Dettagli Recensione

 
Thérèse Desqueyroux
 
Thérèse Desqueyroux 2015-01-17 17:05:18 Mario Inisi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    17 Gennaio, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Solitudine

"...ci sono esseri che sono tagliati fuori da tutto, da tutte le parti, tranne che da Dio, tranne che dall'Infinito; esattamente come il toro che, dal suo recinto, è costretto, per arrivare all'arena e alla morte, a percorrere cunicoli bui e tenebrosi. A distanza di anni,credo di poter affermare che nella mia mente tutte queste impossibilità che andavo accumulando dovevano necessariamente portare a Therese- e comunque non ci sono riuscito- verso la luce."

Therese è una donna dei tempi-prima-del-divorzio quando un rapporto diventato insostenibile psicologicamente poteva indurre alla tentazione di uccidere il partner. Therese è una donna affascinante non tanto per il suo crimine tentato, quanto perchè è una donna viva rispetto al resto della sua famiglia, con una interiorità voluminosa e ingombrante, piena di contraddizioni e di debolezze, e, essendo donna a quei tempi, anche di obblighi e di costrizioni. E' un personaggio in cui è difficile calarsi ma che suscita simpatia e compassione nel lettore proprio per il vuoto assoluto in cui vive. La persona a lei più vicina è proprio il marito, che lei ha tentato di uccidere. Il personaggio è descritto magistralmente dall'autore. Ci sono pagine bellissime e un insolito finale non alla Mauriac. Non c'è redenzione, non c'è speranza, non c'è una mano tesa veramente ma solo un abbozzo di mano tesa da parte del marito. C'è solo altra sicura solitudine per Therese.

"Che importa amare questo o quel paese, i pini o gli aceri, l'oceano o la pianura? Degli esseri viventi la interessavano solo quelli di carne e sangue. "Quello che amo non è la città con le sue pietre, nè le conferenze, nè i musei, ma è la foresta viva che vi si agita, attraversata da qualsiasi tempesta. Il lamento dei pini di Argelouse, la notte, era emozionante solo perchè si sarebbe detto umano."
Therese aveva bevuto un po' e fumato molto. Rideva da sola beata. Si passò del fard sulle guance e si ritoccò le labbra, con cura meticolosa; poi raggiunta la strada, camminò senza meta."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Dostojevskij
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Bella recensione per un libro che si capisci ti ha colpito.
Complimenti.
Riccardo
In risposta ad un precedente commento
Pia Sgarbossa
17 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Bellissimo...tutto!!!
Una curiosità Mario...hai inserito tu la scheda di questo libro?
Grazie, Pia
siti
18 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Certo che mi fa uno strano effetto questo invito alla lettura.
Personalmente ritengo che la solitudine sia uno dei beni più preziosi da preservare e da saper valorizzare. Ottima segnalazione
Bel commento, Mario.
Titolo e autore già annotati.
In risposta ad un precedente commento
Mario Inisi
18 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie a tutti. Sì, ho inserito io tutte le schede dell'autore. Cerco di rispolverarlo. A me piace tantissimo. E' curioso come è cambiato il gusto letterario in pochi anni. L'autore ha uno stile asciutto ma molto evocativo. Usa immagini che perforano il cervello. Io rimpiango la potenza di quelle immagini: la foresta di torce e tante altre. Le pagine sembrano vive.
La solitudine è intesa come isolamento sociale di una persona diversa dal resto del mondo per tanti motivi tra cui il suo piacere della cultura fuori luogo in una donna che deve essere incastrata in occupazioni femminili come matrimonio e cura della casa.
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
19 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Che bella scrittura i brani riportati, mi piace molto grazie della segnalazione.
Bellissima segnalazione Mario!
In risposta ad un precedente commento
Mario Inisi
19 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie!
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La parata
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri