Dettagli Recensione

 
Il lupo della steppa
 
Il lupo della steppa 2014-08-25 19:30:20 Vincenzo313
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Vincenzo313 Opinione inserita da Vincenzo313    25 Agosto, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Siamo lupi o persone?

Ne "Il lupo della Steppa" Hesse affronta uno dei temi a lui più cari, ovvero l'eterno e insoluto dissidio interiore che attanaglia ogni anima, quello cioè tra la spiritualità e l'istintività, tra la metà animale e la metà umana, presenti in ciascun individuo. A farne le spese è Harry Haller, un uomo di mezza età che vive in una condizione di permanente disagio. E' un outsider; in lui la parte istintiva e selvaggia ha da tempo preso il sopravvento su quella umana, trasformandolo di fatto in un lupo, incapace di immergersi nella società che lo circonda. Vive da emarginato in una condizione che, in apparenza, lo soddisfa, dal momento che si sente orgoglioso della sua superiorità rispetto alla borghesia dominante, da lui considerata vuota e portatrice di ideali vacui, scadenti. L'isolamento nel quale per forza di cose si rinchiude, incapace com'è di sentire la realtà allo stesso modo dei suoi simili, lo condurrà però a un'estrema sofferenza, sino alla decisione del suicidio, da lui visto come l'unica via di uscita da un mondo che gli sta troppo stretto. Proprio quando Harry pare aver preso la decisione di porre fine alle sue sofferenze, ecco spuntare l'ambigua Erminia, una donna all'apparenza spensierata e felice, ma in realtà dotata di un'intelligenza fuori dal comune. Si mostra subito capace di comprendere alla perfezione lo stato d'animo del protagonista, sino a diventare la sua intima confidente. In lei le due metà, l'uomo e l'animale, si sono perfettamente fuse, creando un essere capace allo stesso tempo di comprendere in profondità le vicende umane, e di rimanerne ferita, a differenza dello sventurato protagonista. Erminia gli farà da maestra nell'insegnargli tutte le gioie che la vita è in grado di offrire, fino a fargli apprezzare la realtà che fino a quel momento aveva allontanato con forza. Alla fine della vicenda, in un finale di storia altamente simbolico, ad Harry verrà svelato il segreto per vivere libero dai tormenti: ridere in faccia alla vita, agli avvenimenti, prendendo con leggerezza qualsiasi vicissitudine essa ci riservi.
Il messaggio finale va a concludere un romanzo che affronta, a mio modo di vedere con maestria, un argomento ostico, in seguito ripreso dallo stesso Hesse in "Narciso e Boccadoro". Dal punto di vista del contenuto, mi sento pertanto sicuro nell'attribuire il massimo punteggio all'opera. Con riferimento alla forma e alla scorrevolezza della storia, devo dire che questa procede molto bene, eccezion fatta per la parte finale, quella ambientata nel teatro, che non ho apprezzato molto in quanto troppo simbolica e avulsa dalla storia. In definitiva comunque il romanzo merita assolutamente di essere letto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Narciso e Boccadoro
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

5 risultati - visualizzati 1 - 5
Ordina 
Vincenzo, un commento bello e interessante.
Questo è un libro particolarmente cupo. Penso sia emblematico di un periodo di crisi dell'autore come persona. Certo, lui ci ha lasciato opere, anche 'minori' , molto più serene e rasserenanti. I testi scritti nel lungo periodo (finale) vissuto sulle alture del Lago di Lugano ci presentano uno scrittore, un uomo, pacificato con se stesso.
In risposta ad un precedente commento
Vincenzo313
26 Agosto, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Emilio, concordo col ritenerlo un libro cupo, ma allo stesso tempo il messaggio finale che viene comunicato, vale a dire l'invito a ridere della vita a prescindere da tutto, l'ho considerato come un lumicino di speranza, una fiammella di speranza da parte dell'autore. Cosa ne pensi a questo proposito?
Non ho ben presente quest'ultimo particolare (il libro non è una lettura recente). Conoscendo abbastanza l'autore, però, penso intenda forse avere un distacco dagli accadimenti, un non lasciarsi travolgere: Hesse, fondamentalmente, non è uno scrittore pessimista.
Commento profondo di un autore che a volte mi risulta troppo lontano (è il caso di Demian, che ho letto di recente). La recensione mi sembra illuminante rispetto a un libro che dovrò leggere.
In risposta ad un precedente commento
Vincenzo313
28 Agosto, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Ti ringrazio. Mi sento di consigliartelo vivamente. La sola pecca, come sottolineato nella recensione, l'ho trovata nella parte finale ma, in linea generale, l'ho trovato molto significativo.
5 risultati - visualizzati 1 - 5

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri