Dettagli Recensione

 
Le catilinarie
 
Le catilinarie 2016-04-11 09:26:13 C.U.B.
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    11 Aprile, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non aprite quella porta

Ultrasessantenni ed innamoratissimi come se il tepore dell’amore di bambini non avesse fatto che alimentarsi ogni giorno di piu’, per decenni e decenni. Poi finalmente la Casa.
Quella dimensione tanto sognata, auspicata per anni una volta ottenuto il congedo dal lavoro.
Una dimora di campagna, isolata dal resto del mondo, popolata solo dall’affetto dei due sposi, dal fruscio dei tanti libri, dai passi ovattati della semplicita’, da infinite e cinguettanti primavere profumate e mesti, algidi inverni di neve e gelo.

Solo un’altra casa, una . Soltanto due vicini, due.

Il pugno bussa , clamoroso ed invadente, alla porta dei beati Emile e Juliette ogni sacrosanto giorno alle sedici.
L’abominevole dirimpettaio si accascia in poltrona scortato dai suoi monosillabi per due infinite ore, poi domani e dopodomani e il giorno successivo ancora. E poi di nuovo e da capo.
Le mattine trascorrono con l’ossessione che presto sara’ pomeriggio, il pomeriggio un risuonare di campanelli d’allarme e poi le notti, oh le notti insonni a rimuginare per ore e ore.
Finche’ la snervante routine dell’infiltrato non trasforma il piccolo Eden in una patologia di decadente delirio.

Come alla signora Nothomb venga in mente di cogliere aneddoti simili per intrattenere i suoi adepti mi restera’ sempre ignoto, sta di fatto che certe sceneggiature tanto elementari quanto caustiche e psicotiche sono riconducibili a lei sopra ogni ragionevole dubbio.
Logoranti ai limiti della debilitazione nervosa i soggetti de Le Catilinarie, il ritmo sostenuto e la curiosita’ di scoprire l’esito della vicenda rendono la lettura accattivante e serrata.
Molta Amèlie Nothomb e poca igiene mentale, buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Dalla tua presentazione, deduco che questo libro dev'essere più bello di quello che ho letto io (non ricordo il titolo) ; libro che mi ha fatto abbandonare l'autrice.
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
12 Aprile, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Credo, Emilio, che l'impronta della Nothomb sia tanto incisiva quanto ricorrente. Se ti ha gia' deluso e' probabile ti deluda di nuovo.
In risposta ad un precedente commento
Bruno Elpis
13 Aprile, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Tutti ricorrono.
Non tutti danno qualche scossa o qualche brivido. :-)
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore
La grande foresta