Dettagli Recensione

 
Mercurio
 
Mercurio 2013-05-22 19:13:24 Bruno Elpis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    22 Mag, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Hg o Ermes? Le sindromi di Amélie

Hg o Ermes?

In chimica Hg è il simbolo del mercurio.
Mercurio, secondo la mitologia, è il messaggero degli dei.
Leggendo il titolo dell’opera, io avevo pensato al dio con il caduceo (“simbolo della medicina”) e i calzari alati, i talari o pédila (in greco).
Sono rimasto pertanto sorpreso quando ho visto che l’autrice con ‘mercurio’ si riferisce principalmente all’elemento chimico (“… si ostinava a restare disperso in goccioline …”) presente nei termometri (quelli di penultima generazione, visto che oggi i termometri sono fabbricati con un materiale meno inquinante): “... avevano ricevuto l’ordine di non lasciar passare nessun materiale riflettente. Ma chi poteva pensare al mercurio del termometro!”
Poi però Mercurio, inteso come dio, arriva! “Con una maiuscola, il mercurio diventa il dio messaggero, Mercurio”.
La storia è un po’ fiaba e un po’ no: come fiaba è un ibrido tra “La bella e la bestia” (“Si tratta della mia pupilla, Hazel, una ragazza che ho raccolto cinque anni fa, in seguito a un bombardamento che aveva ucciso i suoi genitori e l’aveva ferita gravemente”), “Il brutto anatroccolo” (“Ero solo un relitto fra migliaia di vittime di guerra che morivano come mosche”) e i miti greci.

Psicologismo immaginifico: le sindromi di Amélie

Potenza della rappresentazione artistica!
Amélie Nothomb ritrae una molteplicità di complessi psicologici (“Perché è impossibile fare del bene a qualcuno senza fargli del male?”) in una trama avvincente, incalzante e molto dialogata.
Innanzitutto ci imbattiamo nella famosa sindrome di Narciso: l’attrazione per lo specchio (“Essere arrivata in una casa che sembrava concepita per me, senza specchi e senza la più piccola superficie riflettente”), la paura per lo specchio (“Cosa c’è di più spaventoso di uno specchio?”), la morte a causa dello specchio (“Per me sarebbe fatale come lo fu per Narciso, ma per le ragioni opposte”).
Hazel, prigioniera da cinque anni sull’isola del vecchio capitano Omer Loncours, sembra anche affetta dalla sindrome di Stendhal: sia perché ha letto sessantaquattro volte “La certosa di Parma” (“Se lei fosse innamorata, vorrebbe passare una notte soltanto con l’oggetto della sua passione?”), sia per i riferimenti all’arte come fonte di emozione (“Mi trovavo in un quadro di Hieronymus Bosch: da ogni parte bruttezza, mostruosità, sofferenza, decadimento, ed ecco, all’improvviso, un’isola di purezza incontaminata”). Del resto “Stendhal ha detto: il romanzo è uno specchio che si porta con sé lungo la via”.
Poi troviamo il complesso di Morfeo, efficace palliativo per le giornate di prigionia: “Dormire è un’occupazione ottima e piena di buonsenso”.
Ancora, incontriamo la celebre e celebrata sindrome di Stoccolma: “I prigionieri non vogliono la libertà. Sta facendo come Fabrizio del Dongo: ama la sua prigione”. E ama il suo carceriere: “Una prigione, lo stupro sentimentale, l’abiezione: allora in fondo le piaceva”. Perché “è il colmo: la sequestra per anni e lei lo ringrazia!” Anche se “mancava l’ingrediente essenziale al vostro godimento perverso: uno spettatore”.
E che dire del complesso saffico al quale s’ispira la relazione tra l’infermiera Francoise (“Somiglia alla dea Atena: ha la bellezza dell’intelligenza”) e la pupilla Hazel, soggiogata dal vecchio capitano (“Il primo marzo io compio 77 anni; il 31 marzo tu ne avrai 23. Un mese fantastico, il marzo 1923, che ci permette di fare un secolo in due!”) sull’isola di “Morte Frontiere” dinnanzi al porto di Nodo?
Infine, l’autrice sembra affetta dalla sindrome di Giano: bifronte come il dio, Amélie Nothomb propone non uno, ma due finali. Un’autentica mostruosità estetica, che rende l’opera una divina creatura bicefala. Per la delizia del lettore, che incapperà nel complesso del Capitan Tentenna e non saprà scegliere quale preferire tra i due epiloghi …

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La certosa di Parma, Il conte di Montecristo e Carmilla (opere citate nell’opera dalle due protagoniste)
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Come Robbie, ringrazio CUB per lo splendido consiglio :)
Elpis lei mi fa sentire una emerita ignorante :- )
Io l'ho letto sto libro...ma adesso con la tua recensione praticamente lo sto studiando!!
Le porgo i miei più sentiti complimenti!
No Ale, no! :)
Il mio scopo è unicamente quello di comunicare ed esprimere ciò che un libro mi trasmette (e "Mercurio" me ne ha trasmessi di messaggi ed emozioni!). Esattamente come hai fatto anche tu nel tuo bel commento, anteriore al mio, che ho letto e apprezzato. :)
Ciao,

Bruno

In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
23 Mag, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Bruno ma sai che ha ragione Alessia ?!
Come sei colto ! Io non saprei mettere insieme due frasi di quello che hai scritto.
Cio' detto, son contenta ti sia piaciuto, io sono assolutamente per il secondo finale.
Se e' Nothomb, bisogna essere cattivi fino alla fine :-/
Cub, non fare la modesta! I tuoi commenti sono sempre stimolanti e divertenti e i consigli di lettura che dispensi, come vedi, vengono raccolti. :)
Finale: capisco la tua scelta, ma a me piace così: la doppia opzione. In fondo non è poi così necessario imboccare l'uno o l'altra strada. Non trovi?
Oggi sto leggendo "Le catilinarie". ;) ma prima o poi credo che mi procurerò l'opera omnia di questa autrice che è caduta nella mie grazie dopo che ho letto i commenti scritti da tutti voi proprio qui a Qlibri.
Ciao,

Bruno
Insomma, c'è abbastanza materiale per uno strizzacervelli...
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
23 Mag, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
E per forza Bruno, ti ho talmente pressato con 'sto Mercurio, non potevi sottrarti :-)
le Catilinarie ce l'ho ma non l'ho ancora letto :-)
ASPETTO BUONE NUOVE
I miei complimenti Bruno...hai saputo stuzzicare la mia curiosità...un libro molto accattivante per me...
Quante se ne vedono ogni giorno di queste sindromi...che se non conosci almeno in parte, non riesci proprio a capire e giustificare certi comportamenti. Almeno sapere, ti aiuta a giudicare meno...e ad essere più comprensivi.
Pia
Wow!! Si...non c'ho colto una cippa lippa....Mercurio non l'ho letto; Narciso, uno specchio, Bosch, La certosa di Parma, Edmond Dantes...w il Capitan Tenntenna!! W Bruno Elpis.....W Amelie e il suo fantastico cappello!! ?^__*
Bellissima recensione Bruno!! Ma visti tutti i riferimenti psicologici ed anche il tuo libro "il carnevale dei delitti", non avrai mica studiato psicologia?? :P
11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore