Dettagli Recensione

 
Austerlitz
 
Austerlitz 2015-06-26 00:20:27 f.martinuz
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
f.martinuz Opinione inserita da f.martinuz    26 Giugno, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dio salvi la traduttrice

Austerlitz è un romanzo atipico che può essere ricondotto senza troppi patemi al modello dello stream of consciousness. Nonostante Sebald riempia oltre trecento pagine, i fatti degni di nota sono ben pochi e la “trama”, se così si può definire, è estremamente annacquata. Austerlitz, indiscusso mattatore del libro, è uno studioso ed ex insegnante di inglese, amante dell’architettura, della scrittura e della riflessione che per caso incontra il narratore del libro, il quale a sua volta ne riporta le parole. Inizia così un lunghissimo viaggio temporale che parte dalla gioventù orfana di Austerlitz fino alla Parigi di fine Novecento passando per Londra, Germania e soprattutto Praga, sua città natale.

Ma la trama è tutta qui. Tra una fermata e l’altra troviamo minuziose descrizioni storiche e fisiche, talvolta estremamente tecniche, di edifici e architetture; ci imbattiamo in pensieri, elucubrazioni e riflessioni personali brillanti ma che sembrano non approdare a nulla; il tutto in un mare di parole.
Si ha come l’impressione (almeno mi è parso) che il testo sfociasse nell’egocentrismo di Austerlitz, che a sua volta si concretizza in estenuanti e aride descrizioni che si susseguono stancamente, creando, in conclusione, un’accozzaglia di esperienze. Quest’ultime descritte fin nell’estremo dettaglio tanto da risultare poco incisive.
Il libro non manca di buone intenzioni e di spunti interessanti, anzi tutt’altro, ma anch’essi naufragano nel mare di parole e immagini che si estende per oltre trecento pagine.

Non aiuta inoltre l’infinito periodare, a cui Sebald sembra tanto fedele, composto da subordinate, da subordinate di subordinate e da frasi incidentali che più delle loro “colleghe sintattiche” sommergono la già scarsa tensione narrativa e il corso del pensiero del protagonista. Richiede dunque molta attenzione, anche solo per individuare e poi ricordarsi la “frase principale” da cui il discorso parte.

Il libro propone comunque elementi interessanti che possono alimentare la riflessione personale, offre una varietà linguistico-lessicale propria di ben pochi autori, italiani e non; e trovo estremamente interessante l’utilizzo della corrispondenza testo-immagine come stratagemma narrativo. Al di là di questi piccoli pregi non mi sentirei di consigliare questo libro, se non a coloro che amano perdersi nei meandri dell’artificiosità linguistica.

P.S: vorrei qui sottolineare l’estrema bravura della traduttrice, Ada Vigliani, a cui va un sentito applauso per la finissima abilità di rendere la complessità della lingua di Sebald e della lingua tedesca, la cui problematicità, nonché ricchezza linguistica, ho avuto personalmente modo di affrontare durante gli studi. Chapeau.

FM

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Proust
Ulysses di Joyce
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Ciao Francesco. Anch' io ho avvertito la pesantezza della lettura di questo libro la cui bellezza è soprattutto nello stile ( gustato in piccole dosi) e, concordo, ben reso nella traduzione. Dell' autore, precedentemente, avevo letto un bellissimo volumetto dedicato ad uno scrittore ( mi pare Valser) amante delle passeggiate, con uno stile lieve, incantevole.
In risposta ad un precedente commento
f.martinuz
26 Giugno, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio. Grazie per la segnalazione ma credo che dopo questa esperienza per un po' starò lontano da Sebald. Lo stile, come hai scritto tu, è impeccabile ma in alcuni punti del romanzo il mio unico desiderio era arrivare al punto per concludere la frase e prendere fiato; e in questa mia disperata ricerca ho perso quello che nel frattempo stavo leggendo. E' da gustare proprio a piccole dosi.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri