Dettagli Recensione

 
Stabat Mater
 
Stabat Mater 2009-12-06 19:24:46 carlo
Voto medio 
 
1.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da carlo    06 Dicembre, 2009

restituitemi i soldi spesi per il libro

La prosa poetica è la scrittura che caratterizzerebbe questo romanzo breve. Ma io del romanzo, breve o non breve che sia, non ci ho trovato nulla. Una trama che non c’è. Se poi lanciare un ritmo (il "voi" dei dialoghi, si sa, intriga ma ciò non è mica merito dell'autore) e seguirlo nella varie peripezie dei dialoghi e della scrittura significa offrire una trama al lettore, allora vabbé: abbiamo il romanzo breve. Io non so fino a che punto intriga il lettore questo testo per palati forti (palati forte, forse nel senso che ci vuole forza e coraggio a leggerlo fino alla fine). Posso solo dire cosa ha suscito in me Stabat Mater. Autentica noia!



Il finale è abbandonato a se stesso, e rivela gli sforzi profusi dall’autore nel condurre una non trama, un lasci e corri.

Laddove dall’inizio fino in prossimità dell’epilogo si strazia il lettore con una sorta di canto del morto - di un’improbabile orfanella che dialoga con la sua morte, di un’orfanella che si diletta a scrivere lettere struggenti alla madre - un finale psichedelico ti offre un lieto fine inaspettato: e inaccettabile, perché a quel punto il lettore si aspetta la tragedia.

Inizi a leggere che correlativi oggettivi ti mostrano un’orfana ricoperta di merda, scusate il termine, ma è proprio così che Scarpa mostra le scene: una piramide di M. Per raccontarci il dramma attinge chissà dove, e si capisce che tutto è di seconda mano: l’orfana nel romanzo non viene resa, l'orfanatrofio nisba: ci sono espedienti di prosa poetica che cercano disperatamente di convincerti che quel personaggio è una adolescente orfana. Non convince nemmeno un palo luce. L’unico dialogo convincente è quello che l’orfana fa con la sua morte: la morte con i capelli a serpente. Ma questo dialogo fatto da anafore per allocchi è troncato nel finale, buttato in un canto e non si capisce la sua funzione nel romanzo. Il personaggio morte è liquidato, dimenticato. Il finale del romanzo traduce in tutte le lingue il libro: una voce narrante e un abbandonarsi al ritmo, un gloriarsi di sé (autore), specchiarsi nello specchio e dirsi quanto son bello! Poi che diavolo ci azzecca Vivaldi! I luoghi sono mostrati in penombra: quattro tocchi, perché se apri gli occhi forse vedi troppe cose che non vanno. Non c’è respiro, in compenso c'è il nulla mischiato col niente. Una prosa vetusta.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
61
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri