Dettagli Recensione

 
Igiene dell'assassino
 
Igiene dell'assassino 2012-05-28 19:49:37 Lady Libro
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Lady Libro Opinione inserita da Lady Libro    28 Mag, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un tornado di parole e sputi

Come riassumere in breve il contenuto di questo romanzo? Con la famosissima canzone di Mina: parole, parole, parole...
Sì, perchè il tutto è governato da un'unica forma di scrittura: il dialogo.
Ma se Socrate esaltava l'importanza del dialogo come metodo di ragionamento collettivo tramite cui si raggiunge la sapienza, Amelie ha qui tutt'altro scopo con le sue infinite parole: lo sputo.
Proprio così: attraverso il linguaggio verbale, l'obeso, invalido e moribondo scrittore da premio Nobel protagonista esprime tutta la sua misantropia, misoginia e (presunta) superiorità morale. Ogni sua singola parola è uno sputo in un occhio, il massimo disprezzo per coloro a cui ritiene di non appartenere, un colpo mortale per i poveri giornalisti che rivestono, loro malgrado, il ruolo di carne al macello, dopo essere stati vittime di una spietata battaglia verbale. Non c'è ironia, nè tanto sarcasmo: solo una lunghissima guerra di logos il cui vincitore sarà uno solo.
Tutti questi sputi e parole, si articolano, si sovrastano, si intrecciano, si sovrappongono in un forte e violento tornado che finisce inevitabilmente per coinvolgere il lettore appassionato o meno.

Primo libro scritto da Amelie Nothomb e già questa donna dimostrava tutta la sua intelligenza. arguzia e acume: rispetto però ai libri precedenti che ho letto di quest'autrice, qui ho trovato un lessico e dei contenuti un po' più complessi, numerosi sofismi, frasi latine, filosofiche e dialettiche che ho dovuto rileggere più volte per poter capire.
Inoltre certi argomenti di conversazione mi sono sembrati un po'inutili e forzati (soprattutto alla fine), ma per il resto è proprio un buon libro.
Leggere Amelie Nothomb è un po' come andare dallo strizzacervelli. Con lei non ci si annoia di certo, ci si stupisce e sconvolge. Lei è la regina dell'imprevedibilità, della stranezza, dell'originalità il più vicina possibile alla realtà, nonchè dei finali a sorpresa (leggerei le sue opere solo per questi).
Insomma, o la si ama o la si odia. E io l'amo. Tanto.
Quando ci si abitua al suo stile, il suo senso del macabro diventa normalissimo e perfino piacevole.
So che sembrerò pazza nell'affermare ciò, ma che posso farci? Questa è Amelie, questa è la sua magia. Questo è l'incantesimo che mi ha fatto con le sue pagine. Con le sue parole.

Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
al di là del mio gradimento per la nothomb, ottima recensione!
:))))
In risposta ad un precedente commento

29 Mag, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
grazie piero =)
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Il mantello
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri