Dettagli Recensione

 
Tutti i nomi
 
Tutti i nomi 2012-04-12 10:00:42 C.U.B.
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    12 Aprile, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Claustrofobia fisica e mentale.

Che amara delusione.
Sara’ che ho trovato esaltante il suo CECITA’ e quindi sono partita con aspettative altissime.
Sara’ che io Kafka non lo reggo e qui, diciamolo pure, l’atmosfera e’ decisamente kafkiana.
Sara’ quel che sara’ ma lo ho finito per auto imposizione , giusto perche’ era breve, senza alcun piacere.

Lo stile di scrittura e’ quello noto dell’autore, con un utilizzo decisamente suo personale della punteggiatura.
Ma mentre altrove scandisce il ritmo in maniera affascinante, qui toglie il fiato in una perenne apnea coatta, diventi paonazzo dalla fatica. Pesante, pesante, pesante.

Il linguaggio e’ volutamente ricercato, a buona ragione, per rendere l’ambientazione.
Il romanzo e’ infatti ambientato in una location alquanto inverosimile – come luogo di un racconto, perlomeno- ossia nella Conservatoria Generale dell’Anagrafe.
Muri alti, ambienti polverosi, infiniti corridoi, anche qui manca l’aria.
Una gerarchia fittissima ed intoccabile l'organizzazione del personale al suo interno.
Il signor Josè, impiegatuccio ai piedi della piramide gerarchica, lavoratore modello da piu’ di 25 anni, improvvisamente stravolgerà le sue abitudini in seguito al casuale ritrovamento di alcuni documenti di una donna, che diventera’ la sua ossessione.

Duecento e passa pagine di elucubrazioni che si fondono con discorsi reali facendoti perdere il senso dell’orientamento tra cio’ che effettivamente sta avvenendo e cio’ che e’ solo nella testa del signor Josè.
Tra i muri di quella claustrofobica Conservatoria.
Rincorrendo, arrancando, le manie morbose di quest’uomo.

Datemi un po’ d’aria, per favore, credo di meritarmela almeno oggi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
151
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Un pochetto ispira la trama, ma se mi dici che c'è lo sfondo kafkiano allora giro i tacchi e proseguo. :)
Bella recensione!
Marghe Cri
12 Aprile, 2012
Ultimo aggiornamento:
12 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Io sono innamorata della prosa di Saramago e questo libro era già nella mia LD!
Devo dire che amo anche Kafka...
D'altra parte mi fido del tuo giudizio...
Dubbio amletico: lascio o tolgo? :-(
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
12 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
@ Darkala, io di Kafka ho letto solo IL PROCESSO e ancora mi sento svenire dalla pesantezza..
Questo e' tipicamente Saramago nella scrittura, ma con un fortissimo retrogusto di Kafka.
La trama aveva folgorato anche me effettivamente...Quanto mai. E io AMO Saramago...
Ma questo proprio...

@Marghe : come sopra. Se ami Kafka lascialo in LD, provaci... Magari ti piace.
Non e' il Saramago di CECITA' , se non nello stile.
Magari prendilo in biblioteca, io non lo ricomprerei col senno di poi.
Cupo, noioso, faticoso, strizzacervello. Per me. Ad altri ho visto e' piaciuto molto...
Per carita'...
In risposta ad un precedente commento
gracy
12 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
A me tuti i nomi mi era particolarmente piaciuto, per carità ostico all'ennesima potenza ma non lo affiancherei a Kafka...a mio modesto parere...
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
13 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Kafka e' Kafka, Saramago e' Saramago.
Leggendolo la sensazione che mi ha trasmesso e' stata simile a quella che ho provato durante la lettura de Il PROCESSO. Inizialmente credevo fosse solo questione mia, invece anche gli altri utenti che lo hanno recensito in Q ho visto hanno provato lo stesso.
Pero' ribadisco, si tratta di sensazioni mie, le recensioni in circolazione sono in genere positive.
A me, proprio zero .
:-)
In risposta ad un precedente commento
gracy
13 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Il processo di kafka....non l'ho nemmeno classificato! Non ho capito neanche una parola...un macigno, ancora mi chiedo ma che processo era??
Cecità è unico e tutti i Saramago che sono stati scritti non sono allo stesso livello.
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri