Dettagli Recensione

 
Io prima di te
 
Io prima di te 2015-01-11 18:10:13 Mian88
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    11 Gennaio, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Sapere è potere".

La matematica insegna che le rette parallele sono destinate a non incontrarsi mai. Eppure la vita ci dimostra che spesso sono proprio quegli universi che sembrano agli antipodi e privi di qualsiasi cosa in comune, quei mondi che paiono procedere autonomamente senza mai bisogno di incrociare le loro strade, quelli che alla fin fine traggono maggiori benefici da quell'inatteso scambio reciproco. Questo accade tanto nei libri quanto nella realtà ed è ciò che distingue “Io prima di te” da altre opere dello stesso genere.
La ventiseienne Louisa è una giovane ragazza che ancora non sa cosa vuole di preciso dalla vita, si limita ad esistere affrontando le difficoltà quotidiane accantonando se stessa e ciò che desidera, il trentacinquenne Will è l'esatto opposto. E' un uomo che ama vivere, è affamato di vita. Ma un vincolo lo costringe a rinunciare tutto ciò che ama. Nonostante si sia dedicato ad attività spericolate e sport estremi ha subito una lesione C/5 al midollo che lo ha reso tetraplegico mentre aspettava un taxi per andare al lavoro. E da quel momento tutto ciò che rendeva unica la sua esistenza ha perso valore, non ha più significato. Si limita a sopravvivere come se i giorni costretti su quella maledetta sedia non fossero altro che un test di resistenza. Non ce la fa più.
La bravura dell'autrice non è stata tanto quella di mettere in evidenza come l'amore possa nascere tra due persone così diverse e che mai si sarebbero incontrate se non fosse stato per il sinistro bensì è quella di porre il lettore nei panni di entrambi i protagonisti. Quando Lou viene assunta è una ragazza che non crede in sé stessa, con poche aspettative dalla vita, vincolata alla cittadina natia e alla famiglia poiché deve provvedere al loro sostentamento a causa della disoccupazione del padre. Ma dal momento in cui Will entra nel suo microcosmo lei non è più la stessa e non può far finta di esserlo ancora. Riscopre profondità in sé, impara a prendersi cura di un'altra persona e a non compatire chi è portatore di un handicapp bensì ad apprezzarne la forza osservando il “non visibile agli occhi”, non considera più la distanza fisica con Will come un vero impedimento, lo ama con forza disarmante per tutto quello che è e per quello che può offrirle essendo semplicemente sé stesso ed ella a sua volta restando Lou. Matura. Comprende che in lei c'è altro oltre alle apparenze e grazie al compagno riesce a capire che vuole di più dalla vita perché anche lei ha fame di vivere.
Viceversa Will è un uomo affranto. Non può considerare vita quella che ogni giorno è costretto ad affrontare. Non può non considerare una sedia a rotelle come un vincolo e nonostante il suo amore per l'assistente sceglie di portare a termine il suo proposito di felicità anche se questo è determinato dalla sua morte. Può veramente considerarsi vivere la condizione in cui è rilegato? Può essere biasimato per la sua volontà? Ha vissuto al 100% ogni giorno della sua vita, sa cosa aspetta alla ragazza se lei continua a stargli accanto e sa che la sua condizione non può migliorare ma solo peggiorare. Per alcuni la sua scelta può essere considerata come un gesto egoistico, per me invece è una scelta di coraggio ma anche di altruismo. Non è facile decidere di porre fine alla propria esistenza, anche quando si è bloccati su una carrozzina e si può muovere a malapena il collo e parzialmente un braccio. Ed è una scelta altruista perché sa che se continuasse a vivere oltre a far soffrire se stesso rischierebbe di donare giorni bui anche alla donna che ama. E' vero che per lei non sarebbe un problema poiché i suoi sentimenti sono autentici, ma si può colpevolizzare una persona perché sceglie di liberarne un'altra sperando che questa possa vivere al massimo delle sue possibilità e magari con una persona che oltre ad amarla possa anche donarle tutto senza limitarla? Queste sono solo alcune delle riflessioni che il romanzo ha suscitato in me. Potrò risultare rude, potrò avere dissensi ma io non me la sento di deplorare un individuo perché ha fatto una scelta e perché ha potuto farla. Anche se questa è dolorosa per tutti quelli che ha attorno. Questa decisione è prima di tutto sofferenza per chi la prende perché di vita ce ne è una e prediligere per la sua cessazione non è mai una “opzione a buon mercato”. Ma sopravvivere può essere sufficiente? Ci si può accontentare? Si può accettare di dipendere da tutti per qualsiasi cosa? Non tutti ci riescono e non tutti possono.
Personalmente ritengo che la colonna portante del componimento sia Will che, con la sua saggezza e la sua forza di volontà, fa i regali più belli a Louisa: le insegna a vivere, le fa capire che lei “può” se veramente lo desidera, tutti possono se hanno voglia di sprecare le loro energie e lottare, le dona un amore puro e le fa scoprire la portata dirompente di questo sentimento, le ricorda di essere libera.
Questa è la forza della Moyes, oltre a farti versare un miliardo di lacrime ti fa riflettere su uno dei temi che sono più attuali e che ad oggi ancora non hanno raggiunto una definizione. Anni fa lessi il romanzo coscritto dal padre di Eluana Englado e nella mia breve esistenza ho avuto modo di vedere persone in stato di disabilità per i motivi più vari quindi se la domanda fosse posta a me la mia risposta sarebbe che no, io non me la sento di condannare nessuno perché la libertà è vita e la vita è anche scelta.
L'unica cosa che posso consigliarvi è di leggere il romanzo senza pregiudizi per il filone a cui appartiene e senza pretese per lo stile semplice e diretto utilizzato così da riflettere prima di tutto con voi stessi. Immedesimatevi in Will nonché in Louisa e fate tesoro dell'insegnamento.

«So che la maggior parte della gente pensa che vivere nelle mie condizioni sia praticamente la cosa più terribile che possa capitare, ma potrebbe anche andare peggio. Potrei finire per non essere più in grado di respirare da solo o di parlare, oppure avere dei problemi circolatori che potrebbero implicare l'amputazione degli arti. Potrei essere ricoverato per un tempo indefinito. La mia non è una gran vita, Clark, ma quando penso a quanto potrebbe peggiorare certe notti resto disteso sul letto e mi manca il respiro.»
Deglutì. «E sai una cosa? Nessuno vuole sentir parlare di tutto questo. Nessuno vuole sentirti dire che sei spaventato, o che soffri, o che hai paura di morire per colpa di qualche stupida infezione presa per caso. Nessuno vuole sapere come ci si sente a essere consapevoli che non farai più sesso, non mangerai mai più il cibo che hai cucinato con le tue stesse mani o non potrai più tenere tuo figlio tra le braccia. Nessuno vuole sapere che qualche volta mi sento così intrappolato su questa sedia che ho soltanto voglia di gridare come un pazzo al pensiero di trascorrere un altro giorno inchiodato qui. [...] Tutti vogliono vedere il lato positivo. Hanno bisogno che io veda il lato positivo. Hanno bisogno di credere che esista un lato positivo.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Io l'ho ricevuto per regalo di Natale e se così non fosse stato non so se lo avrei mai letto. Avrei così errato. Lo consiglio a tutti perché è un romanzo che ti lascia qualcosa e tratta un tema attuale.
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
ferrucciodemagistris
11 Gennaio, 2015
Ultimo aggiornamento:
11 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Bellissima recensione; un argomento molto delicato colmo di domande a cui non è possibile, in maniera univoca, poter dare risposte. Ognuno di noi ha una propria idea in merito ma ci si domanda spesso qual è la soluzione ottimale. Ma si può parlare di soluzione per argomentazioni di tal genere? penso che la nostra comprensione sia limitata nel definire quale è vita e quale non è. Grazie per la tua segnalazione. Ciao.
Ferruccio
In risposta ad un precedente commento
Mian88
11 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Ferruccio, in primo luogo per aver letto le mie parole ed in secondo per il bel commento che mi hai scritto. Ahimè non credo che si possa parlare di soluzione per problemi di questo genere. Quando si parla di vita e della possibilità di interromperla si aprono dinamiche e problematiche infinite (es. se la suddetta possibilità viene concessa al portatore di handicap perché questo ritiene che la sua condizione di vita non sia degna allora va concessa anche al suicida poiché anch'esso verte in stato di disagio? E via dicendo) che difficilmente trovano una voce univoca nel coro. Ed é vero, siamo circoscritti a definire quando un determinato tenore è o non è vita. Il fatto é che per capire certe volte bisognerebbe provare o peggio ancora osservare quella che taluni definiscono comunque vita e tali altri no. Secondo me è l'incertezza che complica ancora più queste dinamiche. Se vi fosse almeno una linea guida effettiva da seguire (e non solo contrasti tra riferimenti costituzionali, direttive europee e proposte di legge che sortono fuori solo quando ci è un malato che chiede l'eutanasia) ognuno potrebbe agire nel rispetto delle proprie scelte e consapevole di una possibilità e non. Grazie ancora, Maria
Argomento molto attuale. Ogni risposta e ogni soluzione presenta aspetti negativi e positivi. Personalmente ho sempre pensato che ci voglia molto più coraggio a scegliere di morire che di vivere, ma sono certa che bisogna vivere in certe situazioni per poter giudicare....bella analisi, la tua. Complimenti.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
12 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
cara Annamaria, come te anch'io penso che ci voglia molto più coraggio a scegliere di morire che a continuare a vivere e nuovamente mi trovo d'accordo con il tuo pensiero in merito al fatto che talune situazioni bisogna viverle per poterle giudicare. Ti ringrazio per aver letto il mio commento e per aver apprezzato la mia analisi. Grazie di cuore! Maria :-)
In risposta ad un precedente commento
Pia Sgarbossa
12 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Bellissima e profonda recensione...riflessioni a dir poco toccanti...Bravissima Mian...
Pia
In risposta ad un precedente commento
Mian88
12 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Pia, non sai quanto mi hai commossa con le tue parole. Grazie di cuore :-)
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri