Dettagli Recensione

 
La banda dei brocchi
 
La banda dei brocchi 2012-06-21 11:46:20 pitulina
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
pitulina Opinione inserita da pitulina    21 Giugno, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

With a little help from my friends

Un gruppo di 4 ragazzi, amici, studenti, alle prese con i primi amori, le prime passioni, i primi sogni...e le prime teste sbattute, le prime ingiustizie, i primi contatti con la durezza e la tristezza della realtà.
Siamo negli anni 70 (che Coe è magistrale a rendere così bene), in Inghilterra ci sono, si sentono, le differenze di classi tra borghesia e classe operaia.
Sono gli anni di Eric Clapton, dei Clash, della lotta dura senza paura, degli attentati dell'Ira, degli scontri polizia-manifestanti, dei pantaloni a zampa e dei capelloni, degli arrivi in massa di immigrati (per lo più di colore), sono gli anni della "rivoluzione".
Insomma, potrebbero sotto certi aspetti essere anche gli anni 2000/2010/2011...triste ma è così.
E in tutto questo questi 4 ragazzi vivono, crescono, cambiano idee o le mantengono sempre più, si allontanano e si avvicinano, in una giostra che è la vita e che ti porta ad essere, alla fine del viaggio, ben diverso da quando sei partito.
I sogni, quelli importanti, per la maggior parte si infrangono, e si diventa adulti e ci si lascia dietro una parte di sè, forse la più importante, ci si rende conto che il mondo, che sembrava ai nostri piedi e che si credeva di poter spaccare e cambiare in meglio, non sempre si può cambiare o forse non cambierà mai (e che anzi è lui che cambia noi), che di eroi e uomini che smuovono le masse ne nascono uno/due ogni cento anni, e che per quanto si abbia talento e idee brillanti a volte nella vita non bastano, che se il destino ci ha fatto nascere Gino Rossi e non Contessa Mazzanti Vien dal Mare c'è poco da fare: o hai (insieme alla bravura, al talento, all'impegno) una grande botta di culo o comunque rimani Gino Rossi a vita.
Nonostante questo però, per fortuna certe cose non cambiano, certe amicizie che magari si allontano ma restano sempre, gli amori, i valori veri, e soprattutto...i ricordi! quelli sono solo nostri e sono immutabili nel tempo a dispetto di tutto ciò che ci circonda!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi adora l'Inghilterra, il modo britannico di raccontare la quotidianità della vita, lo stile di Coe, particolare, e a chi ha voglia di un tuffo negli anni '70.
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri