Dettagli Recensione

 
Come un petalo bianco d'estate
 
Come un petalo bianco d'estate 2013-12-08 17:22:25 GLICINE
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
GLICINE Opinione inserita da GLICINE    08 Dicembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LUCI ED OMBRE


The grief of others, titolo originale inglese, senz’altro più calzante del titolo in italiano ( ma chi sceglie questi titoli che non c’entrano nulla con quello originale, né con la trama?)…
Un libro che analizza una crisi profonda, di una famiglia come tante…….
L’evento che fa letteralmente chiudere, ripiegare su sé stesso, ogni componente della famiglia Ryrie, è un evento davvero devastante.
Per questo l’inizio del libro fa vedere la piccola Biscuit, che marina per l’ennesima volta la scuola, prendendo la strada del fiume, dove tenterà di compiere un rituale particolare….
Ma torniamo al cuore della famiglia Ryrie, all’evento tragico che colpisce la famiglia Ryrie….
Erica rimane incinta del terzo figlio, alla prima ecografia, alla quale va da sola, come solo una mamma non alla prima gravidanza può fare, le viene comunicato che il figlio che porta in grembo non ha l’encefalo, quindi nessuna aspettativa di vita al di fuori del grembo materno, nessuna speranza per un futuro….. Questa notizia la investe letteralmente, con tutto il suo carico di violenza e di sofferenza….
Cosa può decidere questa mamma dopo un annuncio che non lascia speranza?
Cosa può dire al rientro a casa a suo marito John, a suo figlio maggiore Paul, ed alla piccola Biscuit?
Tutti si aspettano di trovare la “fotografia” del piccolo in arrivo attaccata al frigorifero, cosa provvederà a fare ed a dire Erica?
Il dolore è pronto ad abbattersi su tutti i membri della famiglia, troverà vie diverse per farsi strada in ognuno di loro, complice la mancanza di dialogo, la chiusura della mente e del cuore, per difendersi, per non sentire più male e senza nemmeno accorgersene, ci si trova fittamente legati in una rete di sofferenza e cose non dette, che fa allontanare sempre di più…
Ognuno sopravvive alla quotidianità, si vive sotto lo stesso tetto senza più vedersi veramente , senza parlarsi, senza amarsi…. Il dolore avvolge ogni cosa, del piccolo nessuno parla, anche perché le decisioni di Erica in merito a questa gravidanza pesano come macigni sul cuore e sul vissuto di ognuno.
Ma la famiglia Ryrie, deve fare i conti anche con una parte del passato di John, che inaspettatamente, irrompe nelle loro vite…. La figlia adolescente Jess, bussa alla loro porta in cerca di aiuto, è gravida, e sola, visto che la madre l’ha allontanata da casa….
Ma attenzione NULLA E’ COME SEMBRA! Questo tenetelo ben presente.
La Cohen ha scritto una storia veramente tragica, con una soavità e leggerezza davvero singolari; avrebbe potuto “sguazzare” in questo dolore, scrivere pagine e pagine, emotivamente molto cariche, per coinvolgere il lettore, invece preferisce dire, senza “rivoltare il coltello nella piaga”, senza santificare , né condannare i personaggi.
Questi ultimi hanno tutti, aspetti con luci ed altrettante ombre, la scrittrice riesce a mantenersi in equilibrio nel raccontarceli…. Non esiste qualcuno che ha tutte le colpe e qualcuno che non ne ha nessuna, così come succede anche nella realtà, questo è sicuramente l’aspetto del romanzo meglio riuscito.
La trama non ha quindi particolari punti di tensione, ed eventi ad altro tasso adrenalinico, ma scorre lineare e pulita, andando a sviscerare qualsiasi problematica e dinamica comportamentale dei personaggi.
Infatti, come vedrete, l’importante non è la presenza o meno di un lieto fine classico che coinvolga tutti gli attori della storia, principali o secondari, ma come la “nave Ryrie”, ha resistito alla tempesta che le si è abbattuta contro…..
Buona lettura

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Intensa e profonda questa tua recensione...al termine quasi avvertivo un legame tra dolore e colpe...e tutto mi pareva quasi prevedibile....ma magari è stata solo una mia sensazione...
Pia
In risposta ad un precedente commento
GLICINE
09 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Non voglio svelare parti importanti della trama, ma credo proprio che ciò che pensi, non corrisponda a ciò che realmente succede, ed al perchè succede...........
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Il mantello
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri