Dettagli Recensione

 
Stupore e tremori
 
Stupore e tremori 2015-07-27 21:08:06 Giu_Bi
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Giu_Bi Opinione inserita da Giu_Bi    27 Luglio, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il voluttuoso abbrutimento di Amèlie

“Stupore e tremori” é un breve romanzo autobiografico che ha l’effetto di una doccia fredda, e il potere di ridimensionare drasticamente ogni narcisismo.
Amèlie, belga nata in Giappone da una famiglia di diplomatici, vi vive la prima infanzia e vi ritorna dopo la laurea, assunta in una grande azienda: la Yumimoto. Sarà grande lo sconcerto vissuto dal lettore occidentale – parallelamente alla protagonista – nel confrontarsi con i meccanismi culturali e relazionali che regolano la vita nell’azienda giapponese, massima espressione di una cultura gerarchizzante e alienante per il singolo, a favore di una concezione collettivista.
Il romanzo è a tratti divertente, a tratti crudele: il lettore non può non vivere con empatia la vicenda di Amèlie. L’inevitabile sensazione di degnazione, di spreco, di “meritare” di più lascia presto il posto a una bizzarra forma di sollievo; ridimensionare le proprie aspettative si può e si deve in un’azienda come la Yumimoto e, tutto sommato, non è poi così male: è un “voluttuoso abbrutimento”: “com’era bello vivere senza orgoglio e senza intelligenza. Mi ibernavo”.
Amèlie sperimenta l’insospettabile sollievo dell’umiltà, la grazia pacata della deresponsabilizzazione, sente di uscire da sé stessa; solo il potente strumento dell’ironia la salva dal degrado, e la aiuta invece a trovare un senso – per quanto bizzarro – alla sua caduta.

La Nothomb ci guida con grazia tagliente lungo la decadenza di Amèlie, con la sua scrittura asciutta ma ricca di spunti ironici. I dialoghi prendono vita con immediata fruibilità, e i caratteri e le emozioni traspaiono attraverso le frasi concise dell’Autrice.
- E’ certa di non farlo apposta?
- Assolutamente certa.
- Ce n’è molta di … gente come lei nel suo paese?
Ero la prima belga che conosceva. Un rigurgito di orgoglio nazionale mi indusse a rispondere la verità:
- Nessun belga è come me.
- Ciò mi rassicura.

L’ironia è ciò che dà impronta alla scrittura dell’Autrice, ed è lo strumento che permette di trasformare la disgrazia in bizzarrìa, il degrado in purificazione, lo sconcerto in ammirazione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Proprio una bella recensione!
Laura
In risposta ad un precedente commento
Giu_Bi
11 Novembre, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie, Laura
(con gran ritardo!)
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore