Dettagli Recensione

 
La festa dell'insignificanza
 
La festa dell'insignificanza 2013-11-16 18:08:06 JUNE
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
JUNE Opinione inserita da JUNE    16 Novembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

inutilmente si cela il teatro vitalizio

A volte ho covato l'immaginario di interfacciarmi ,in occasioni quotidiane,con grandi scrittori o personaggi storici,di volerli al mio fianco in questo tempo attuale e da questo spassoso e surreale immaginario mi nasceva un sorriso interiore di profonda consolazione..chi di noi non l'ha mai,per un momento soltanto,desiderato?
Chiacchierare alla fermata di una metropolitana con Proust dell'inquinamento mentre indossa i suoi guanti canditi e reclama una tuta iperbarica per vivere in questo suo futuro e nostro presente carico di polveri crudeli..
Lui,così ossessionato dai germi....diverrebbe il capo dell'insostenibile pesantezza dei tempi moderni!

Tutto questo per dirvi che in queste burle irreali Kundera mi è sempre stato complice,strizzandomi l'occhiolino.
Anche in quest'ultima sua opera l'autore richiama,momentaneamente all'appello,il grande dittatore Stalin,il focolaio delle sue ferite interiori,per farlo diventare,nella sua immaginativa scenetta,una suocera paranoica da orinatoio facendoci sorridere poiché,in fondo,l'ironia e l'autoironia salvifica privandoci del nostro più tenace attaccamento a noi stessi,concedendoci il segreto recondito della nostra inesistente importanza.
Ebbene si,quel Ceco inconsunto,che ci ha lasciato uno dei libri più conosciuti di sempre,ci regala una “pièce cartacea” breve ma destabilizzante.

Il suo girone umanistico é percorso e si fa percorrere in sette capitoli che sembrano celare l'apertura di quesiti già intrinsechi di risposta,una risposta beffarda e sfuggente che non può non spingerci a valutare la nostra infinita inutilità e destrutturazione.
Sedimenta tra le pieghe un entourage di nichilismo in questo sortito menage composto da cinque personaggi che ruotano sul palcoscenico come marionette ben calibrate,entrando in scena a turno e portando a compimento la sensazione fuorviante di chi muove i loro circuiti.

lo smarrimento lo si percepisce dal concetto di apertura del racconto che inizia cercando il significato di una delle forze primordiali che crea autocoscienza dopo il cibo:l'eros,un eros che é stabile come potenza inconscia ma che si veste di canoni diversificati per sedurci a seconda delle epoche.
Ci spiazza con l'omologazione di ciò che é sempre stato fonte di ammalianti pulsioni,di rottura di pudore nel corso della storia,simbolo dell'amniotica nutrizione,di ciò che é scolpito su di noi come un segno distintivo:l'ombelico.

Le occasioni,tra le pagine,sono molte per buttare sul piatto concetti che annientino e provochino in questo sceneggiato che si muove tra tre ,massimo quattro,scenografie.

Ho letto questo racconto due volte perché un passaggio non era abbastanza generoso per rubare,farmi svelare,afferrare quello che l'autore,burlandosi di me, ha voluto farmi credere depistandomi e vi dirò che il suo fascino é che ancora non ne sono totalmente convinta perché inerme.

Probabilmente la distopia é solo un'utopia che non ha ricordi di se stessa o
forse semplicemente sto dicendo un mucchio di baggianate


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

5 risultati - visualizzati 1 - 5
Ordina 
bellissima analisi, June!
si percepisce quanto tu abbia cercato il messaggio dell'autore tra le pagine....
In risposta ad un precedente commento
Pia Sgarbossa
17 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Ma questa tua recensione è semplicemente meravigliosa.
Complimenti!
Pia
Ottima recensione e simpatica l'idea dell'intervista "impossibile"....
Io invece vorrei accostarmi a loro nel loro tempo. Per esempio vorrei tanto mangiare banane fritte all'ombra di un patio di Macondo, tra fiume e bananeti , con Gabriel Garcia Marquez.
Per esempio...
In risposta ad un precedente commento
gracy
18 Novembre, 2013
Ultimo aggiornamento:
18 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
June! Lo sai che per me sei la migliore...no diciamo una delle migliori ..eheheheh..dopo la pallosa insostenibile leggerezza dell'essere che ha ammorbato i miei anni 80 il tuo monito giunge candido alle mie orecchie!
Meglio June che Kundera :DD

Io sogno d' incontrare per le strade del porto di Porto Empedocle il Sommo....oppure fare una comparsa al teatro di Maugham Somerset, con Lansdale ci sono già stata, due scrittori di noir mi hanno sognata ...che dire gracy rulessss
5 risultati - visualizzati 1 - 5

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vita in vendita
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello
Maimai
Gli ansiosi
Il guardiano notturno
Le vie dell'Eden
La lingua perduta delle gru
Tomas Nevinson
La promessa
L'uomo che amava i bambini