Dettagli Recensione

 
L'amore fatale
 
L'amore fatale 2017-01-26 18:56:36 annamariabalzano43
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
annamariabalzano43 Opinione inserita da annamariabalzano43    26 Gennaio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ricerca della verità in un mondo di ambiguità e in

“Viviamo avvolti dentro una nebbia percettiva in parte condivisa ma inaffidabile, e i nostri dati sensoriali ci arrivano distorti dal prisma di desideri e convinzioni che alterano persino i ricordi.”
È in un’atmosfera di incertezza, prossima alla confusione che ha luogo la vicenda narrata nel bel romanzo di Ian McEwan, “L’amore fatale”. Una trama semplice che si arricchisce di descrizioni di stati d’animo e di considerazioni interessanti sul rapporto tra letteratura e scienza, argomento di interesse fondamentale per il protagonista Joe Rose, giornalista scientifico.
È tuttavia la passione ossessiva di Jed Parry per Joe Rose, scatenatasi all’improvviso, durante il tentativo fallito di riportare a terra un pallone aerostatico fuori controllo e salvare una vita, che è il nucleo centrale del romanzo.
Il lettore si trova di fronte a una realtà spesso mutevole che insinua sospetti e crea suspense, nella migliore tradizione del thriller britannico.
McEwan sembra voler suggerire come la sfera irrazionale dell’uomo possa talvolta seriamente minacciare la sua comprovata razionalità. Non è un caso che Joe e Clarissa vedano diversamente la realtà che minaccia Joe, essi si dibattono tra certezze e incertezze e la trama del romanzo diviene in definitiva un viaggio esplorativo nella loro mente. Obiettività e verità sono mete difficili da raggiungere.
In questo clima di dubbio è l’amore a essere penalizzato, l’amore tra Clarissa e Joe, l’amore di Jean Logan per il marito defunto, l’amore malato di Jed per Joe, al punto che sorge spontaneo chiedersi: in questo caos che ci circonda, in questo mondo disgregato e fuori controllo, in cui la vittima può trasformarsi in carnefice, come suggerisce l’episodio dell'acquisto di una pistola da parte di Joe, in questo mondo, dunque, come può esistere e resistere l’amore? Come si possono realizzare bellezza e verità, come suggerisce l’ode di Keats, “ Beauty is truth and truth is beauty”, così frequentemente citata nel romanzo?
Questo forse è il tema che più interessa a McEwan, e che diviene centrale in molte altre sue opere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Davvero una bella analisi, Anna Maria. E com'è gradevole leggere la tua scrittura che abbina senso estetico e rigore intellettuale!
Di McEvan ho letto solamente "Espiazione" : un bel romanzo che però non mi ha lasciato del tutto soddisfatto.
Grazie Emilio delle tue gentili parole. McEwan è proprio così. Lo si può amare o glii si può essere indifferenti. D'altra parte è un po' cosi con qualsiasi scrittore. Non credi? A me piace particolarmente per esempio perché nelle sue opere trovo tanti spunti che mi riportano agli studi di letteratura inglese che ho fatto e che ho tanto amato.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale dell'oblio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il lampadario
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il peso
La vita prima dell'uomo
Mao II
Il sale dell'oblio
La casa dell'oppio
Un circolo vizioso
Un'altra donna
Lo squalificato
I quaderni di don Rigoberto
Il lampadario
Carne e sangue
Casa di giorno, casa di notte
In una notte buia uscii dalla mia casa silenziosa
Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta