Dettagli Recensione

 
Il lupo della steppa
 
Il lupo della steppa 2013-06-02 12:27:15 Yoshi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Yoshi Opinione inserita da Yoshi    02 Giugno, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il lupo della steppa siamo noi!

Questo libro faceva parte della mia libreria da un bel pezzo, non sapevo cosa aspettarmi in quanto è stato uno scambio e non ho neanche letto la trama, la sola cosa era la curiosità di leggere qualcosa di Hesse che mi è stato spesso e volentieri consigliato.
Quando un giorno, non molto lontano (lunedì), "Il lupo della steppa" mi ha chiamato, ha instillato in me la necessità di leggerlo.
Non è stata una lettura semplice, la scrittura e il linguaggio usati non sono sempre scorrevoli, difatti mi sono trovata spesso a leggere e rileggere una frase per capire meglio il significato.
Detto questo, che è l'unico lato un po a sfavore (non dico negativo perchè non c'è nulla di negativo in questo libro) credo sia entrato a fare parte della mia "top ten" dei libri preferiti.
Nulla avviene per caso ed ecco che, essendo in transito verso una me stessa diversa, questo libro capita a fagiolo.

Non mi soffermerò a fare riassunti perchè rischierei di banalizzarlo e comunque sarebbe abbastanza impossibile rendere in pieno la profondità del messagio che Hesse vuole donarci. Cerchero, che non me ne voglia, di condividere con voi ciò che ha comunicato a me:

Ha suscitato non poco stupore e spesso ho trovato familiarità nel lupo della steppa (anche se familiarità è un termine riduttivo perchè pensavo stesse parlando proprio della sottoscritta).
Fin da piccoli ci insegnano che la nostra anima è divisa in due: bene e male, bianco e nero, diavolo e acqua santa.
Siccome il male (rabbia, l'invidia, la golosità.........) non va bene, allora per sopravvivenza e per non sentirci sbagliati, cerchiamo di sopprimerlo nella speranza che un qualche Dio ci assolva dai nostri peccati.
Quale assurdità...
Ecco che, ad una certa età o in un momento particoalre di cambiamento, compaiono i disagi, la paura, l'ansia, il panico e il senso perenne di inadeguatezza.
Più li scacciamo, più questi torneranno con maggiore forza e carica, pronti ad abbattere le barriere.
Avete mai avuto la sensazione che stesse succedendo qualcosa di pericolosissimo in un momento di assoluta calma?????
Se la risposta è si allora sappiate che state cercando di sopprimere un qualche lato di voi stessi che vuole venire fuori.
Veniamo spinti a scappare da noi stessi e cercare risposte al di fuori o, cosa peggio ad isolarci.
Tutto ciò non è altro che la vita che bussa alle nostre porte e ci chiede di tornare a fare parte di noi.
(Del resto, i più grandi psicologi non dicono che la depressione, l'ansia e il panico non sono altro che sentimenti repressi??)
La rinuncia ad un lato del nostro carattere non fa altro che aumentare la nostra sofferenza, ripresentandosi in vesti ben più pesanti e fomentando il lupo della steppa con la costante sensazione di essere soli.
Questo libro enfatizza il concetto che se i due lati coesistono vige la serenità e al contrario ci sarà una lotta costante al dominio supremo.
Qui subentra la filosofia orientale di cui Hesse si è cibato per gran parte della sua vita, facendo uscire Erminia come personaggio principale e fondamentale che scatena il caos e rinnova la vita di Harry.
Lei abbatte il muro che Harry si è creato e in un costante crescendo, fa scoprire ad Harry che non ha solo i due lati uomo/lupo, ma che la sua nima e la nostra anima ha molteplici lati, personaggi e animali e tutti che cercano di coesistere.
E' più facile accettare i lati positivi di quelli negativi ed ecco che nasce il costante conflitto interno.
Il lupo della steppa è questo, il lupo della steppa siamo noi, il lupo della steppa è il male dell'uomo da secoli e secoli.
Tutti i personaggi che compaiono nel libro, dove non solo Erminia è importante e fondamentale per il cambiamento di Harry, ma anche Pablo e Maria e tutte le altre comparse sono importanti quanto lui, semplicemente perchè i personaggi "marginali" non sono altro che la proiezione esterna di un lato che il lupo della steppa ha soppresso e soffocato dentro di se.
Uccidendo noi stessi (metaforicamente) e ciò che ci siamo cuciti addosso, riusciremo a fare luce al nostro vero io.
Solo quando saremo disposti, per obbligo o per esigenza, a lasciar uscire e accettare tutti i personaggi insiti in noi riusciremo a vivere con pace e serenità e di conseguenza accettando noi stessi, riusciremo ad accettare il mondo esterno.

"Benchè la necessità di diventare uomo gli sia più palese che ai borghesi, chiude gli occhi e non vuol rendersi conto che quel disperato attaccamento all'io, quel disperato rifiuto di morire è la via più sicura per arrivare alla morte eterna, mentre il saper morire, il saper spogliarsi e abbandonare l'io alle metamorfosi conduce all'immortalità"


p.s.: spero di essere stata chiara e meno confusa di quanto credo, nel descrivere ciò che secondo me lui ha voluto comunicare attraverso questo bellissimo libro.
Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 

Meraviglioso commento! Un'analisio davvero matura, ben esposta e partecipata...Bravissima!:)
In risposta ad un precedente commento
Yoshi
02 Giugno, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie mille fede! Grazie a te per questo meraviglioso scambio!!
In risposta ad un precedente commento
Mephixto
03 Giugno, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Bravissima Yoshi, un altro classico che dovro rispolverare... letto quasi 20 anni fa; non me lo ricoro proprio, forse perche non seppi apprezzarlo,devo assolutamente rispolverarlo. D'altra parte si sa, ogni cosa a suo tempo !
Grazie del Memo
In risposta ad un precedente commento
Yoshi
03 Giugno, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Sisi ogni libro a suo tempo!!!
Assolutamente daccordo infatti se lo avessi letto due mesi fa, molto probabilmente non mi sarebbe piaciuto!!
Un abbraccio!!
Sara moncalieri
05 Giugno, 2013
Ultimo aggiornamento:
05 Giugno, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Che super-analisi, Maldestra, complimentoni!!
In risposta ad un precedente commento
Yoshi
05 Giugno, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
grazie mille sara!!!!
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri