Dettagli Recensione

 
L'enigma del solitario
 
L'enigma del solitario 2013-07-26 03:20:06 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    26 Luglio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

E tu che carta sei?

Jostein Gaarder, l’autore de “Il mondo di Sofia”, in questo romanzo affronta senza esitazioni “L'enigma del solitario” e lo fa con il sistema a lui più congeniale: quello della filosofia romanzata.
Il metodo è, ancora una volta, quello della metanarrazione: la storia dentro alla storia. Con un simbolismo talvolta esplicito, talaltra più aggrovigliato ed ermetico.

Hans Thomas è un dodicenne alla ricerca di … tutto! E’ alla ricerca della propria identità, della propria storia, dei propri genitori. Sebbene infatti compia un viaggio per rintracciare la madre Anita (che, letta al contrario e non a caso, è Atina!) in compagnia del padre (il pater, così lo chiama sempre), anche il genitore presente e compagno di viaggio è un’entità tutta da conoscere nel percorso verso la coscienza esistenziale e storica.
La madre è un’idea che sovrasta e si materializza soltanto alla fine. Anita, otto anni prima, ha abbandonato la famiglia per cercare se stessa – anche lei! Tutti alla ricerca! – ed è finita ad Atene: la città simbolo della cultura e della filosofia occidentale ("La differenza tra Socrate e tutti gli altri era che questi ultimi, pur non sapendo più di Socrate, erano soddisfatti di quel poco che sapevano. E chi si accontenta di ciò che sa non potrà mai essere un filosofo.")
Il romanzo scorre con le tappe del viaggio, durante il quale un panettiere fornisce a Hans gli strumenti per penetrare una storia surreale: quella di un uomo approdato in un luogo indefinito e improbabile, abitato da un altro naufrago dalla fervida immaginazione; quella di un'isola dove vivono cinquantadue nani (come le cinquantadue carte di un mazzo!) suddivisi in gruppi come i “semi” delle carte da gioco.
Hans così comprende che, per non essere schiacciato dal destino, deve trasformarsi in jolly: la carta più versatile, polivalente e creativa in assoluto. L’unica carta che non ha un ruolo assegnato, l’unica carta in grado di ribellarsi alle regole del gioco ("In qualsiasi momento, in qualsiasi luogo, potrebbe spuntare un minuscolo giullare coperto di campanelli. E allora, guardandoci dritto negli occhi ci ripeterà le domande: Chi siamo noi? Da dove veniamo? ").
Tramite la sceneggiata delle carte, l'autore rappresenta la vita come un enigmatico solitario orchestrato da un "illusionista che si fa beffe degli altri".

Inevitabile, per il lettore, chiedersi: ma io che carta sono nella mia vita?
Il mitomane si sentirà un asso pigliatutto, il vittimista penserà di essere il due di picche, l’ambizioso – come diceva una vecchia canzone – interpreterà il re di denari, il sentimentale reciterà il ruolo del fante di cuori, l’artista sarà la matta, l’innamorata sarà la donna di fiori o di cuori, a seconda delle preferenze, l’intruso sarà “la peppa tencia” (la famigerata donna di picche). L’importante sarà anche conservare qualche briscola. E magari non giocare con il morto. E non bluffare, come si fa nel poker. O peggio ancora, non barare: con se stessi, con gli altri.
Sarà altrettanto importante capire se si sta giocando a rubamazzetto, a una noiosa partita di bridge, a un triste solitario o alla briscola chiamata, magari con il morto (ancora lui!).
Si capisce che la simbologia delle carte m’intriga?
E voi, amici miei, che carta siete?

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... Il mondo di Sofia
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

9 risultati - visualizzati 1 - 9
Ordina 
Dunque visti i miei pregressi da imperatrice, io sceglierei una regina, non potendo andare oltre in rango. Poi i fiori, che son sempre bellissimi. Regina di fiori quindi, cosa vuol dire ?
Bruno Elpis, il cartomante ....
Non so che carta sono, ma la simbologia ha intrigato pure me, quindi leggerò il libro e magari scoprirò di essere un jolly, anche io! Nella vita mai dire mai!! Grazie, comunque, per il bel commento e per il libro segnalato.
Bella segnalazione Bruno...da piccola ero affascinata dall' Asso di cuori ;D
Benissimo! Una regina nell'assenza di imperatrici nel mazzo di carte, un jolly e un asso!
Con simpatia ;)

Firmato il due di picche :-D
In risposta ad un precedente commento
gracy
29 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Io ho un pò timore dell'altro libro "Il mondo di Sofia" è sempre lì che mi guarda e non lo leggo mai!
...che carta sono?
Come risponderebbe Piero Pelù...REGINA DI CUORIIIIIII.....TI VESTO DI FIORI....:P
In risposta ad un precedente commento
Bruno Elpis
29 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Eclettica rockettara!
In risposta ad un precedente commento
gracy
29 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
:D
leggere Gaarder non è propriamente una passeggiata......
Ho letto volentieri Il mondo di Sofia ma non so se lo consiglierei a coloro che non avessero un minimo di infarinatura di filosofia....
Questo titolo qua, Bruno, mi spaventa ancora di più.......ed il tuo 3 stelle sulla piacevolezza mi fa pensare, mhhhh.....
Ho trovato splendido e commovente "La ragazza delle arance" che consiglio a tutte le tipologie di lettori!
In risposta ad un precedente commento
Bruno Elpis
30 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Vero Silvia! I libri di Gaarder possono piacere a chi ha propensione per la riflessione/speculazione. Diversamente rischiano di risultare pesanti. :)
9 risultati - visualizzati 1 - 9

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
Vita in vendita
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello
Maimai