita
 
Ragazzi di vita 2020-06-08 09:59:09 lapis
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
lapis Opinione inserita da lapis    08 Giugno, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nei panni del Riccetto

La miseria è tanta e la pancia è sempre vuota nel mondo delle borgate romane, negli anni del secondo dopoguerra. Eppure, ad accoglierci in queste pagine non è l’asfissiante e annichilente dolore della fame, bensì un’aria di genuino entusiasmo e spontanea vitalità. Riccetto, Agnolo, Marcello e gli altri sono solo dei ragazzini, vivono in catapecchie o scuole occupate e gironzolano tutto il giorno tra sterri fangosi, immondizia e prati carbonizzati in cerca di espedienti. Raccattare ferrivecchi da rivendere. Rubare, a chiunque, persino ai mendicanti. Il tutto per raggranellare qualche lira, magari da bruciare subito dopo con una scommessa, un bagno nel Tevere o una prostituta. Eppure, nel loro mondo primitivo e amorale, c’è spazio anche per gesti di inattesa tenerezza e autentico candore.

Nel corso delle pagine, gli anni passano, i ragazzi crescono e il mondo cambia. Al Centro si respira una nuova aria di ricchezza e persino nelle periferiche realtà del sottoproletariato si materializzano nuove esigenze e nuovi bisogni. Una fame diversa, da placare come si può, senza un lavoro o un progetto di vita, ma strappando i brandelli di quel benessere lontano, raschiando con le unghie un po’ di scorza dorata. Anche le pagine si colorano così di tinte sempre più torbide e opprimenti: compaiono le rivoltelle, le violenze in famiglia, il bullismo, la svendita del proprio corpo. E in questa nuova realtà, ancor più desolata e misera, non c’è più nemmeno spazio per la compassione, ma impera la nuova legge dell’egoismo.

"Ma perché voi beve er latte, mentre hai bevuto sempre l'acqua pura dei ruscelli! de li scoli neri!"

Nonostante, tra le pieghe di un narrato completamente imbevuto nella parlata romanesca, si possa talvolta intravedere la figura dell’autore, stregato nell’osservazione dei suoi ragazzi di vita, il tono con cui vengono raccontati i diversi episodi che compongono il romanzo è sempre neutro, senza abbellimenti e senza spiegazioni. È la verità delle borgate quella che Pasolini ci propone, una verità che parla da sola. Ed è proprio il realismo la vera forza di questo testo, la sensazione di indossare davvero gli inusuali panni del Riccetto e dei suoi compagni. Sono vestiti che calzano stretti, lacerano la pelle e chiudono il petto, ma è il più grande regalo che la letteratura sa farci, quello di permetterci di vedere per qualche ora il mondo da una prospettiva diversa, lontana dal nostro vissuto e dal nostro tempo. Solo apparentemente lontana, forse, perché, nella sua essenza, è una prospettiva in fondo ancora attuale.

“A Pietralata, per educazione, non c'era nessuno che provasse pietà per i vivi, figurarsi cosa provavano per i morti”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Che bella recensione Manu, ho rivisto molto del testo che ho letto..lo hai reso alla perfezione.
Fede
In risposta ad un precedente commento
lapis
09 Giugno, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie mille per il commento, Fede, mi fa davvero piacere. E' un romanzo che non lascia indifferenti, questo. Prima o poi leggerò anch'io "Una vita violenta", ma non subito, sento la necessità di un distacco da questo mondo.
Ciao, Manu
Una recensione quasi poetica. Complimenti Manuela. Ragazzi di vita fu il mio primo Pasolini e mi lasciò un profondo senso di commozione che ho rivissuto leggendo le tue parole.
In risposta ad un precedente commento
lapis
10 Giugno, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie davvero, Enrico, per le tue gentili parole. Come fu per te, anch'io mi sono accostata a Pasolini con questo testo, non lo conosco bene dunque ma già da qui ho avvertito la complessità della sua figura e della sua scrittura: in tutto questo crudo realismo, qualche passo è vera poesia. E' un mondo da scoprire.
Grazie e ciao,
Manuela
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La mala erba
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Avere tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flashback
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il girotondo delle iene
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)
Fairy Tale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Erosione
La città e la casa
Sangue di Giuda
La sottile differenza
L'altra linea della vita
Le perfezioni
Domani e per sempre
In tua assenza
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
L'anno capovolto
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Mordi e fuggi. Il romanzo delle BR
Lingua madre