Dettagli Recensione

 
Cosmopolis
 
Cosmopolis 2014-11-09 15:37:00 Emilio Berra TO
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Emilio Berra  TO Opinione inserita da Emilio Berra TO    09 Novembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

DELIRIO A NEW YORK

" Che l'infelicità occidentale venga dal fatto che noi abbiamo sempre voluto cambiare il mondo ? " (T. Terzani).

Ambientato nell'anno 2000. Il mese di aprile.
Un giovane uomo ricchissimo e ben introdotto nei meandri del potere attraversa su un'iperaccessoriata limousine, in una caotica giornata di traffico, la metropoli per andare a farsi fare un taglio di capelli. In questo viaggio, dilatato nelle lunghe ore di percorso, accade di tutto, dalla buffonata alla tragedia.

In questo libro di De Lillo, molto bello e piuttosto noioso, c'è una rappresentazione inquietante ed implicitamente parecchio critica della realtà americana contemporanea, con una scrittura di vetro e acciaio, che ben si adatta al paesaggio urbano della metropoli, ed un linguaggio che evidenzia la pochezza umana e la volgarità della realtà descritta; linguaggio talvolta in bilico, sul filo di lama, a rischio di diventare esso stesso portatore di quella volgarità. Lo stile dell'autore, però, regge; anzi diventa un meccanismo letterario collaudato, in cui spesso è possibile gustare il piacere estetico emanato dall'architettura del discorso, dal concatenarsi delle frasi: per me lettore, unica piacevolezza che questo libro consenta.
Qui De Lillo è scrittore strettamente ' americano-americano ', erede di Fitzgerald . Mentre, però, nel romanzo "Il Grande Gatsby", pur percependosi una rappresentazione implicitamente critica, c'è il fascino del ' sogno americano ' , qui emerge quasi esclusivamente lo svelamento di personaggi che han perduto se stessi.
La pienezza di significato del libro sta proprio nella rappresentazione dell'assenza di significato nella dimensione esistenziale di questi personaggi, dove "la vita è troppo contemporanea" , "la città mangia e dorme rumore" e ci si chiede "perché morire quando puoi vivere su disco ?".
Si avverte il disorientamento di uno spaccato di società senza radici, senza una consolidata tradizione a cui attingere, totalmente carente di interiorità spirituale; la ragione, poi, non è quella illuminista, bensì di derivazione positivistica fatta di tecnicismo e aridità.
Il potere capitalistico-finanziario pare aver un dominio agghiacciante: l' "andamento dello yen (...) potrebbe annientarci nel giro di qualche ora" e "il denaro parla a se stesso", "l'unica cosa che importa è il prezzo che paghi".

A questo punto l'immagine emblematica che resta è "la grande, sparsa bellezza dei bidoni della spazzatura rovesciati".

Quale saggezza nel nostro buon Manzoni che scriveva: "Non tutto ciò che viene dopo è progresso" !

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...

letteratura americana
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

14 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

siti
09 Novembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Caro Emilio,
inizi con Terzani, finisci con Manzoni, mi son persa De Lillo, ma se è solo stile, passo volentieri.
Laura
Mi sembra di capire che da qui appaia in tutta la sua evidenza l'amara disillusione del sogno americano! Che dire? Manzoni aveva di sicuro ragione, l'essenziale è che si sappia cogliere ciò che tra tanto squallore può essere definito progresso.
Emilio, trovo bellissime tutte le citazioni che hai inanellato nel corso della recensione, nessuna esclusa. Molte avrebbero meritato di finire nella pagina delle frasi più belle. Bravo.
In risposta ad un precedente commento
Emilio Berra  TO
10 Novembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Laura, trovo che lo stile di De Lillo sia proprio di buon livello, come la rappresentazione della realtà descritta. Per quanto riguarda il coinvolgimento personale, non c'è proprio stato.
Una parte della letteratura americana contemporanea è così: enfatizza (forse) la brutalità della società, ma non ricerca elementi costruttivi, di speranza. Poi la carenza di una forte tradizione a cui ancorarsi fa il resto.
In risposta ad un precedente commento
Emilio Berra  TO
10 Novembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Anna Maria.
Condivido ciò che dici.
Nel libro mi pare ci sia solo la disillusione.
In risposta ad un precedente commento
Emilio Berra  TO
10 Novembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Rollo.
Ho introdotto nella recensione alcune frasi estrapolate dal libro sia perché sono così espressive da bastare a se stesse, sia per dare un'idea del livello letterario de testo.
"Molto bello e piuttosto noioso" mi sembra però un ossimoro che disorienta chi legge :-)
In risposta ad un precedente commento
Emilio Berra  TO
10 Novembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Cristina, comprendo che possa apparire così, però la valutazione critica sul contenuto e sullo stile è molto meno soggettiva rispetto a quella relativa alla piacevolezza. Infatti non condivido coloro che fanno del proprio ' gusto ' l'unico parametro di valore letterario.
Devo aggiungere che questa scrittura ' molto americana ' mi annoia un po', anche se qui siamo quasi ai vertici di tale modalità espressiva.
Un altro aspetto che trovo deprimente è la carenza di tradizione riscontrabile in molti americani, nel senso che spesso, anche per motivi storico-sociali, non hanno alle spalle una consolidata civiltà a cui attingere, per cui la loro letteratura risulta... nevrotica.
In risposta ad un precedente commento
siti
10 Novembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Proverò a leggerlo, prima o poi.
molto interessante Emilio il tuo commento.
non conosco De Lillo, ma seguo tutte le recensioni sperando di trovare lo slancio giusto per provarne la lettura....
14 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Essere lupo
Certi sconfinamenti
Una buona madre
Se vado via
Ultima chiamata per Charlie Barnes
Finché non aprirai quel libro
Piccole cose da nulla
La stella del mattino
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage