Dettagli Recensione

 
Estasi culinarie
 
Estasi culinarie 2013-11-27 04:08:21 Bruno Elpis
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    27 Novembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Stessa strada, stessa porta

“Stessa strada, stessa porta” è un verso di “Fiori rosa, fiori di pesco”, canzone della premiata ditta Mogol Battisti.
“Stessa strada, stessa porta” ben si addice a “Estasi culinarie”, romanzo che l’autrice de “L’eleganza del riccio” ambienta nel medesimo palazzo di Rue de Grenelle che custodisce le gesta della portinaia Renée.
Con un’avvertenza: “Estasi culinarie” è l’antecedente e quindi “stessa strada, stessa porta” si riferisce più al riccio che a “Une gourmandise”.
In questo primo capitolo della saga siamo al quarto piano del palazzo signorile e qui troviamo il sessantottenne Monsieur Arthens, il più grande critico gastronomico del mondo, che è… in punto di morte. E, come dice un altro detto (questa volta non mutuato da una canzone di Battisti), ognuno in punto di morte rivede la propria vita. Ovvio dunque per il moribondo chef veder scorrere i fotogrammi delle delizie, dei manicaretti e delle altezzose tappe di una carriera che ha raggiunto il culmine della fama, dell’arroganza e dell’aridità umana.
Assenza di doti umane ed estetica del palato si fondono in una retrospettiva che ha un unico fine per il moribondo: quello di individuare disperatamente l’unico sapore che il buongustaio vorrebbe assaggiare di nuovo prima di morire ("Ormai niente ha più importanza. Eccetto questo sapore che inseguo nei recessi della memoria e che, furente per un tradimento che io nemmeno ricordo, mi resiste e ostinatamente mi sfugge"). Del resto chi non ha mai sperimentato qualcosa di analogo? A me, anche in questi giorni, per esempio capita di avere nella mente uno sceneggiato televisivo, che guardavo da bambino e al quale associo alcuni ricordi visivi e sensazioni vivide, ma non riesco a identificarlo e a ricordarne il titolo, neppure digitando parole chiave nella stringa di google…
La ricerca del sapore perduto nel tempo (o di qualsiasi altra sensazione nell’esperienza personale) è la riscoperta di una sfumatura essenziale dell'infanzia, sepolta sotto le sovrastrutture di una vita trascorsa tra raffinatezze inutili, e per il lettore ha il sapore di una beffa: "E se, in fin dei conti, a sfidarmi beffardamente fosse qualcosa di insipido?"
Un romanzo lezioso, da leggere quando si è già letto di tutto, per apprezzare un particolare, un dettaglio, una raffinatezza culturale più che gastronomica.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... "L'eleganza del riccio" della stessa autrice.
"Di viole e liquirizia" di Orengo.
Trovi utile questa opinione? 
280
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Ciao Bruno!
io ho amato L'eleganza del riccio e mi chiedevo come fosse questo romanzo della Barbery assi poco letto rispetto all'altro....
il tuo commento mi è stato davvero utile.!
Eh, quando dissi che l'eleganza del riccio era un romanzo pesante, insipido e pretenzioso mi dettero tutit addosso....però qualcosa di vero c'era...
Ciao, Bruno...buona giornata...
No, mi sono sentita talmente stranita a non aver apprezzato L'eleganza del riccio, che non voglio altre delusioni!
Però la tua recensione è sempre preziosa e se vuoi ti aiuto a capire qual'è quello sceneggiato.... ;)

Valentina
E quindi...non ti è piaciuto....peccato!
L'eleganza del riccio l'ho apprezzato molto (nonostante le dissertazioni di troppo) e questo antecedente avrei voluto leggerlo ma, dopo la tua recensione, non ne sono più tanto convinta.... :)
A Silvia, Gin e Marcella: io l’ho letto sulla scia dell’entusiasmo per il riccio. Con questa premessa, si rimane un po’ delusi… Ma può anche piacere molto, così si sono espressi alcuni amici che mi hanno preceduto. :-)

@ Valentina: affare fatto, ma credo sia un’impresa disperata (anche perché la mia infanzia risale a epoca archeologica). :-)
Gli indizi sono: film a puntate trasmesso dalla TV della Svizzera italiana, direi nella seconda metà degli anni sessanta. Ambientazione in montagna. Protagonista un bambino, mi pare si chiamasse Sebastien. Scopre di essere figlio di contrabbandieri, almeno mi pare. Grazie a chi mi aiuterà a mettere a fuoco…
Ma...passo.
In risposta ad un precedente commento
EvaBlu
27 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Ho detestato L'eleganza del riccio, non l'ho neppure finito... :(
In risposta ad un precedente commento
Melandri
27 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
ahah Bruno, allora chiederò aiuto ai miei amici del tardo paleolitico come te :p
La serie francese per la tv, Belle e Sebastien, ambientato in montagna, e del 1967 (da cui poi la serie giapponese) sarebbe troppo facile vero?? :D
Ho amato l'Eleganza del riccio e ho mollato senza nessun rimpianto questo.
Non se ne scendeva proprio!E quel due in piacevolezza mi conferma che non era stata solo una brutta impressione la mia...
Insomma, una mezza ciofeca :-)
11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte della svastica
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri