Dettagli Recensione

 
A proposito di lei
 
A proposito di lei 2014-01-27 11:01:52 Cristina72
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Cristina72 Opinione inserita da Cristina72    27 Gennaio, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

“Perché sono tutti così gentili con me?”

“Il processo di rinascita dopo una sbornia terribile era di una bellezza paradisiaca. Non c'è niente di più bello che superare il picco del malessere”.
Hanno spesso un senso nascosto ed ambiguo le frasi di questo romanzo, “fantasia dolorosa” che la Yoshimoto ha messo nero su bianco prendendo spunto dal film “Trauma” dell'amico Dario Argento.
Lo stile è un po' adolescenziale, forse perché voce narrante è Yumiko, ragazza dall'infanzia irrisolta che conduce un'esistenza stramba e appartata.
Commercio e affari, magia e stregoneria si intrecciano in una storia che possiede una certa grazia naïf, permeata di dolcezza e gioia di vivere:
“Guardando il cielo, si ha la sensazione che il semplice fatto di esistere sia felicità pura”.
Rimasta sola al mondo dopo la tragica morte dei genitori (un caso di omicidio-suicidio durante una seduta spiritica), Yumiko si libererà con l'aiuto del cugino Shoichi, vecchio compagno di giochi, di quel “grumo di fango” che le impedisce di ricordare episodi dolorosi della sua vita. Una vita dai molti punti oscuri, dove qualcosa decisamente non quadra.
Proprio per questo colpisce l'indole positiva della giovane donna, la sua purezza interiore, e quasi impietosisce il suo continuo e immotivato bisogno di chiedere scusa.
La realtà è che Yumiko è sola di una solitudine profonda, e ne acquisterà consapevolezza dopo aver reso Shoichi partecipe dei suoi pensieri, condividendo con lui le piccole gioie della quotidianità.
A quel punto si sentirà sollevata, amata, capita:
“...osservavo con serenità, nella luce del mattino, il processo con cui le cose semplici ritornano a essere semplici”.
Non mancano nella narrazione ripetizioni e frasi superflue, ma bisogna riconoscere alla scrittrice l'abilità di usare parole che solo dopo la clamorosa rivelazione finale acquisteranno il loro reale significato.
“Perché sono tutti così gentili con me?”, si chiede Yumiko nel corso del viaggio che intraprenderà sulle tracce del suo passato.
Lo scoprirà con doloroso stupore, nostalgia e gratitudine, accettando la sua sorte senza rimpianti:
“Probabilmente amare qualcuno significa questo. Poter pensare all'altro escludendo se stessi”.



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

7 risultati - visualizzati 1 - 7
Ordina 
Giappo eh! Devi provare Murakami adesso ;)
In effetti non avevo mai letto niente di letteratura giapponese. Però la Yoshimoto non mi ha folgorato.
Lo sto leggendo anch'io e il tuo commento mi fornisce spunti preziosi... :-)
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
27 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
@Bruno spero di non aver spoilerato! :-))
In risposta ad un precedente commento
Bruno Elpis
27 Gennaio, 2014
Ultimo aggiornamento:
27 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Assolutamento no!!! Se ti posso meglio esplicitare l'effetto del tuo commento: sto trovando il romanzo macchinoso, ma intuisco che ci sia un finale che "risistema" i tasselli, e le tue parole lo confermano. Questo crea tensione, desiderio di continuare e di capire... io, a dirtela tutta, trovo la cultura giapponese affascinante, ma così distante dalla mia formazione... però gli autori giapoonesi li ho letti poco e mi ripropongo di colmare questa lacuna. Anche perché mi fido del giudizio che molti q-amici spesso manifestano... in sintesi: hai aggiunto pepe a una lettura che nelle prime 100 pagine è un poco languida :-)
Chissa' da che parte della barricata stai se leggi Murakami.
Invece perche' non ti leggi DOPO IL BANCHETTO di Mishima ? Io ti ci vedo con quel titolo.
@Bruno io lo trovavo semplicistico, e hai detto bene, mancava il pepe e non si capiva dove volesse andare a parare. Tra l'altro mi ha lasciata perplessa l'accenno alla “storia d'amore” tra una bambina di dieci anni e un diciottenne. Differenze culturali probabilmente, solo che il ragazzo era italiano. Mah...
@CUB mi fido della tua rece e metto in lista, ma devi prestarmi il kimono ;-))
7 risultati - visualizzati 1 - 7

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tempo dell'ipocrisia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La maledizione delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'eredità di Mrs Westaway
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Sorelle sbagliate
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una vita in parole
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri