Dettagli Recensione

 
L'amante giapponese
 
L'amante giapponese 2015-10-28 14:54:46 Emilio Berra TO
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Emilio Berra  TO Opinione inserita da Emilio Berra TO    28 Ottobre, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

CHE?

"Temo che sia proprio la cattiva letteratura a riempire la testa di sentimenti falsi" (da Sandor Marai).

Se la morte che avanza viene raffigurata con la falce, non stupiamoci se gli ultimi palpiti della vecchia protagonista sono rivolti a un giardiniere.

California, in questi anni.
C'è una residenza per anziani molto particolare, in cui inspiegabilmente si è ritirata l'ottantenne Alma Belasco, artista, ricchissima, di aspetto aristocratico e supponente.
La giovane Irina, "creatura strappata a un racconto nordico", è un'infermiera di ampie mansioni.
L'intesa fra le due donne si afferma progressivamente, svelando insospettati segreti delle loro rispettive vite.
Poi una girandola di personaggi, dentro e fuori, molti dei quali vecchi.
Il testo della Allende è punteggiato di drammi e tragedie, anche se l'atmosfera che si respira può essere piuttosto definita melodrammatica, perché c'è qualcosa di agro-dolciastro che impregna di sé numerose pagine.
Questo libro dal titolo ottocentesco, lezioso fin dalla copertina, appartiene essenzialmente alla narrativa di consumo, d'intrattenimento, rivolta ad un pubblico femminile.
La mentalità di fondo è la stessa di quei salotti televisivi, condotti da donne, che si fondano sugli stereotipi di una visione borghese-laicista-modaiola, di un femminismo alla panna montata, che intravede nel consumismo, volto a soddisfare vanità e immediati desideri, l'orizzonte valoriale ed estetico. Tant'è che le parti più riuscite del testo sono quelle che si sottraggono ai miraggi di tale ideologia e fanno rivivere il ricordo delle durissime condizioni dei Giapponesi che vivevano in America durante la Seconda Guerra Mondiale dopo l'attacco di Pearl Harbor, oppure quelle che manifestano il vissuto di chi, per età, sta perdendo la propria autosufficienza.
Il resto è ben poco verosimile. La nostra romanziera ci mette dentro di tutto : dalla droga all'Aids, dall'ossessione erotica senile al mondo gay; poi l'eutanasia, gli orrori della pedopornografia... Ciò produce una trama incalzante, troppo, con giravolte e colpi di scena poco credibili, da lasciare certamente insoddisfatto chi cerca autenticità, non storie costruite a tavolino.

La scrittura è agile e scorrevole, talvolta gradevole, ma sovente 'posa' , diventa banale, da romanzetto rosa; infatti troviamo "confidenze sussurrate tra un abbraccio e l'altro", "baci interminabili", poi "la passione", "desideri e segreti", "scaramucce amorose"... Siamo insomma ben lontani da ciò che Italo Calvino diceva in Lezioni Americane, cioè che "la letteratura (e forse solo la letteratura) può creare gli anticorpi che contrastino l'espandersi della peste del linguaggio".
D'altronde qui le cadute linguistiche sono solo la veste calzante di una mentalità ormai diffusa e convenzionale.
Inoltre troppo viene detto; il profluvio di parole rischia di travolgere il povero lettore e gli toglie spazi di immaginazione.
L'autrice sa che cosa si aspettano da lei le sue affezionate lettrici, e lei è abile a non deluderle. Intanto si scalano le classifiche, con soddisfazione del mercato editoriale.
Un personaggio del già citato Marai dice che "ormai i libri sono così tanti che sembra non esserci quasi più spazio per il pensiero". Per chi ama la Letteratura, l'alternativa, lo sappiamo, è costituita da quei libri che definiamo 'classici', antichi o contemporanei, sempre attuali, con la loro bellezza e qualche brandello di verità.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
320
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

28 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2 3
Ordina 
Valerio91
28 Ottobre, 2015
Ultimo aggiornamento:
28 Ottobre, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Caro Emilio,
condivido in toto il tuo disappunto. Non ho letto questo romanzo, ma so cosa significhi avere a che fare con "pessima letteratura". E' una pugnalata al cuore fare un giro in libreria e posare lo sguardo sull'attuale classifica editoriale. Oramai è complicato trovare libri contemporanei che siano letteratura vera, e se ci sono risultano difficili da scovare, perchè oggi quello che va per la maggiore sono queste cose qui... intrattenimento e nulla più. E' triste, ma possiamo sempre rifugiarci nei classici. O almeno, io faccio così.
Complimenti, e un saluto.
Valerio.
Bravo Emilio,
colpita e affondata. Ho appena acquistato il libro, lo rigiro tra le dita mentre ti leggo e quello che era iniziato come un sogno sta per diventare un incubo. La speranza di una buona lettura le tue parole l'hanno affogata, adesso, in un mare di dubbi. Che fare? Leggere o non leggere? Questo il dilemma.
Per il momento, visto ciò che dici, passo ad altro. Non è la wishlist che mi manca, poi vedrò. Grazie per l'aiuto.
Grazie, Valerio.
Se si guardano le classifiche di vendita in ambito letterario, c'è veramente da allarmarsi. Si parla spesso di pochi lettori, ma se vengono letti soprattutto "quei" libri...
C'è da sperare che i grandi autori vengano letti in modo costante nel tempo, mentre i romanzi usa-e-getta producano solo un fuoco di paglia.
Grazie MrsRiso.
Mi spiace del dilemma. Io l'ho trovato di modesta qualità. Inoltre vi aleggia un' iperfemminilità di maniera.
Non so quali esiti dia per una donna come lettrice. Se lo leggerai, sarò curioso di sentire il tuo parere.
siti
28 Ottobre, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Però...non me lo aspettavo, pensavo meglio della Allende, avevo letto Paula e mi era piaciuto parecchio, certo lì la scrittura era legata strettamente al lutto...
Penso che questo libro sia stato scritto frettolosamente: accadimenti sorprendenti in quanto poco credibili, leziosaggini....
Della Allende avevo letto solamente "Il piano infinito", che avevo trovato noiosissimo. Ora questo, così artefatto. Ora questa autrice non mi desta più alcun interesse.
Emilio mi sorprendi con la tua ironia. Bellissima recensione. Sono completamente d'accordo con te e mi hai tolto pure una tentazione, pensavo che questo romanzo fosse molto bello.
Ciao Emilio, interessante recensione; il romanzo è in attesa di lettura e ne ho sentito parlare bene; la tua valutazione è molto valida per un approccio maggiormente critico al di là delle "voci di corridoio". Grazie.
Ferruccio
Grazie Mario.
L'ho trovato proprio deludente. Penso che i lettori uomini siano d'accordo con me. Le donne non so.
Grazie Ferruccio.
Penso che magari possa piacere a donne che leggono romanzi d'intrattenimento.
28 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempi duri
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri